[1]

I. M. I.

 

Amore mio e vita mia, guida Tu la mia mano e sii insieme con me nello scrivere, sicché non io, ma Tu farai tutto, mi detterai le parole affinché siano tutte luce di verità, non permettere che metta niente di me, anzi fa’ che io scomparisca affinché tutto Tu faccia, e tutto tuo sia l’onore e la gloria, io faccio ciò solo per obbedire, e Tu non negarmi la tua grazia.

 

+  +  +  + 

 

14-1

Febbraio 4, 1922

 

L’amore ramingo e respinto dà in singhiozzo di pianto.

 

(1) Trovandomi nel solito mio stato, il mio sempre amabile Gesù si faceva vedere tutto affannato, il suo respiro era fuoco, e stringendomi a Sé mi ha detto:

(2) “Figlia mia, voglio refrigerio alle mie fiamme, voglio sfogare il mio amore, ma il mio amore è respinto dalle creature.  Tu devi sapere che Io nel creare l’uomo, misi fuori da dentro la mia Divinità una quantità d’amore che doveva servire come vita primaria delle creature, per arricchirsi, per sostenersi, per fortificarsi, e per aiuto in tutti i loro bisogni, ma l’uomo respinge quest’amore ed il mio amore va ramingo dacché fu creato l’uomo e gira sempre senza mai fermarsi, e respinto d’uno corre ad un altro per darsi, e come è respinto dà in singhiozzo di pianto, sicché l’incorrispondenza forma il singhiozzo di pianto dell’amore.  Onde, mentre il mio amore va ramingo e corre per darsi, se vede uno debole, povero, dà in singhiozzo di pianto e gli dice:  “Ahi, se non mi facessi andare ramingo e mi avessi dato alloggio nel tuo cuore, saresti stato forte e nulla ti mancherebbe”.  Se vede un altro caduto nella colpa dà in singhiozzo:  “Ahi!  se mi avessi dato l’entrata nel tuo cuore non saresti caduto”.  Per quell’altro che vede trascinato dalle passioni, infangato di terra, l’amore piange e singhiozzando gli ripete:  “Ahi!  se avessi preso il mio amore, le passioni non avrebbero vita su di te, la terra non ti toccherebbe, il mio amore ti basterebbe per tutto”.  Sicché in ogni male dell’uomo, piccolo oppure grande, lui ha un singhiozzo di pianto e continua ad andar ramingo per darsi all’uomo, e quando nell’orto del Getsemaní si presentarono tutti i peccati innanzi alla mia Umanità, ogni colpa aveva il singhiozzo del mio amore, e tutte le pene della mia Passione, ogni colpo di flagello, ogni spina, ogni piaga, era accompagnata dal singhiozzo del mio amore, perché se l’uomo avesse amato, nessun male poteva venire; la mancanza d’amore ha germogliato tutti i mali ed anche le mie stesse pene.

(3) Io, nel creare l’uomo feci come un re, che volendo rendere felice il suo regno, prende un milione e lo mette in giro, affinché chi ne vuole ne prenda, ma per quanto gira, appena qualcuno prende qualche centesimo.  Ora, il re è ansioso di sapere se i popoli prendono il bene che li vuol fare, e domanda se il suo milione è finito per mettere fuori altri milioni, e gli viene risposto:  “Maestà, appena qualche centesimo”.  Il re sente il dolore nel sentire che il suo popolo non riceve i suoi doni e né li apprezza.  Onde, uscendo in mezzo ai suoi sudditi incomincia a vedere, chi coperto di stracci, chi infermo, chi digiuno, chi tremante di freddo, chi senza tetto, ed il re nel suo dolore dà in singhiozzo di pianto e dice:  “Ah!  se avessero preso i miei soldi non vedrei nessuno che mi fanno disonore, coperti di stracci, ma ben vestiti; né infermi, ma sani; non vedrei nessuno digiuno e quasi morto per fame, ma sazi; se avessero preso i miei soldi nessuno sarebbe senza tetto, avrebbero potuto benissimo fabbricarsi una stanza per ricoverarsi”.  Insomma, in ogni sventura che vede nel suo regno lui ha un dolore, una lacrima, e rimpiange il suo milione che l’ingratitudine del popolo respinge.  Ma è tanta la bontà di questo re, che ad onta di tanta ingratitudine non ritira questo milione, lo fa continuare a girare, sperando che altre generazioni possano prendere il bene che gli altri hanno respinto, e così ricevere la gloria del bene che ha fatto al suo regno.  Così faccio Io, il mio amore uscito non lo ritirerò, continuerà ad andare ramingo, il suo singhiozzo durerà ancora, fino a tanto che trovi anime che prendano questo mio amore fino all’ultimo centesimo, affinché cessi il mio pianto e possa ricevere la gloria della dote dell’amore che ho messo fuori a bene delle creature.  Ma sai tu chi saranno le fortunate che faranno cessare all’amore il singhiozzo del pianto?  Le anime che vivranno nel mio Volere, loro prenderanno tutto l’amore respinto dalle altre generazioni, con la potenza della mia Volontà creatrice lo moltiplicheranno quanto vogliano e per quante creature me lo hanno respinto, ed allora cesserà il suo singhiozzo, ed in ricambio sottentrerà il singulto della gioia, e l’amore appagato darà alle fortunate tutti i beni, e la felicità che gli altri non hanno voluto”.

 

+  +  +  + 

 

14-2

Febbraio 9, 1922

 

Il corpo straziato di Gesù è il vero ritratto dell’uomo che commette peccato.

Gesù nella flagellazione si fece strappare a brandelli le carni, si ridusse

tutto una piaga per ridonare di nuovo la vita all’uomo.

 

(1) Trovandomi nel solito mio stato, stavo seguendo le ore della Passione ed il mio dolce Gesù, mentre lo accompagnavo nel mistero della sua dolorosa flagellazione, si faceva vedere tutto scarnificato, il suo corpo denudato non solo delle sue vesti, ma anche delle sue carni, le sue ossa si potevano numerare uno per uno; il suo aspetto era non solo straziante ma orribile a vedersi, che incuteva timore, spavento, riverenza ed amore insieme.  Io mi sentivo muta innanzi ad una scena sì straziante, avrei voluto far chi sa che cosa per sollevare il mio Gesù, ma non sapevo far nulla, la vista delle sue pene mi dava la morte e Gesù tutto bontà mi ha detto:

(2) “Diletta figlia mia, guardami bene per conoscere a fondo le mie pene.  Il mio corpo è il vero ritratto dell’uomo che commette il peccato; il peccato lo spoglia delle vesti della mia grazia, ed Io per ridonarla di nuovo mi feci spogliare delle mie vesti.  Il peccato lo deforma e mentre è la più bella creatura che uscì dalle mie mani, si rende la più brutta e fa schivo e ribrezzo; Io ero il più bello degli uomini, e per ridonare la bellezza all’uomo, posso dire che la mia Umanità prese la forma, la più brutta, guardami come sono orrido, mi feci a via di sferzate scorticare la pelle, da non più conoscermi.  Il peccato non solo toglie la bellezza, ma forma piaghe profonde, marciose e cancrenose che rodono le parti più intime, gli consumano gli umori vitali, sicché tutto ciò che fa sono opere morte, scheletrite, gli strappano la nobiltà della sua origine, la luce della sua ragione e diventa cieco, ed Io, per riempire la profondità delle sue piaghe, mi feci strappare a brandelli le carni, mi ridussi tutto una piaga, e col versare a fiumi il sangue feci scorrere gli umori vitali nella sua anima, per ridonargli di nuovo la vita.  Ah!  se non avessi in Me la fonte della vita della mia Divinità, che come ad ogni pena che mi davano la mia Umanità moriva, essa mi sostituiva la vita, Io sarei morto fin dal principio della mia Passione.

(3) Ora, le mie pene, il mio sangue, le mie carni cadute a brandelli stanno sempre in atto di dar vita all’uomo, e l’uomo respinge il mio sangue per non ricevere la vita, calpesta le mie carni per restare piagato, oh!  come sento il peso dell’ingratitudine”.

(4) E gettandosi nelle mie braccia ha rotto in pianto.  Io me l’ho stretto al mio cuore, ma Lui piangeva forte, che strazio veder piangere Gesù!  Avrei voluto soffrire qualunque pena per non farlo piangere.  Onde l’ho compatito, l’ho baciato le piaghe, l’ho rasciugato le lacrime, e Lui come riconfortato ha soggiunto:

(5) “Sai come faccio Io?  Come un padre che ama molto suo figlio, e questo figlio è cieco, deforme, zoppo; ed il padre che lo ama fino alla follia, che fa?  Si cava gli occhi, si strappa le gambe, si scortica la pelle, e glieli dà al figlio e dice:  “Sono più contento di restare io cieco, zoppo, deforme, purché vegga te, mio figlio, che vedi, che cammini, che sei bello”.  Oh!  come è contento quel padre ché vede suo figlio guardare coi suoi occhi, camminare con le sue gambe e coperto con la sua bellezza; ma quale sarebbe il dolore del padre se vedesse che il suo figlio, ingrato gli getta via gli occhi, le gambe, la pelle, e si contenta di restare brutto qual è?  Tale sono Io, a tutto ci ho pensato, ma essi, ingrati formano il mio più acerbo dolore”.

 

+  +  +  + 

 

14-3

Febbraio 14, 1922

 

Il contento di Gesù quando si scrive di Lui.

 

(1) Trovandomi nel solito mio stato, il mio dolce Gesù si faceva vedere tutto compiaciuto e con un contento indescrivibile, ed io gli ho detto:  “Che hai Gesù?  Buone nuove mi porti che sei così contento?”

(2) E Gesù:  “Figlia mia, sai perché sono così contento?  Tutta la mia gioia, la mia festa è quando ti veggo scrivere, veggo vergare nelle parole scritte la mia gloria, la mia vita, la conoscenza di Me che si moltiplica sempre più, la luce della Divinità, la potenza della mia Volontà, lo sbocco del mio amore, le veggo vergate sulla carta ed Io in ogni parola sento la fragranza di tutti i miei profumi, poi veggo quelle parole scritte correre, correre in mezzo ai popoli per portare nuove conoscenze, il mio amore sboccante, i segreti del mio Volere; oh!  come ne gioisco, che non so che ti farei quando scrivi.  E come tu scrivi nuove cose su ciò che mi riguarda, così Io vo inventando nuovi favori per compensarti, e mi dispongo a dirti nuove verità per darti nuovi favori.

(3) Io ho amato sempre di più e ho riservato grazie più grandi a chi ha scritto di Me, perché essi sono la continuazione della mia vita evangelica, i portavoci della mia parola, e ciò che non dissi nel mio Vangelo, mi riservai di dirlo a chi avrebbe scritto di Me.  Io non finii allora di predicare, Io debbo predicare sempre, fino a che esisteranno le generazioni”.

(4) Ed io:  “Amor mio, scrivere le verità che Tu mi dici è sacrificio, ma il sacrificio allora si sente più duro e quasi non mi sento la forza, quando sono obbligata e mi costringono a scrivere le mie intimità tra Te e me, e ciò che riguarda me, che non so ciò che farei per non mettere penna su carta”.

(5) E Gesù:  “Tu resti sempre da parte, è sempre di Me che tu parli:  ciò che ti faccio, l’amore che ti voglio e dove giunge il mio amore verso le creature.  Questo spingerà gli altri ad amarmi, affinché anche loro possano ricevere il bene che faccio a te, e poi questo mischiare te e Me nello scrivere è anche necessario, altrimenti si direbbe, a chi ha detto questo?  Con chi è stato così largo nel favorirla?  Forse al vento, all’aria?  Non si dice nella mia vita che Io feci così largo con la mia Mamma?  Che parlai agli apostoli, alle turbe, e che sanai il tale infermo?  Quindi tutto è necessario, e sii sicura che ciò che scrivi, è sempre Me che fai più conoscere”.

 

+  +  +  + 

 

14-4

Febbraio 17, 1922

 

L’amore è la culla dell’uomo.

 

(1) Mi sentivo oppressa per la privazione del mio dolce Gesù, e non facevo altro che chiamarlo, desiderarlo, ma invano.  Onde, dopo aver molto stentato, quando non ne potevo più, è venuto, ed io chi sa quante cose volevo dirgli, ma Lui si è elevato in alto senza darmi tempo, ed io lo guardavo e lo chiamavo, Gesù, Gesù, vieni.  Anche Lui mi guardava e pioveva dalla sua persona una rugiada su di me che m’imperlava tutta, e questa rugiada lo attirava verso di me, in modo che si è abbassato verso di me e mi ha detto:

(2) “Figlia mia, il desiderio di volermi vedere rompe il velo che esiste tra il tempo e l’eternità, ed il ripetuto desiderio le dà il volo per avvicinarsi a Me.  Il mio amore è quasi irrequieto quando veggo che l’anima mi vuole ed Io non mi faccio vedere, ed allora si quieta quando non solo mi faccio vedere, ma le do nuovi carismi e nuovi pegni d’amore, il mio amore è sempre in atto di voler dare nuovi pegni d’amore alla creatura, e non appena vedo che la mia Volontà prende la parte operante, dirigente di darsi alla creatura, il mio amore fa festa, corre, vola verso di essa, si fa culla dell’uomo, e se vede che non riposa nella sua culla, lo tentenna, le canta per farlo riposare e dormire nel suo seno, e mentre dorme lui le alita in bocca per dargli nuova vita d’amore.  Se vede che il suo cuore non è felice, dal suo interrotto respiro, con l’alito che le manda il mio amore le forma la culla nel cuore, per toglierle le amarezze, gli intoppi, le molestie e felicitarlo d’amore.  E quando si sveglia, oh!  come gioisce il mio amore nel vederla rinata, felice e piena di vita, e le dice:  “Vedi, ti ho cullato nel mio seno per darti riposo, ho vegliato al tuo fianco nel tuo sonno per fare che tu ti destassi forte, felice e tutt’altra da quella che eri, adesso voglio essere culla ai tuoi passi, alle tue opere, alle tue parole, a tutto, pensa che sei cullata da Me, e nella culla del mio amore mettici il tuo amore, affinché immedesimandoci, ci felicitiamo a vicenda; bada a non metterci altro, altrimenti mi contristerai e mi farai piangere amaramente.

(3) E’ il mio amore che più si avvicina all’uomo, anzi, è la culla dove lui è nato, sebbene nella mia Divinità tutto è armonia come sono in piena armonia le membra al corpo, sebbene l’intelligenza prende la parte dirigente, dove risiede la volontà dell’uomo, se lei non vuole si può dire che l’occhio non vede, la mano non opera, il piede non cammina; invece, se vuole, l’occhio vede, la mano opera, il piede corre, tutte le membra si mettono d’accordo; così la mia Divinità, la mia Volontà prende la parte dirigente, e tutti gli altri attributi si mettono in piena armonia per seguire ciò che il mio Volere vuole, sicché vi concorre la sapienza, la potenza, la scienza, la bontà, eccetera, e siccome tutti i miei attributi, sebbene distinti tra loro, ma vivono nella fonte dell’amore, sboccano d’amore, ecco perciò mentre è l’amore che corre, che agisce, che si dona, tutti gli altri miei attributi vi concorrono insieme.

(4) Poi, all’uomo, ciò che più gli è necessario è l’amore.  L’amore è come il pane alla vita naturale, sicché può farne a meno della scienza, della potenza, della sapienza, o al più sono cose che si vogliono a tempo ed a circostanza, ma che si direbbe se avessi creato l’uomo e non lo amassi?  E poi, a che pro crearlo se non dovessi amarlo?  Questo mi sarebbe di disonore e non opera degna di Me, che non so far altro che amare; e che sarebbe dell’uomo se non avesse un principio d’amore e non potesse amare?  Sarebbe un brutto, e neppure degno di essere guardato, perciò in tutto deve correre l’amore, l’amore dovrebbe correre in tutte le azioni umane, come corre l’immagine del re nella moneta del regno; e se la moneta non è improntata dalla immagine del re, non viene riconosciuta per moneta; così se non corre l’amore non è riconosciuta per opera mia”.

 

+  +  +  + 

 

14-5

Febbraio 21, 1922

 

L’amore fa morire e vivere continuamente.

 

(1) Continuando il mio solito stato, il mio sempre adorabile Gesù nel venire mi ha detto:

(2) “Figlia mia, il mio amore verso la creatura mi faceva morire ad ogni istante.  La natura del vero amore è morire e vivere continuamente per la persona amata; l’amore di volerla a sé gli fa sentire la morte, gli procura un martirio, forse dei più dolorosi e prolungati, ma lo stesso amore, più forte della stessa morte, nel medesimo istante che muore gli dà la vita, ma per fare che cosa?  Per dar vita alla persona amata e formarvi una sola vita, quelle fiamme hanno virtù di consumare l’una per fonderla nell’altra.  E’ proprio questa la virtù del mio amore, farmi morire, e dalla mia consumazione formare tanti semi per metterli nei cuori di tutte le creature, per farmi di nuovo risorgere e formare con esse una sola vita con Me.

(3) Ora, anche tu puoi morire chi sa quante volte per amor mio, e forse ad ogni istante, ogniqualvolta mi vuoi e non mi vedi, la tua volontà sente la morte della mia privazione, ma in realtà, perché non vedendomi, la tua volontà muore perché non trova la vita che cerca; ma dopo che in quell’atto si è consumata, Io rinasco in te e tu in Me e ritrovi la vita da te voluta, ma per ritornare di nuovo a morire per vivere in Me.  Così se mi desideri, il tuo desiderio non appagato sente la morte, ma facendomi vedere ritrova la sua vita, e così il tuo amore, la tua intelligenza, il tuo cuore, possono stare in continuo atto di morire e vivere per Me.  Se l’ho fatto Io per te, è pure giusto che tu lo faccia per Me”.

 

+  +  +  + 

 

14-6

Febbraio 24, 1922

 

La nostra croce sofferta nella Volontà di Dio

si fa lunga, simile a quella di Gesù.

 

(1) Trovandomi nel solito mio stato, il mio sempre adorabile Gesù si faceva vedere nell’atto di prendere la croce per metterla sulle sue santissime spalle, e mi ha detto:

(2) “Figlia mia, quando ricevetti la croce la guardai da cima a fondo, per vedere il posto di ciascun’anima che prendevano nella mia croce, e fra tante, guardai con più amore e feci più attenzione speciale per quelle che sarebbero state rassegnate e avrebbero fatto vita nella mia Volontà.  Le guardai e vidi la loro croce lunga e larga come la mia, perché la mia Volontà suppliva a ciò che alla loro croce mancava, e l’allungava e l’allargava quanto la mia.  Oh!  come spiccava la tua croce lunga, lunga di tanti anni di letto, sofferta solo per compiere la mia Volontà.  La mia era solo per compiere la Volontà del mio Padre Celeste, la tua per compiere la mia, l’una faceva onore all’altra, e siccome l’una e l’altra contenevano la stessa misura, si confondevano insieme.

(3) Ora, la mia Volontà ha virtù di rammollire la durezza, di raddolcire l’amarezza, d’allungare ed allargare le cose corte, così quando mi sentii la croce sulle mie spalle, sentivo la morbidezza, la dolcezza della croce delle anime che avrebbero sofferto nel mio Volere, ah!  il mio cuore ebbe un respiro di sollievo, e la morbidezza delle croci di queste fece adattare la croce sulle mie spalle, da sprofondarsi tanto che mi fece una piaga profonda, e sebbene mi diede acerbo dolore, sentivo insieme la morbidezza e la dolcezza delle anime che avrebbero sofferto nel mio Volere.  E siccome la mia Volontà è eterna, il loro patire, le loro riparazioni, i loro atti correvano in ogni goccia del mio sangue, in ogni piaga, in ogni offesa; il mio Volere le faceva trovarsi come presenti alle offese passate, dacché il primo uomo peccò, alle presenti ed alle future.  Erano proprio loro che mi ridavano i diritti del mio Volere, ed Io, per amor loro decretavo la Redenzione, e se gli altri vi entrano, è per cagione di queste che vi prendono parte.  Non c’è bene, né in Cielo né in terra, che Io conceda che non sia per causa loro”.

 

+  +  +  + 

 

14-7

Febbraio 26, 1922

 

Come Gesù ci copri di bellezza nella Redenzione.

 

(1) Stavo pensando al gran bene che il benedetto Gesù ci ha fatto col redimerci, e Lui tutto bontà mi ha detto:

(2) “Figlia mia, Io creai la creatura bella, nobile, di origine eterno e divino, piena di felicità e degna di Me; il peccato la rovinò da cima a fondo, la snobilitò, la deformò e la rese la creatura più infelice, senza poter crescere, perché il peccato le arrestava la crescenza e la copriva di piaghe, da mettere ribrezzo solo a vederla.  Ora, la mia Redenzione riscattò la creatura dalla colpa, e la mia Umanità non fece altro che come una tenera madre col suo neonato, che non potendo prendere altro cibo per dare la vita al suo bimbo, si apre il seno ed attacca al suo petto il suo bimbo, e dal suo sangue convertito in latte gli somministra l’alimento per dargli la vita.  Più che madre la mia Umanità si fece aprire in sé stessa a colpi di sferze, tanti fori, quasi come tante mammelle, che mandavano fuori fiumi di sangue per fare che i miei figli, attaccandosi, potessero succhiare l’alimento per ricevere la vita e sviluppare la loro crescenza, e con le mie piaghe coprivo la loro deformità e li rendevo più belli di prima, e se nel crearli li creai cieli tersissimi e nobili, nella Redenzione li ornai tempestandoli di stelle fulgidissime delle mie piaghe per coprire le loro bruttezze e renderli più belli; alle loro piaghe e deformità Io attaccavo i diamanti, le perle, i brillanti delle mie pene, per nascondere tutti i loro mali e vestirli d’una magnificenza da superare lo stato della loro origine, perciò con ragione la Chiesa dice:  “Felice colpa”, perché con la colpa venne la Redenzione, e la mia Umanità non solo li alimentò col suo sangue, li vestì con la sua stessa Persona e li fregiò con la sua stessa bellezza, ma ora le mie mammelle sono sempre piene per alimentare i miei figli.  Quale non sarà la condanna di coloro che non vogliono attaccarsi per ricevere la vita e crescere, ed essere coperti delle loro deformità?”

 

+  +  +  +

 

14-8

Marzo 1, 1922

 

Come Gesù resta incatenato dall’anima

che fa la sua Volontà, e l’anima da Gesù.

 

(1) Stavo molto afflitta per la privazione del mio dolce Gesù; onde, dopo molto stentare è venuto, e dalle sue piaghe faceva scorrere il suo sangue sul mio petto, intorno al mio collo, e come cadevano su di me quelle gocce di sangue, si formavano come tanti rubini fulgidissimi, che formavano il più bello degli ornamenti, e Gesù mi guardava e mi ha detto:

(2) “Figlia mia, come ti sta bene la collana del mio sangue, come ti abbellisce, guarda, guarda tu stessa come ti fa parer bella”.

(3) Ed io, un po’ corrucciata perché mi aveva fatto tanto aspettare nel venire, ho detto:

(4) “Amor mio e vita mia, oh!  quanto amerei per collana un tuo braccio stretto al mio collo; questo sì mi farebbe piacere, perché sentirei la vita e mi attaccherei tanto, che non ti farei più fuggire.  Le cose tue, è vero, sono belle, ma quando le distacchi da Te, io non trovo Te, non trovo la vita, e ad onta delle cose tue il mio cuore delira, smania, sanguina per dolore, perché Tu non sei con me.  Ah!  se sapessi in che tortura mi metti quando non vieni, ti guarderesti bene di farmi tanto aspettare”.

(5) E Gesù tutto intenerito ha circondato il mio collo col suo braccio, prendendomi una mano nella sua, ed ha soggiunto:

(6) “Lo so, lo so quanto soffri, ed a contentarti ecco il mio braccio come collana intorno al tuo collo, non ne sei ora contenta?  Sappi che chi fa la mia Volontà, non posso farne a meno di contentarla, perché come respira così forma l’aria del mio Volere intorno a Me, in modo che non solo mi cinge il collo, ma tutta la vita, Io resto come incatenato ed inceppato dall’anima nella stessa fortezza della mia Volontà, ma questo lungi dal dispiacermi, anzi per il gran contento che ne provo, inceppo ed incateno lei, e se tu non sai stare senza di Me, sono le mie catene, i miei ceppi che ti tengono tanto stretta, che basta un momento senza di Me che ti danno un martirio dei più dolorosi, che non c’è l’eguale.  Povera figlia, povera figlia, hai ragione; Io terrò conto di tutto, ma non ti lascio, anzi mi chiudo in te per godermi l’aria del mio Volere che mi formi tu stessa, perché, aria della mia Volontà è il tuo palpito, il tuo pensiero, il tuo desiderio, il tuo moto, ed Io in quest’aria troverò il mio poggio, la mia difesa ed il più bel riposo sul tuo petto”.

 

+  +  +  + 

 

14-9

Marzo 3, 1922

 

L’agricoltore celeste semina la sua parola.

 

(1) Continuando il mio solito stato, il mio dolce Gesù veniva, ma senza dirmi nulla, tutto taciturno ed afflitto al sommo, ed io:

(2) “Che hai Gesù che non parli?  Se Tu mi sei vita, la tua parola mi è cibo, ed io non posso star digiuna, sono molto debole e sento la necessità continua dell’alimento per crescere e mantenermi forte”.

(3) E Gesù tutto bontà mi ha detto:  “Figlia mia, anch’Io sento la necessità d’un cibo, e dopo che ti ho alimentato con la mia parola, quella stessa parola, masticata da te, essendosi convertita in sangue, germoglia il cibo per Me, e se tu non puoi star digiuna, neppure Io voglio star digiuno, voglio il ricambio del cibo che ti ho dato, e poi ritornerò di nuovo ad alimentarti.  Sento gran fame, presto, fammi sfamare”.

(4) Io sono rimasta confusa, e non sapevo che dargli perché non ho mai tenuto nulla, ma Gesù con tutte e due le sue mani prendeva il mio palpito, il mio respiro, i miei pensieri, gli affetti, i desideri, cambiati in tanti globetti di luce, e se le mangiava dicendo:

(5) “Questo è il frutto della mia parola, è roba mia, è giusto che me li mangi”. 

(6) Onde, pareva che prendesse un po’ di riposo, e dopo ha soggiunto:

(7) “Figlia mia, ora conviene che mi metta di nuovo al lavoro per lavorare il terreno dell’anima tua, per poter seminare il seme della mia parola per alimentarti.  Io faccio come il contadino quando vuol seminare il suo terreno, forma le fossette, fa dei solchi e poi vi getta il seme e ritorna a coprire di terra le fossette ed i solchi dove ha gettato il seme, per tenerlo difeso e dargli il tempo per farlo germogliare, per raccoglierlo centuplicato per farne suo cibo, ma sta attento a non metterci molta terra, altrimenti soffocherebbe il suo seme e lo farebbe morire sotto terra, e lui passerebbe pericolo di restare digiuno.  Or, così faccio Io, preparo le fossette, formo i solchi, allargo la capacità della sua intelligenza per poter seminare la mia divina parola, e così poter formare il cibo per Me e per lei, poi copro le fossette ed i solchi di terra, e questo è l’umiltà, il nulla, l’annientamento dell’anima, qualche sua piccola debolezza o miseria; questo è terra, ed è necessario che la prenda da essa, perché a Me manca questa terra, e così copro tutto ed aspetto con gioia il mio raccolto.  Ora, vuoi sapere quando sopra il mio seme si mette molta terra?  Quando l’anima sente le sue miserie, le sue debolezze, il suo nulla, e si affligge, vi pensa tanto da perdere il tempo, ed il nemico se ne serve per gettarla nella turbazione, nella sfiducia, e nell’abbattimento; questa è tutta terra in più sopra il mio seme, oh!  come il mio seme si sente morire, come stenta a germogliare sotto di questa terra, molte volte queste anime stancano l’agricoltore celeste e si ritira.  Oh!  quante ce ne sono di queste anime”.

(8) Ed io:  “Amor mio, sono io una di queste?”

(9) E Lui:  “No, no, chi fa la mia Volontà non è soggetta a poter formare terra per soffocare il mio seme, anzi molte volte non ci trova neppure l’umiltà, ma il solo loro nulla, che poca terra produce, ed appena uno strato posso metterci sopra il mio seme, ed il Sole della mia Volontà lo feconda subito e germoglia, ed Io vi faccio dei grandi raccolti e ritorno subito a gettare il mio seme, e poi, ne puoi essere sicura, non vedi come ritorno spesso spesso a seminare nuovi semi di verità nell’anima tua?”

(10) Ora, mentre ciò diceva, sul volto di Gesù si vedeva una mestizia, e prendendomi con la mano mi ha trasportato fuori di me stessa e mi faceva vedere deputati e ministri, tutti sconvolti e come se loro stessi avessero preparato un gran fuoco, cui loro stessi restavano avvolti nelle fiamme; si vedevano i capi settari, che stanchi d’aspettare, d’inveire contro la Chiesa, o volevano essere lasciati liberi di muovere lotte sanguinose contro di Essa, oppure si volevano ritirare dal governare, si vedevano mancare il terreno sotto dei piedi, tanto per finanze, tanto per altro, e per non fare cattiva figura volevano ritirarsi dal reggere la sorte della nazione, ma chi può dire tutto?  E Gesù tutto dolente ha detto:

(11) “Terribile, terribile è il preparativo, vogliono fare senza di Me, e tutto li servirà per confonderli”.

 

+  +  +  + 

 

14-10

Marzo 7, 1922

 

Le parole di Gesù sono piene di verità e di luce, e portano con sé la

sostanza e la virtù di trasmutare l’anima nella stessa verità, nella

stessa luce, e nello stesso bene che contengono.

 

(1) Stavo pensando a ciò che sta scritto e dicevo tra me:  “E’ proprio Gesù che mi parla, oppure è un giuoco del nemico e della mia fantasia?” E Gesù nel venire mi ha detto:

(2) “Figlia mia, le mie parole sono piene di verità e di luce, e portano con sé la sostanza e la virtù di trasmutare l’anima nella stessa verità, nella stessa luce e nello stesso bene che contengono, in modo che l’anima non solo conosce la verità, ma sente in sé la sostanza di operare secondo la verità che ha conosciuto, poi, le mie verità sono piene di bellezza e di allettamento, in modo che l’anima presa dalla loro bellezza, si fa rapire da loro.  In Me tutto è ordine, ed armonia, e bellezza, vedi, creai il cielo; poteva solo lui bastare, ma no, lo volli ornare di stelle, quasi tempestandolo di bellezza, per fare che l’occhio umano potesse più godere delle opere del suo Creatore; creai la terra e la ornai di tante piante e fiori; nessuna cosa creai che non avesse il suo ornamento, e se questo è nell’ordine delle cose create, molto più nelle mie verità, che hanno sede nella mia Divinità, che mentre pare che giungono all’anima, sono come raggi solari, che mentre battono e riscaldano la terra, ma mai si partono dal centro del sole, e l’anima resta tanto innamorata delle mie verità, che le riesce quasi impossibile, anche a costo della vita, di non mettere in pratica la verità che ha conosciuto.  Invece quando è il nemico o speculazione della fantasia che vuol parlare di verità, non portano né luce né sostanza, né bellezza, né allettamento, sono verità vuote, senza vita, e l’anima non sente la grazia di sacrificarsi per praticarle, quindi le verità che ti dice il tuo Gesù sono piene di vita, e di tutto ciò che le mie verità contengono, perché ne dubiti?”

 

+  +  +  + 

 

14-11

Marzo 10, 1922

 

Come chi fa la Divina Volontà è regina di tutto.

 

(1) Stavo facendo le ore della Passione, e secondo il mio solito mi riversavo nel Santo Voler di Dio, offerendole a bene di tutti, ma la mia volontà come se si volesse apropiare, spesso spesso dicevo:  “Mio Gesù, in modo speciale per aiuto, per sollievo, per liberazione di quell’anima”.  Ed il mio dolce Gesù riprendendomi mi ha detto:

(2) “Figlia mia, tutto ciò che si fa nella mia Volontà è come sole che si diffonde a tutti, e come si prega nella mia Volontà, si offre il mio sangue, le mie pene, le mie piaghe; si convertono in tanti raggi di luce che si diffondono a tutti; scendono con rapidità nel più profondo carcere del purgatorio, e convertono le loro pene e tenebri in luce, quindi la cosa può essere eguale per tutti, e se differenza ci può essere, non può essere mai da parte di chi dona, ma di chi riceve, a seconda le disposizioni di ciascuna.  Succede come al sole, che dà la luce a tutti egualmente, batte e riscalda un punto di terreno quanto l’altro, ma chi guadagna?  Chi lavora.  Qual terreno produce il frutto?  Dove sta gettato il seme, l’altro con tutta la luce del sole resta infecondo, quindi la specialità nella mia Volontà non esiste, da per Sé stessa corre, si diffonde e si vuol dare a tutti, chi vuole ne prende”.

(3) Io sono restata afflitta nel sentire ciò, e Gesù ha soggiunto:

(4) “Ah!  tu vorresti fare come il sole, che volesse accentrare ad un punto più forte la sua luce, il suo calore, per poter riscaldarlo ed illuminarlo tanto, da convertire quel punto nello stesso sole mentre fa il suo corso regolare su tutte le altre cose”.

(5) Ed io:  “Sì, sì, è proprio questo, è il peso della gratitudine che sento che mi spinge a ciò”.  Gesù ha sorriso nel sentirmi, ed ha ripreso:

(6) “Se è così, fa pure, ma tu devi sapere che come la mia Volontà domina tutto, si trova da per tutto, sorregge tutti, è conosciuta dal Cielo, dalla terra e fin dai demoni, non vi è nessuno che possa a Lei opporsi.  Così l’anima che fa la mia Volontà, deve dominare tutto, trovarsi da per tutto, sorreggere tutto, e voglio che sia conosciuta da tutti”.

(7) Ed io:  “Amor mio, io non sono conosciuta da nessuno”.

(8) E Lui:  “Come, non ti conosce nessuno?  Ti conoscono tutti i santi ed angeli, uno per uno, e con ansia aspettano il tuo operato nel mio Volere, come nota divina e la più armoniosa che scorre su tutto ciò che hanno fatto in vita, per dargli maggiore splendore e contento; ti conoscono tutte le anime purganti, sentendo su di loro il continuo refrigerio che porta l’operato nel mio Volere; ti conoscono i demoni dalla forza che sentono in te della mia Volontà; e se la terra non ti conosce ora, ti conoscerà in appresso.  Succede e faccio per chi fa la mia Volontà, come feci per la mia Madre Celeste, che la costituii Regina di tutto e comandai a tutti che la riconoscessero ed onorassero come loro Regina, e la comandai che schiacciasse col suo piede la testa dell’infernale dragone; così faccio per chi vive nella mia Volontà, tutto sta sotto il loro dominio, e non c’è bene che da loro non venga”.

 

+  +  +  + 

 

14-12

Marzo 13, 1922

 

Il gran bene che porta il sentire le verità.

 

(1) Trovandomi fuori di me stessa, mi sono trovata in mezzo ad una valle fiorita in cui ho trovato il mio confessore defunto, morto il giorno 10 corrente [2],  e secondo il suo solito di quando viveva quaggiù, mi ha detto:

(2) “Dimmi, che ti ha detto Gesù?”

(3) Ed io:  “Mi ha parlato nel mio interno, a voce non mi ha detto nulla, e voi sapete che delle cose che sento nel mio interno non ne tengo conto”.

(4) E lui:  “Voglio sentire anche ciò che ti ha detto nel tuo interno”.

(5) Ed io, come costretta, mi ha detto:

(6) “Figlia mia, ti porto nelle mie braccia; le mie braccia ti serviranno di barchetta per farti navigare nel mare interminabile della mia Volontà, tu, poi, come farai gli atti nel mio Volere formerai le vele, l’albero, l’àncora, che serviranno non solo come ornamento della barchetta, ma per farla camminare con più velocità.  E’ tanto l’amore che porto a chi vive nel mio Volere, che la porto nelle mie braccia senza lasciarla mai”.

(7) Ma mentre ciò diceva ho visto le braccia di Gesù in forma di barchetta, ed io nel mezzo di essa.  Il Confessore nel sentire ciò mi ha detto:

(8) “Tu devi sapere che quando Gesù ti parla e ti manifesta le sue verità, sono raggi di luce che piove su di te, tu poi, quando le manifestavi a me, non avendo la virtù sua, me le manifestavi a gocce, e l’anima mia ne restava tutta riempita di quelle stille di luce, e quella luce mi dava più spinta, più voglia di sentire altre verità per poter ricevere più luce, perché le verità portano il profumo celeste, la sensazione divina, e questo solo al sentirle, che sarà per chi le pratichi?  Ecco perciò amavo, desideravo tanto sentire ciò che ti diceva Gesù, e volevo dire agli altri, era la luce, il profumo che sentivo, e volevo che altri ne prendessero parte.  Se sapessi il gran bene che ha ricevuto l’anima mia nel sentire le verità che ti diceva Gesù!  Come ancora gocciola luce e spande profumo celeste, che non solo mi dà refrigerio ma mi serve di luce a me, e a chi mi sta vicino, e come tu fai i tuoi atti nel Volere Divino, io ne prendo parte speciale, perché mi sento il seme che tu gettavi in me del suo Volere Santissimo”.

(9) Ed io:  “Fatemi vedere l’anima vostra, com’è che gocciola luce”.  E lui, aprendosi dalla parte del cuore, io vedevo l’anima tutta gocciolita di luce; quelle gocce si riunivano, si dividevano, una scorreva sopra l’altra, era bello a vedere.

(10) E Lui:  “Hai visto?  Com’è bello sentire le verità!  Chi le verità non sente, gocciola tenebre da far terrore”.

 

+  +  +  + 

 

14-13

Marzo 16, 1922

 

Il vivere nella Divina Volontà non ha nulla di

grande all’esterno, tutto si svolge fra l’anima e Dio.

 

(1) Continuando il mio solito stato, stavo pensando tra me:  “Mi sento la più cattiva di tutti, eppure il mio dolce Gesù mi dice che i suoi disegni sopra di me sono grandi, che la sua opera che fa in me è tanto importante che non vuole affidarla neppure agli angeli, ma Lui stesso ne vuol essere il custode, l’attore e lo spettatore, eppure, che cosa faccio di grande?  Nulla, la mia vita esterna è tanto ordinaria, che faccio al disotto degli altri”.  Ma mentre ciò pensavo, il mio sempre amabile Gesù, troncando il mio pensiero mi ha detto:

(2) “Figlia mia, si vede che senza il tuo Gesù non sai pensare, né dire che spropositi, anche la mia cara Mamma non faceva nulla di straordinario nella sua vita esterna, anzi fece meno apparentemente di qualche altro, Lei si abbassava alle azioni più ordinarie della vita, filava, cuciva, scopava, accendeva il fuoco, chi mai l’avrebbe pensato che Lei era la Madre d’un Dio?  Le sue azioni esterne nulla additavano di ciò, e quando mi portò nel suo seno, contenendo in Lei il Verbo Eterno, ogni suo moto, ogni azione umana riscuoteva adorazione di tutto il creato, da Lei usciva la vita e la conservazione di tutte le creature, il sole pendeva da Lei ed aspettava la conservazione della sua luce e del suo calore, la terra lo svolgimento della vita delle piante, tutto si aggirava intorno a Lei, Cieli e terra stavano ai suoi cenni, eppure chi vedeva nulla?  Nessuno, tutta la sua grandezza, potenza e santità, i mari immensi di beni che da Lei uscivano, era dal suo interno; ogni suo palpito, respiro, pensiero, parola, era uno sbocco nel suo Creatore, tra Lei e Dio erano continue correnti che riceveva e dava, nulla usciva fuori che non ferisse il suo Creatore e che non restasse ferita da Lui.  Queste correnti la ingrandivano, la innalzavano, le facevano superare tutto, ma nessuno vedeva nulla, solo Io, suo Dio e Figlio ero a giorno di tutto; tra Me e la Mamma mia correva tale corrente, che il suo palpito correva nel mio, ed il mio correva nel suo, sicché Lei viveva del mio palpito eterno, ed Io del suo palpito materno, onde le nostre vite erano scambiate insieme, ed era proprio questo che innanzi a Me la faceva distinguere che era la mia Mamma.  Le azioni esterne non mi appagano, né mi piacciono se non partono da un interno di cui Io ne formo la vita.

(3) Ora, qual è dunque la tua maraviglia che la tua vita esterna è tutta ordinaria?  Io sono solito di coprire con le cose più ordinarie le mie opere più grandi, affinché nessuno me le additi, ed Io resto più libero d’operare, e quando tutto ho compiuto faccio delle sorprese e le manifesto a tutti, facendo tutti stupire.  Ma è certo che l’opera che faccio in te è grande, ti par poco che faccia correre tutti i tuoi atti nella corrente del mio Volere, e la corrente del mio Volere corre nei tuoi, e mentre queste correnti corrono, fanno un atto solo con tutti gli atti delle creature, facendo scorrere su tutti un Volere Divino, facendosi attore d’ogni atto di ciascuno, sostituendo per tutti un atto divino, un amore, una riparazione, una gloria divina ed eterna?  Che la corrente d’una volontà umana stia in continui rapporti con una Volontà Divina, e che una sbocchi nell’altra?  Figlia mia, quello che ti raccomando è che sii attenta e mi segua fedelmente”.

(4) Ed io:  “Amor mio, questi giorni sono state tante le circostanze, che mi sentivo distratta”.

(5) E Lui:  “Perciò sii attenta, perché quando ciò che fai non scorre nel mio Volere, succede come se il sole arrestasse il suo corso, e quando sei distratta formi le nuvole innanzi al sole, e tu resti oscurata, però quando le distrazioni sono involontarie, basta un atto forte e deciso della tua volontà di correre nel mio Volere, per far mettere in corso il sole, e come rapido venticello fugare le nubi, per fare splendere più bello il Sole del mio Volere”.

 

+  +  +  + 

 

14-14

Marzo 18, 1922

 

La colpa incatena l’anima e la inceppa nel fare il bene.

 

(1) Stavo accompagnando il mio dolce Gesù nelle sue pene della Passione, e Lui facendosi vedere mi ha detto:

(2) “Figlia mia, la colpa incatena l’anima e la inceppa nel fare il bene:  la mente sente la catena della colpa e resta impedita di comprendere il bene, la volontà sente la catena che l’avvolge e si sente intorpidita ed invece di voler il bene vuole il male, il desiderio incatenato si sente tarpare le ali per volare a Dio.  Oh!  come mi fa compassione vedere l’uomo incatenato dalle sue stesse colpe, ecco perciò la prima pena che volli soffrire nella Passione furono le catene, volli essere legato per sciogliere l’uomo dalle sue catene.  Quelle catene che Io soffrii si convertirono, non appena mi toccarono, in catene d’amore, le quali toccando l’uomo, bruciavano e spezzavano le sue e lo legavano con le mie amorose catene.  Il mio amore è operativo, non sa stare se non opera, perciò per tutti e per ciascuno preparai ciò che ci vuole per riabilitarlo, per sanarlo, per abbellirlo di nuovo, tutto feci affinché se si decide trovi tutto pronto ed a sua disposizione, perciò tengo pronte le mie catene, per bruciare le sue; i brandelli delle mie carni per coprire le sue piaghe e fregiarlo di bellezza; il mio sangue per ridargli la vita; tutto ho pronto.  Tengo a riserbo per ciascuno ciò che ci vuole, ma il mio amore vuol darsi, vuole operare; sento una smania, una forza irresistibile che non mi dà quieta se non do, e sai che faccio?  Quando veggo che nessuno prende, accentro le mie catene, i brandelli delle mie carni, il mio sangue, in chi li vuole e mi ama, e lo tempesto di bellezza, inanellandolo tutto con le mie catene d’amore, gli centuplico la vita di grazia, e così il mio amore si sfoga e si quieta”.

(3) Ma mentre ciò diceva, vedevo che le sue catene, i brandelli delle sue carni, il suo sangue, correvano su di me, e Lui si divertiva applicandoli su di me e inanellandomi tutta.  Quanto è buono Gesù, sia sempre benedetto!  Onde dopo è ritornato ed ha soggiunto:

(4) “Figlia mia, sento il bisogno che la creatura riposi in Me ed Io in lei, ma sai tu quando la creatura riposa in Me ed Io in lei?  Quando la sua intelligenza pensa a Me e mi comprende, lei riposa nell’intelligenza del suo Creatore, e quella del Creatore trova il suo riposo nella mente creata.  Quando la volontà umana si unisce con la Volontà Divina, le due volontà si abbracciano e riposano insieme.  Se l’amore umano si eleva su tutte le cose create, ed ama solo il suo Dio, che bel riposo trovano a vicenda Dio e l’anima!  Chi dà riposo, lo trova, Io le faccio da letto e la tengo nel più dolce sonno, avvinta fra le mie braccia, perciò tu vieni e riposa nel mio seno”.

 

+  +  +  + 

 

14-15

Marzo 21, 1922

 

Il doppio suggello del Fiat in tutte le cose create.

 

(1) Continuando il mio solito stato, stavo ripensando al Santo Voler Divino, ed il mio sempre adorabile Gesù mi ha stretto fra le sue braccia, e sospirando forte mi sentivo scendere il suo alito fin nel cuore, e poi mi ha detto:

(2) “Figlia del mio Volere, il mio alito onnipotente ti dà la vita del mio Volere, perché chi fa la mia Volontà, il mio Volere le somministra il suo alito per vita, e come l’alita le allontana tutto ciò che a Me non appartiene, e lei non respira altro che l’aria della mia Volontà, e siccome l’aria si riceve e si emette, così l’anima è un continuo ricevere Me, e un darsi in ogni respiro a Me.

(3) Su tutto il creato aleggia la mia Volontà, non c’è cosa che il mio Volere non ne tiene il suggello; come pronunziai il Fiat nel creare le cose, così il mio Volere ne prese il dominio e si fece vita e conservazione di tutte le cose.  Ora, questo mio Volere vuole che tutte le cose siano rinchiuse in Lui, per ricevere il contraccambio dei suoi stessi atti nobili e divini, vuole veder aleggiare su tutti gli atti umani l’aria, il vento, il profumo, la luce del suo Volere, in modo che aleggiando insieme gli atti suoi con quelli delle creature si confondano insieme e si formino una sola cosa.  Fu solo questo lo scopo della Creazione, che le emanazioni dei voleri fossero continue; lo voglio, lo pretendo, lo aspetto, perciò ho tanta premura che si conosca il mio Volere, il suo valore e i suoi effetti, per fare che le anime che vivano nel mio Volere, con le loro emanazioni continue nella mia Volontà, come faranno i loro atti, come aria li diffonderanno su tutto, si moltiplicheranno in tutti gli atti umani, investendo e coprendo tutto, come atti della mia Volontà, ed allora avrò lo scopo della Creazione, la mia Volontà si riposerà in loro e formerà la nuova generazione, e tutte le cose create avranno il doppio suggello del mio Volere:  Il Fiat della Creazione, e l’eco del mio Fiat delle creature”.

 

+  +  +  + 

 

14-16

Marzo 24, 1922

 

Chi vive nella Divina Volontà, coi suoi atti supplirà

alla moltiplicazione della Vita Sacramentale di Gesù.

 

(1) Continuando il mio solito stato, il mio sempre amabile Gesù nel venire mi ha detto:

(2) “Figlia mia, come l’anima emette i suoi atti nel mio Volere, così moltiplica la mia Vita, sicché se fa dieci atti nella mia Volontà, dieci volte mi moltiplica; se ne fa venti, cento, mille e più ancora, tante volte di più resto moltiplicato.  Succede come nella consacrazione sacramentale, quante ostie mettono, tante volte di più resto moltiplicato, la differenza che c’è, è che nella consacrazione sacramentale ho bisogno delle ostie per moltiplicarmi e del sacerdote che mi consacri.  Nella mia Volontà per restare moltiplicato, ho bisogno degli atti della creatura, ove più che ostia viva, non morta come quelle ostie prima di consacrarmi, la mia Volontà mi consacra e mi chiude nell’atto della creatura, ed Io resto moltiplicato ad ogni loro atto fatto nella mia Volontà, perciò il mio amore tiene il suo sfogo completo con le anime che fanno la mia Volontà e vivono nel mio Volere, sono loro sempre quelle che suppliscono non solo a tutti gli atti che mi dovrebbero le creature, ma alla stessa mia Vita Sacramentale.  Quante volte resta inceppata la mia Vita Sacramentale nelle poche ostie in cui Io resto consacrato, perché pochi sono i comunicandi, altre volte mancano sacerdoti che mi consacrino, e la mia Vita Sacramentale non solo non resta moltiplicata quanto vorrei, ma resta senza esistenza.  Oh!  come il mio amore ne soffre, vorrei moltiplicare la mia Vita tutti i giorni in tante ostie per quante creature esistono, per darmi a loro, ma invano aspetto, la mia Volontà resta senza effetto, ma di ciò che ho deciso, tutto avrà compimento, perciò prendo un’altra piega e mi moltiplico in ogni atto vivo della creatura fatto nel mio Volere, per farmi supplire alla moltiplicazione delle Vite Sacramentali.  Ah!  si, solo le anime che vivono nel mio Volere suppliranno a tutte le comunioni che non fanno le creature, a tutte le consacrazioni che non si fanno dai sacerdoti; in loro troverò tutto, anche la stessa moltiplicazione della mia Vita Sacramentale.  Perciò ti ripeto che la tua missione è grande, a missione più alta, più nobile, sublime e divina non potrei sceglierti, non c’è cosa che non accentrerò in te, anche la moltiplicazione della mia Vita, farò dei nuovi prodigi di grazia non mai fatti finora.  Perciò ti prego, sii attenta, siimi fedele, fa che la mia Volontà abbia vita sempre in te, ed Io nel mio stesso Volere in te, troverò tutta completata l’opera della Creazione, coi pieni miei diritti, e tutto ciò che voglio”.

 

+  +  +  + 

 

14-17

Marzo 28, 1922

 

Tutto ciò che Gesù fece sulla terra, sta

in continua attitudine di darsi all’uomo.

 

(1) Continuando il mio solito stato, stavo tutta fondendomi nel Santo Voler del mio amabile Gesù, e Lui mi ha detto:

(2) “Figlia del mio Volere, se sapessi i portenti, i prodigi che succedono quando ti fondi nel mio Volere, tu ne resteresti stupita; senti un po’:  Tutto ciò che Io feci sulla terra sta in continua attitudine di darsi all’uomo, facendogli corona:  I miei pensieri formano corona intorno all’intelligenza della creatura, le mie parole, le mie opere, i miei passi, eccetera, formano corona intorno alle parole, alle opere e passi loro, affinché intrecciando le cose loro con le mie, possa dire al mio Celeste Padre che l’operato loro è come il mio.  Ora, chi prende questa mia attitudine continua?  Chi si fa intrecciare dal mio operato con cui coronai tutta l’umana famiglia?  Chi vive nel mio Volere.  Come tu fondevi i tuoi pensieri nel mio Volere, i miei pensieri che ti facevano corona sentivano l’eco dei miei nella tua mente, e immedesimandosi insieme coi tuoi, moltiplicavano i tuoi coi miei e formavo doppia corona intorno all’intelligenza umana, ed il mio Padre riceveva non solo da Me, ma anche da te la gloria divina da parte di tutte le intelligenze create, e così delle parole e di tutto il resto.  E non solo da parte delle creature riscuote questa gloria divina, ma da parte di tutte le altre cose create, perché tutte le cose furono create per far correre continuo amore verso l’uomo, e l’uomo per giustizia dovrebbe dare per ogni cosa creata, omaggio, amore al suo Creatore.  Ora, chi supplisce a ciò?  Chi fa suo quel Fiat per cui tutte le cose furono fatte, per diffondere su tutto un omaggio, un’adorazione, un amore divino al suo Creatore?  Chi vive nel mio Volere!  Quasi ad ogni sua parola fa suo quel Fiat onnipotente, l’eco del Fiat eterno fa eco nel suo Fiat Divino in cui vive, e si diffonde e corre, e vola, e ad ogni cosa creata v’imprime un altro Fiat, e ridona al suo Creatore l’omaggio, l’amore da Lui voluto.  Questo lo feci Io quando stetti sulla terra, non ci fu cosa per cui Io non ricambiai al mio Divin Padre da parte di tutte le creature, ora lo fa, lo voglio, lo aspetto, da chi vive nel mio Volere.  Se tu vedessi com’è bello vedere in ogni tremolio di stelle, in ogni goccia di luce del sole la gloria mia, il mio amore, la mia profonda adorazione unita alla tua, oh!  come corre, vola sulle ali dei venti, riempiendo tutta l’atmosfera, percorre le acque del mare, si poggia in ogni pianta, in ogni fiore, si moltiplica ad ogni moto, è una voce che fa eco su tutto e dice:  “Amore, gloria, adorazione al mio Creatore”.  Perciò chi vive nella mia Volontà, è l’eco della mia voce, la ripetitrice della mia Vita, la perfetta gloria della mia Creazione.  Come non devo amarla?  Come non devo dare a lei tutto ciò che dovrei dare a tutte le altre creature insieme, e farla primeggiare su tutto?  Ah!  il mio amore si troverebbe alle strette se ciò non facessi”.

 

+  +  +  + 

 

14-18

Aprile 1, 1922

 

Il passo più umiliante della Passione di Gesù fu l’essere vestito e

trattato da pazzo.  Ogni pena che soffri Gesù, non era altro

che l’eco delle pene che meritavano le creature.

 

(1) Passo giorni amarissimi per la privazione del mio dolce Gesù, e se si fa vedere è quasi come lampo che sfugge, che pena!  che strazio!  La mia mente era funestata dal pensiero che non sarebbe più ritornata la mia vita, il mio tutto, ah!  tutto per me è finito, che farò per ritrovarlo?  A chi mi rivolgerò?  Ah!  che nessuno si muove a pietà di me.  Mentre ciò ed altro pensavo, il mio amabile Gesù è venuto e mi ha detto:

(2) “Povera figlia mia, povera figlia mia, quanto soffri, il tuo stato doloroso oltrepassa lo stesso stato delle anime purganti, perché se queste sono prive di Me, sono le colpe con cui si veggono imbrattate che le impedisce di vedermi, e che loro stesse non ardiscono di venire innanzi a Me, perché innanzi alla mia santità infinita non c’è piccolo neo che possa resistere alla mia presenza; e se ciò Io permettessi, di stare innanzi a Me, per loro sarebbe il più gran tormento, da superare le stesse pene dell’inferno.  La più gran tortura che potrei dare ad un’anima sarebbe tenerla macchiata innanzi a Me, ed Io per non torturarla maggiormente, la lascio prima purgare e poi l’ammetto alla mia presenza.  Ma tra Me e la piccola figlia del mio Volere non sono le colpe che m’impedisce di farmi vedere, è la mia giustizia che si frappone tra Me e lei, perciò la tua pena di non vedermi supera qualunque pena.  Povera figlia, coraggio, ti è toccata la mia stessa sorte, come sono terribili le pene della giustizia, e posso farne parte a chi vive nella mia Volontà, perché ci vuole una forza divina per sostenerle, ma non temere, ritornerò subito secondo il solito.  Lasci che i raggi della giustizia tocchino le creature; anche la mia giustizia deve fare il suo corso, né tutta potrai tu sostenerla, e poi sarò da te come prima.  Ma con ciò non ti lascio, lo so anch’Io, che non puoi stare senza di Me, perciò starò nel fondo del tuo cuore e peroreremo insieme”.

(3) Onde, poi ho seguito le ore della Passione, e seguivo il mio dolce Gesù nell’atto quando fu vestito e trattato da pazzo.  La mia mente si perdeva in questo mistero, e Gesù mi ha detto:

(4) “Figlia mia, il passo più umiliante della mia Passione fu proprio questo, l’essere vestito e trattato da pazzo, divenni il trastullo dei giudei, lo straccio loro; umiliazione più grande non poteva sostenere la mia infinita sapienza.  Eppure, era necessario che Io, Figlio d’un Dio, soffrissi questa pena.  L’uomo, peccando, diventa pazzo, pazzia più grande non può darsi, e da re qual è, diventa schiavo e trastullo di vilissime passioni che lo tiranneggiano, e più che pazzo lo incatenano a loro bell’agio, gettandolo nel fango e coprendolo delle cose più sporche, oh!  che gran pazzia è il peccato, in questo stato l’uomo mai poteva essere ammesso innanzi alla Maestà Suprema, perciò volli Io sostenere questa pena così umiliante, per impetrare all’uomo che uscisse da questo stato di pazzia, offrendomi Io al mio Celeste Padre a sostenere le pene che meritava la loro pazzia.  Ogni pena che soffrii nella mia Passione non era altro che l’eco delle pene che meritavano le creature, quel eco rimbombava su di Me e mi sottoponeva a pene, a schermi, a derisioni, a beffe, ed a tutti i tormenti”.

 

+  +  +  + 

 

14-19

Aprile 6, 1922

 

Effetti degli atti fatti nel Divino Volere.  Nella Divina

Volontà l’anima si mette al livello del suo Creatore.

 

(1) Trovandomi nel solito mio stato, il mio dolce Gesù mi ha trasportato fuori di me stessa, e mi faceva vedere masse di popoli piangenti, senza tetto, in preda alla più grande desolazione; paesi crollati, strade deserte ed inabitabili; non si vedeva altro che mucchi di pietre e macerie, solo un punto restava intatto dal flagello.  Dio mio, che pena!  vedere queste cose e vivere.  Io guardavo il mio dolce Gesù, ma Lui non si benignava di guardarmi, anzi piangeva amaramente, e con voce rotta dal pianto ha detto:

(2) “Figlia mia, l’uomo per la terra ha dimenticato il Cielo, è giusto che gli venga tolto ciò che è terra e vada ramingo senza poter trovare dove rifugiarsi, affinché si ricordi che esiste il Cielo.  L’uomo per il corpo ha dimenticato l’anima, sicché tutto al corpo:  I piaceri, le comodità, le sontuosità, il lusso ed altro; l’anima digiuna, priva di tutto, ed in molti morta come se non l’avessero.  Ora è giusto che venga privato il corpo, affinché si ricordino che hanno un’anima; ma, oh!  quanto è duro l’uomo, la sua durezza mi costringe a colpirlo di più, chi sa sotto dei colpi potesse rammollirsi”.

(3) Io mi sentivo straziare il cuore, e Lui:

(4) “Tu soffri molto nel vedere come se il mondo volesse rotolare, e l’acqua ed il fuoco uscire dai loro confini ed avventarsi contro dell’uomo, perciò ritiriamoci nel tuo letto e preghiamo insieme per la sorte dell’uomo.  Nel mio Volere sentirò il tuo cuore palpitante su tutta la faccia della terra che mi darà un palpito per tutti, che mi dice amore; e mentre colpirò le creature, il tuo palpito si frapporrà per fare che i colpi siano meno duri, e portino nel toccarli il balsamo del mio e del tuo amore”.

(5) Onde io sono rimasta afflittissima, molto più che nel ritirarci il mio dolce Gesù si nascondeva nel mio interno, tanto dentro, che quasi non si faceva più sentire.  Che pena!  che strazio!  Il pensiero dei flagelli mi terrorizzava, la sua privazione mi dava pene mortali.  Ora, in questo stato cercavo di fondermi nel Santo Voler di Dio, e dicevo:  “Amor mio, nel tuo Volere ciò che è tuo è mio, tutte le cose create sono mie:  Il sole è mio, ed io te lo do in ricambio, affinché tutta la luce ed il calore del sole in ogni stilla di luce, di calore, ti dica che io ti amo, ti adoro, ti benedico, ti prego per tutti.  Le stelle sono mie, ed in ogni tremolio di stelle suggello il mio ti amo immenso ed infinito per tutti.  Le piante, i fiori, l’acqua, il fuoco, l’aria, sono miei, ed io te li do in ricambio, perché tutti ti dicano, ed a nome di tutti:  Ti amo con quell’amore eterno con cui ci creasti”.  Ma se volessi dire tutto andrei troppo per le lunghe.  Onde Gesù, muovendosi nel mio interno mi ha detto:

(6) “Figlia mia, quanto sono belle le preghiere e gli atti fatti nel mio Volere, come la creatura si trasforma nello stesso Dio Creatore e ridà il ricambio di ciò che Lui le ha dato.  Tutto creai per l’uomo e tutto a lui donai!  Nella mia Volontà la creatura s’innalza nel suo Dio Creatore e lo trova nell’atto in cui creò tutte le cose per fargliene dono, e lei, tremante alla molteplicità di tanti doni, e non avendo in sé la forza creatrice per poter creare tante cose per quante ne ha ricevuto, offre le sue stesse cose per ricambiarlo in amore.  Sole, stelle, fiori, acqua, fuoco, aria, ti ho dato per darti amore, e tu riconoscente li hai accettato, e mettendo a traffico il mio amore me ne hai dato il ricambio, sicché sole ti diedi e sole mi hai dato, stelle, fiori, acqua, eccetera, ti diedi, e tu me le hai ridonato.  Le note del mio amore hanno risuonato di nuovo su tutte le cose create e ad unanime voce mi hanno dato l’amore che feci correre su tutta la Creazione.

(7) Nella mia Volontà l’anima si mette al livello del suo Creatore, e nel suo stesso Volere riceve e dona.  Oh!  che gara tra creatura e Creatore!  Se tutti potessero vedere, ne resterebbero stupiti nel vedere che nella mia Volontà l’anima diventa un piccolo dio, ma tutto in virtù della potenza della mia Volontà”.

 

+  +  +  + 

 

14-20

Aprile 8, 1922

 

La Santissima Trinità adombrata nell’anima.  Dolore di Gesù

nel vedere deformate la volontà, la intelligenza e la memoria dell’uomo.

 

(1) Trovandomi nel solito mio stato, stavo pensando al dolore che soffrì il mio dolce Gesù nell’orto del Getsemaní, quando si presentarono innanzi alla sua santità tutte le nostre colpe; e Gesù, tutto afflitto, nel mio interno mi ha detto:

(2) “Figlia mia, il mio dolore fu grande ed incomprensibile a mente creata, specie quando vidi l’intelligenza umana deformata, la mia bella immagine che feci riprodurre in lei, non più bella, ma brutta, orrida.  Io la dotai di volontà, intelletto e memoria, nella prima rifulgeva il mio Celeste Padre, cui come atto primo comunicava la sua potenza, la sua santità, la sua altezza, per cui elevava la volontà umana investendola della sua stessa santità, potenza e nobiltà, lasciandovi tutte le correnti aperte tra Lui e la volontà umana, affinché sempre più si arricchisse dei tesori della mia Divinità; tra la volontà umana e Divina non c’era né tuo né mio, ma tutto in comune, con reciproco accordo, era immagine nostra, cosa nostra, sicché lei ci adombrava, quindi la vita nostra doveva essere la sua, e perciò costituiva come atto primo la sua volontà libera, indipendente, come era, come atto primo la Volontà del mio Celeste Padre, ma questa volontà quanto si è deturpata, da libera si è resa schiava di vilissime passioni, ah!  è lei il principio di tutti i mali dell’uomo, non si riconosce più, come è scesa dalla sua nobiltà, fa schivo a guardarla. 

(3) Ora, come atto secondo vi concorsi Io, Figlio di Dio, dotandola d’intelletto, comunicandole la mia sapienza, la scienza di tutte le cose, affinché conoscendole potesse gustare e felicitarsi nel bene.  Ma, ahimè!  che sentina di vizi è l’intelligenza della creatura, della scienza se n’è servita per disconoscere il suo Creatore.

(4) E poi, come atto terzo vi concorse lo Spirito Santo, dotandola di memoria, affinché ricordandosi di tanti benefici, potesse stare in continue correnti d’amore, in continui rapporti, l’amore doveva coronarla, abbracciarla ed informare tutta la sua vita.  Ma come resta contristato l’Eterno Amore!  Questa memoria si ricorda dei piaceri, delle ricchezze e fino di peccare, e la Trinità Sacrosanta viene messa fuori dei doni dati alla sua creatura.  Il mio dolore fu indescrivibile nel vedere la deformità delle tre potenze dell’uomo, avevamo formato la nostra reggia in lui, e lui ci aveva cacciati fuori”.

 

+  +  +  + 

 

14-21

Aprile 12, 1922

 

Il peccato spezza la corrente dell’amore,

ed apre la corrente della giustizia.

 

(1) Trovandomi nel solito mio stato, il mio dolce Gesù si faceva vedere tutto afflitto, quasi in atto di dar corso alla giustizia, ma come sforzato dalle stesse creature.  Io l’ho pregato che risparmiasse i flagelli e Lui mi ha detto:

(2) “Figlia mia, tra Creatore e creatura non ci sono altro che correnti d’amore, il peccato spezza questa corrente ed apre la corrente della giustizia; la mia giustizia difende i diritti del mio amore oltraggiato, del mio amore spezzato tra Creatore e creatura, e facendosi strada in mezzo a loro vorrebbe riunire questo amore spezzato.  Ah!  se l’uomo non peccasse, la mia giustizia non avrebbe che ci fare con la creatura; come incomincia la colpa, così la giustizia si mette in via, credi tu che volessi colpire l’uomo?  No, no, anzi mi duole, mi è duro il toccarlo, ma è lui stesso che mi sforza e m’induce a colpirlo.  Tu prega che l’uomo si ravveda, così la giustizia riunendo subito la corrente dell’amore potrà ritirarsi”.

 

+  +  +  + 

 

14-22

Aprile 13, 1922

 

L’anima che vive nel Voler Divino vive nel seno della Santissima Trinità.

 

(1) Stavo continuando le mie solite preghiere, ed il mio sempre amabile Gesù, sorprendendomi da dietro le spalle, mi ha chiamato per nome, dicendomi:

(2) “Luisa, figlia del mio Volere, vuoi tu vivere sempre nel mio Volere?”

(3) Ed io:  “Sì, oh!  Gesù”.

(4) E Lui:  “Ma è proprio vero che vuoi vivere nella mia Volontà?”

(5) Ed io:  “Proprio vero amor mio, né saprei, né mi adatterei di vivere di un’altra volontà”.

(6) E di nuovo Gesù:  “Ma fermamente lo dici?”

(7) Or, vedendomi confusa e quasi temendo ho soggiunto:  “Vita mia, Gesù, Tu mi fai temere con queste domande, spiegatevi meglio.  Fermamente lo dico, ma sempre aiutata da Te e nella forza della tua volontà, che coinvolgendomi tutta, non potrei farne a meno di vivere nel tuo volere”.

(8) E Lui, dando un sospiro di sollievo ha ripetuto:  “Come ne sono contento della tua triplice affermazione, non temere, non sono altro che rassicurazioni, riaffermazioni e confermazioni, come suggellare in te il triplice suggello del Volere delle Tre Divine Persone.  Tu devi sapere che chi vive nella mia Volontà deve elevarsi in alto, ma tanto in alto, da vivere nel seno della Trinità Sacrosanta, la tua vita e la nostra dev’essere una sola, quindi è necessario, è decoroso che sappi dove stai, con chi stai, e di uniformarti in tutto in ciò che facciamo Noi, e che non forzata, ma volentieri, con amore e con piena conoscenza viva nel nostro seno.  Ora, sai tu qual è la nostra Vita Divina?  Noi ci divertiamo molto nel far uscire da Noi nuove immagini di Noi stessi, stiamo in atto continuo di formare immagini nostre, tanto che Cielo e terra sono riempiti delle nostre immagini, le ombre di queste scorrono ovunque:  Immagine nostra è il sole, e la sua luce è l’ombra della nostra che adombra tutta la terra.  Immagine nostra è il cielo, che si estende ovunque e che porta l’ombra della nostra immensità.  Immagine nostra è l’uomo, che porta in sé la nostra potenza, sapienza ed amore, sicché Noi non facciamo altro che produrre continue nostre immagini che ci somigliano.  Ora, chi deve vivere nel nostro Volere, vivendo nel nostro seno deve insieme con Noi formare tant’altre copie di Noi stessi, dev’essere insieme con Noi nel nostro lavoro, deve far uscire da sé copie ed ombre nostre, riempiendone tutta la terra ed il Cielo.  Ora, nel creare il primo uomo, lo formammo con le nostre mani, ed alitandolo gli demmo la vita; avendo fatto il primo, tutti gli altri hanno origine e sono copie del primo, la nostra potenza scorrendo in tutte le generazioni ne ripete le copie.  Ora, costituendote figlia primogenita del nostro Volere, è necessario che viva con Noi per formare la prima copia dell’anima che vive nel nostro Volere, in modo che, come viva in Noi, così riceva l’attitudine nostra ed impari con la nostra potenza, ad operare a modo nostro, e quando avremmo fatto di te la prima copia dell’anima che vive nel nostro Volere, ne verranno le altre copie.

(9) La via del nostro Volere è lunghissima, abbraccia l’eternità e mentre pare che ne abbia navigata la via, resta molto da fare e da ricevere da Noi per imparare i nostri modi e formare la prima copia dell’anima che vive nel nostro Volere.  E’ l’opera più grande che dobbiamo fare, perciò molto dobbiamo darti e molto conviene disporti per farti ricevere.  Ecco le mie ripetute domande, è per disporti, per allargarti ed elevarti per compiere i miei disegni.  Mi sta tanto a cuore, che lascerei tutto da parte per raggiungere il mio scopo, perciò sii attenta e fedele”.

 

+  +  +  + 

 

14-23

Aprile 17, 1922

 

Il Voler Divino si rende attore e costituisce l’anima regina di tutto.

 

(1) Continuando il mio solito stato, mi sono trovata fuori di me stessa, ed ho trovato il mio dolce Gesù, la mia vita, il mio tutto, da Lui uscivano innumerevoli soli di luce che lo circondavano.  Io sono volata in mezzo a quella luce, e gettandomi nelle sue braccia me l’ho stretto forte forte dicendogli:  “Finalmente ti ho trovato, ora non ti lascio più, Tu mi fai molto aspettare ed io resto senza vita, senza Te; ma senza vita non posso stare, perciò ora non più ti lascio”.  E me lo stringevo più forte per timore che sfuggisse, e Gesù come se godesse delle mie strette, mi ha detto:

(2) “Figlia mia, non temere, neppure Io ti lascio più, se tu non sai stare senza di Me, neppure Io so stare senza di te, e per farti certa che non ti lascio, voglio concatenarti con la mia stessa luce”.

(3) Io restavo tanto immersa ed intrecciata nella luce di Gesù, che mi sembrava che non avrei trovato più la via per uscirne.  Come mi sentivo felice e quante cose comprendevo in quella luce, mi mancano i vocaboli per esprimermi, appena ricordo che mi ha detto:

(4) “Figlia del mio Volere, questa luce che tu vedi non è altro che la mia Volontà, che vuole consumare la tua volontà per darti la forma dell’immagine nostra, cioè delle Tre Divine Persone, in modo che trasformandoti tutta in Noi, lasceremo in te il nostro Volere come attore divino che ci renda la pariglia di ciò che facciamo Noi, sicché usciranno da Noi le nostre immagini, e il nostro Volere agente in te ne prenderà altrettante, oh!  come lo scopo della Creazione sarà completato, l’eco del nostro Volere sarà l’eco del nostro Volere posseduto da te, gli scambi saranno a vicenda, l’amore sarà reciproco, saremo in piena armonia, la creatura scomparirà nel suo Creatore ed allora nulla più mancherà alla nostra gioia, alla nostra felicità per cui uscimmo fuori la Creazione, il facciamo l’uomo a nostra immagine e somiglianza avrà il suo effetto, e solo il nostro Volere, come attore nella creatura, darà compimento a tutto, e la Creazione ci porterà lo scopo divino e la riceveremo nel nostro grembo come opera nostra, come la uscimmo.  E poi, se non puoi stare senza di Me, è l’eco del mio amore che risuona nel tuo cuore, ché non sapendo stare senza di te, ti ripercuote, e tu, scossa, cerchi colui che tanto ti ama, ed Io nel vedermi cercato sento l’eco del tuo amore nel mio, e mi sento tirato a mandarti nuova corrente d’amore per fare che più mi cerchi”.

(5) Ed io:  “Ah!  amor mio, alle volte per quanto ti cerco Tu non vieni, e perciò ora che ti ho trovato non ti lascio più, non più ritornerò nel mio letto, non lo posso, troppo mi hai fatto aspettare, e temo che ritornando Tu ripeterai le tue privazioni”.  E me lo stringevo più forte ripetendo:  “Non ti lascio più, non ti lascio più”.  E Gesù, sebbene godeva delle mie strette, mi ha detto:

(6) “Figlia diletta mia, tu hai ragione che non puoi stare senza di Me, senza della tua vita; e della mia Volontà che ne faremo?  Mentre è la mia Volontà che vuole che ritorni nel tuo letto, non temere, Io non ti lascio; lascerò tra te e Me la corrente della luce della mia Volontà, e tu quando mi vuoi, toccherai la corrente della luce del mio Volere, ed Io subito sulle ali di Essa sarò da te, perciò ritorna, ma non per altro, ma per solo che il mio Volere compisca i suoi disegni e la via che vuol fare in te, ti accompagnerò Io stesso per darti la forza di farti ritornare”.

(7) Ma, oh!  bontà di Gesù, pareva che se non avesse il mio consentimento, neppure Lui si sentiva di farmi ritornare, e non appena ho detto:  “Gesù, fa quello che Tu vuoi”.  Mi sono trovata in me stessa.

(8) Ora, tutto il giorno mi sentivo circondata di luce, e quando lo volevo toccavo la luce e Lui veniva.  Onde, il giorno appresso mi ha trasportato fuori di me stessa e mi faceva vedere tutte le cose create, di cui Gesù non solo era Creatore e dominatore, ma da Lui usciva la vita della conservazione di tutte le cose, la corrente della potenza creatrice era in continui rapporti con loro, e se questa mancasse, tutte si risolvevano nel nulla.  Onde, il mio dolce Gesù mi ha detto:

(9) “Alla figlia del mio Volere voglio darle supremazia su tutto, il mio dominio ed il suo devono essere uno solo, se Io sono Re, lei dev’essere Regina, e se di tutto ti ho dato conoscenza, è perché voglio che non solo conosca i miei domini, ma insieme con Me domini e concorra alla conservazione di tutte le cose create.  Il mio Volere, come si estende da Me su di tutti, voglio che si estenda da te”.

(10) Poi mi ha fatto notare un punto del mondo da cui usciva un fumo nero, e Lui:

(11) “Vedi, là ci sono uomini di stato che vogliono decidere le sorti dei regni, ma fanno senza di Me, e dove non ci sono Io, non ci può essere luce, non hanno altro che il fumo delle loro passioni che li acceca maggiormente, perciò nulla concluderanno di buono, ma servirà per inasprirsi a vicenda e suscitare più gravi conseguenze.  Poveri popoli, diretti da uomini ciechi ed interessati, questi uomini saranno additati come la favola della storia, buoni solo a portare rovina e scompiglio, ma ritiriamoci, lasciamoli in balìa di loro stessi, affinché possano conoscere che significa fare senza di Me”.

(12) Onde Lui è scomparso, ed io mi sono trovata in me stessa.

 

+  +  +  + 

 

14-24

Aprile 21, 1922

 

Effetti della preghiera nella Santissima Volontà di Dio.

 

(1) Tutto ciò che ho scritto e scrivo è solo per obbedire, e molto più, per timore che il mio Gesù, dispiacendosi potesse trovare pretesto per privarmi di Sé, lo sa Lui solo quanto mi costa.  Onde ho passato un giorno senza di Gesù, appena qualche sua ombra, oh!  Dio, che pena, e dicevo tra me:  “Come presto ha mancato alla parola di non lasciarmi!  Oh!  santa Volontà Eterna, portami il mio sommo bene, il mio tutto”.  Ed era tanta la pena che sentivo, che mi sentivo corrucciata e picciosa, ma in questo stato cercavo di fondermi nel suo Santo Volere.  In questo mentre è venuto, facendosi vedere che piangeva amaramente, col cuore trinciato in tanti pezzi, io nel vederlo piangere ho messo da parte il cruccio, ed abbracciandolo ed asciugandole le lacrime gli ho detto:  “Che hai Gesù che piangi?  Dimmi che ti hanno fatto?”

(2) E Lui:  “Ah!  figlia mia, vogliono sfidarmi, è una brutta disfida che mi stanno preparando, e questo dai capi; è tanto il mio dolore che mi sento trinciare in pezzi il mio cuore, ah!  com’è giusto che la mia giustizia si sfoghi contro le creature, perciò vieni insieme con Me nel mio Volere, eleviamoci tra il Cielo e la terra, ed adoriamo insieme la Maestà Suprema, benediciamola e diamole omaggio per tutti, affinché Cielo e terra possano riempirsi di adorazioni, omaggi e benedizioni e tutti possano riceverne gli effetti”.

(3) Onde ho passato una mattinata pregando insieme con Gesù nel suo Volere, ma, oh sorpresa!  come pregavamo, una era la parola, ma il Volere Divino la diffondeva su tutte le cose create e ne restava l’impronta, la portava nell’empireo, e tutti i beati non solo ne ricevevano l’impronta, ma l’era causa di nuova beatitudine, scendeva nel basso della terra e fin nel purgatorio, e tutti ne ricevevano gli effetti, ma chi può dire come si pregava con Gesù, e tutti gli effetti che produceva?  Onde dopo di aver pregato insieme mi ha detto:

(4) “Figlia mia, hai visto che significa pregare nel mio Volere?  Come non c’è punto in cui il mio Volere non esista, Lui circola in tutto ed in tutti, è vita, attore e spettatore di tutto, così gli atti fatti nel mio Volere si rendono vita, attori e spettatori di tutto, fin della stessa gioia, beatitudine e felicità dei santi, portano ovunque la luce, l’aria balsamica e celeste che scaturisce gioie e felicità, perciò non ti partire mai dal mio Volere, Cielo e terra ti aspettano per ricevere nuova gioia e nuovo splendore”.

 

+  +  +  + 

 

14-25

Aprile 25, 1922

 

Migliaia di angeli sono a custodia degli atti fatti nel Voler Divino.

 

(1) Continuando il mio solito stato, mi sentivo tutta immersa nel Divino Volere, ed il mio dolce Gesù ha detto:

(2) “Figlia mia, come il sole non lascia la pianta, la carezza con la sua luce, la feconda col suo calore, fino a tanto che non produce fiori e frutti, e geloso li fa maturare, li custodisce con la sua luce, ed allora lascia il frutto quando l’agricoltore lo coglie per farne cibo, così degli atti fatti nel mio Volere, è tanto il mio amore, la mia gelosia verso di essi, che la grazia li carezza, il mio amore li concepisce e li feconda, li matura, migliaia di angeli metto a custodia d’un atto solo fatto nel mio Volere, perché essendo quest’atti fatti nel mio Volere semi perché la mia Volontà si faccia in terra come in Cielo, tutti sono gelosi di questi atti.  La loro rugiada è il mio alito, la loro ombra è la mia luce, gli angeli ne restano rapiti, e riverenti li adorano, perché veggono in quest’atti la Volontà eterna, che merita tutta la loro adorazione, ed allora quest’atti sono lasciati quando trovo altre anime che, cogliendoli come frutti divini, ne fanno cibo per le loro anime.  Oh!  la fecondità e molteplicità di quest’atti, la creatura stessa che li fa non può numerarli”.

(3) Onde stavo pensando tra me:  “Possibile che questi atti siano tanto grandi, e perché gli stessi angeli ne sono rapiti?” E Gesù, stringendomi più forte fra le sue braccia ha soggiunto:

(4) “Figlia mia, sono tanto grandi questi atti, che come l’anima li va compiendo, non c’è cosa né in Cielo né in terra che non prenda parte, lei resta in comunicazione con tutte le cose create, tutto il bene, gli effetti, il valore del cielo, del sole, delle stelle, dell’acqua, del fuoco eccetera, sono non solo in continui rapporti con lei, ma sono roba sua, essa armonizza con tutto il creato, ed il creato armonizza in lei.  Il perché, poi?  Perché chi vive nel mio Volere sono le depositrici, le conservatrici, le sostenitrici, le difensitrice della mia Volontà, esse prevedono ciò che voglio e senza che Io comandi eseguiscono ciò che voglio, e comprendendo la grandezza, la santità del mio Volere, gelosamente la custodiscono e la difendono.  Come non dovrebbero restare tutti rapiti nel vedere quest’anime che formano il sostegno del loro Dio, in virtù del prodigio della mia Volontà?  Chi mai può difendere i miei diritti se non chi vive nel mio Volere?  Chi mai può amarmi davvero, con amore di disinteresse, simile al mio amore, se non chi vive nella mia Volontà?  Io mi sento più forte in quest’anime, ma forte della mia stessa fortezza.  Sono come un re circondato da fidi ministri, che si sente più forte, più glorioso, più sostenuto in mezzo a questi suoi fidi, che da solo; se resta solo rimpiange i suoi ministri, perché non ha con chi sfogare ed a chi affidare le sorti del regno.  Così sono Io, e chi mai può essermi più fido di chi vive nella mia Volontà?  Sento la mia Volontà duplicata, quindi mi sento più glorioso, sfogo con loro, e di loro mi fido”.

 

+  +  +  + 

 

14-26

Aprile 29, 1922

 

Chi vive nel Divino Volere, vive d’un palpito eterno.

 

(1) Trovandomi nel solito mio stato, vedevo l’anima mia e tutto il mio interno:  pensieri, affetti, palpiti, tendenze, cambiati in tanti fili di luce, e questi si allungavano e si allargavano tanto, che uscendo da dentro il mio interno armonizzavano col sole, salivano più su, toccavano il cielo, si diffondevano su tutta la terra, e mentre guardavo ciò ho visto il mio dolce Gesù che teneva in mano tutti quei fili di luce, e con una maestria incantevole li dirigeva, li allungava, li moltiplicava ed allargava quanto voleva.  Al tocco di quella luce tutte le cose create si abbassavano e facevano armonia insieme, e facevano festa.  Onde il mio Gesù mi ha detto:

(2) “Figlia mia, hai visto con che amore mi diverto e dirigo gli atti fatti nel mio Volere?  E’ tanta la mia gelosia che non li affido a nessuno, neppure all’anima propria, né un pensiero, né una fibra Io sperdo, e che non vi racchiuda tutta la potenza della mia Volontà, ogni atto di questi contiene una Vita Divina, perciò al tocco di questi tutte le cose create sentono la Vita del loro Creatore, sentono di nuovo la forza di quel Fiat onnipotente da cui ebbero l’esistenza e ne fanno festa, sicché questi atti sono per loro nuova gloria e nuova festa.  Ora, questa bella armonia, questi fili di luce che escono dal tuo interno, se il tuo cuore non scorresse nel mio Volere ma nella tua o in altra volontà, nel tuo cuore mancherebbero tanti palpiti di Vita Divina, subentrando tanti palpiti umani per quanti ne mancano alla Divina, e così delle fibre, degli affetti, e siccome l’umano non è capace di poter formare luce, ma tenebre, quindi si formerebbero tanti fili di tenebre, ed il mio Volere ne resterebbe contristato, non potendo svolgere in te tutta la potenza della mia Volontà”.

(3) Mentre ciò diceva, io volevo vedere se nell’anima mia ci fossero questi palpiti umani, che interrompessero la vita del palpito divino, e per quanto guardavo non ne trovavo, e Gesù:

(4) “Per ora non c’è nulla, te l’ho detto per farti stare attenta e farti conoscere che significa vivere nel mio Volere:  vivere di un palpito eterno e divino, vivere col mio alito onnipotente”.

 

+  +  +  + 

 

14-27

Maggio 8, 1922

 

Le pene di chi più ama a Gesù, sono in continue correnti col suo cuore.

 

(1) Continuando il mio solito stato, il benedetto Gesù si faceva vedere appena, come lampo che sfugge; ora fa vedere l’ombra della sua luce, ora la sua mano.  Io sentivo una pena indescrivibile, e Lui carezzandomi il volto con la sua mano mi ha detto:

(2) “Povera figlia, quanto soffri”.

(3) E subito si è ritirato.  Ora, io pensavo tra me:  “Gesù tante volte mi ha detto che mi ama tanto e soffre molto quando mi vede soffrire per causa della sua privazione, chi sa quanto soffre ora nel vedermi impietrita dal dolore della sua privazione?  Onde per non farlo tanto soffrire, voglio farmi forza a me stessa, cercando di essere più contenta, meno oppressa, più attenta nel mantenere il mio volo, la mia attitudine nella sua Volontà, affinché gli porti il mio bacio non amareggiato, ma pacifico e contento, che non lo contristi ma lo consoli”.  Mentre ciò pensavo, è uscito da dentro il mio interno tutto dolente, e col suo cuore tutto ferito, e nel suo centro si vedeva una ferita, che da dentro usciva una fiammella, e mi ha detto:

(4) “Figlia mia, certo che quanto più ti veggo soffrire quando ti privo di Me, tanto più Io ne sento la pena, perché essendo la tua pena cagionata dalla mia privazione, non è altro che effetto del mio amore che hai per Me, quindi se tu sei amareggiata, oppressa, il tuo palpito fa eco nel mio cuore e sento la tua amarezza ed oppressione.  Ah!  se sapessi quanto soffro quando ti veggo soffrire per causa mia, useresti sempre questa cautela, questa attenzione per non amareggiarmi di più; sono le pene di chi più mi ama, che sono in continue correnti col mio cuore.  Vedi, la ferita che vedi nel centro del mio cuore, da cui esce la fiammella, è proprio la tua, ma però consolati, se mi dà sommo dolore, mi dà sommo amore.  Tu però restati quieta, ed Io andrò avanti a compiere la mia giustizia, ma non ti lascio, ritornerò spesso, fosse anche a lampo, non cesserò di farti le mie piccole visitine”.

 

+  +  +  + 

 

14-28

Maggio 12, 1922

 

La Santità nel Divino Volere:  Nulla fare

di proprio, ma fare ciò che fa Dio.

 

(1) Stavo pensando tra me:  “Chi sa in che cosa l’ho offeso, che il mio dolce Gesù non viene secondo il suo solito?  Come può essere mai possibile che senza nulla, la bontà del suo cuore santissimo, che facilmente trascende verso chi lo ama, deva resistere a tante mie chiamate?” Ora, mentre a ciò ed altro pensavo, è uscito da dentro il mio interno, e coprendomi tutta sotto d’un manto di fulgidissima luce, in modo che io non vedevo altro che luce, mi ha detto:

(2) “Figlia mia, di che temi?  Vedi, per farti stare al sicuro e ben difesa, ti ho circuita sotto di questo manto di luce, affinché nessuna creatura e nessuna cosa possa recarti danno, e poi, perché vuoi perdere il tempo col pensare che mi hai offeso?  Per chi vive nel mio Volere il veleno della colpa non è entrato, e poi, il tuo Gesù ti fulminerebbe se ti vedesse anche con piccole macchie di peccati, e ti metterei fuori dal cerchio della mia Volontà, e tu perderesti subito l’attitudine d’operare nel mio Volere.  Ah!  figlia, la santità nel mio Volere non è conosciuta ancora; ogni specie di santità ha la sua distinzione speciale, molti, nel sentire che vengo spesso da te si fanno maraviglia, non essendo stato mio solito farlo con altre anime.  La santità nel mio Volere è inseparabile da Me, e per elevarla al livello divino mi è necessario tenerla, o immedesimata con la mia Umanità, o nella luce della mia Divinità; altrimenti, come potrebbe l’anima tenere l’attitudine del suo operato nel mio Volere, se il mio operato ed il suo non fosse uno solo?  Ora, l’anima che vive nel mio Volere prende parte a tutti i miei attributi, ed insieme con Me corre ad ogni atto mio, quindi deve correre con Me anche agli atti di giustizia, ecco perciò che quando voglio castigare ti nascondo la mia Umanità, la quale è più accessibile all’umana natura, e tu, ai riverberi della mia Umanità senti l’amore e la compassione che ho verso le anime, e mi strappi i flagelli con cui voglio colpirle.  Quando poi le creature ne fanno tante che mi costringono a colpirle, nascondendoti la mia Umanità ti elevo nella luce della mia Divinità, la quale assorbendoti e beandoti in Essa, tu non senti i riverbi della mia Umanità, ed Io restando libero colpisco le creature, sicché, o ti manifesto la mia Umanità facendoti concorrere insieme con Me agli atti di misericordia verso le creature, o ti assorbo nella luce della mia Divinità facendoti concorrere agli atti di giustizia, è sempre con Me che tu stai, anzi, quando ti assorbo nella luce della mia Divinità, è più grande grazia che ti faccio, e tu perché non vedi la mia Umanità ti lamenti che ti privo di Me, e non apprezzi la grazia che ricevi”.

(3) Ed io, nel sentire che concorrevo agli atti di giustizia, spaventata ho detto:  “Sicché amor mio, ora che stai colpendo le creature facendo crollare le abitazioni, sono io insieme con Te nel far ciò?  No, no, il Cielo mi guardi di toccare i mie fratelli.  Quando Tu vorrai colpirli io mi farò piccola nel tuo Volere, non mi diffonderò in Esso, affinché non prenda parte a ciò che fai Tu; in tutto voglio fare ciò che fai, ma in questo di colpire le creature, non mai”.

(4) E Gesù:  “Perché ti spaventi?  Nel mio Volere non puoi esimerti dal fare ciò che faccio Io, la cosa è connaturale, ed è proprio questa la santità nel mio Volere:  nulla fare di proprio, ma fare ciò che fa Dio.  E poi, la mia giustizia è santità e amore, è equilibrare i diritti divini; se non avessi la giustizia mancherebbe tutta la pienezza della perfezione alla mia Divinità, così, se tu vuoi vivere nel mio Volere e non vuoi prendere parte agli atti di giustizia, la santità fatta nel mio Volere non avrebbe il suo pieno compimento, sono due acque fuse insieme, che l’una è costretta a fare ciò che fa l’altra; invece se sono separate, ognuna fa la sua via.  Così la Volontà mia e la tua sono le due acque fuse insieme, e ciò che fa l’una deve fare l’altra, perciò sempre nella mia Volontà ti voglio”.

(5) Onde mi sono abbandonata tutta nella sua Volontà, ma sentivo gran ripugnanza per la giustizia, ed il mio dolce Gesù ritornando mi ha detto:

(6) “Se sapessi come mi pesa l’usare giustizia, e quanto amo la creatura!  Tutta la Creazione è per Me come il corpo all’anima, come la corteccia al frutto, Io sono in continuo atto immediato con l’uomo, ma le cose create mi nascondono, come il corpo nasconde l’anima, ma se non fosse per l’anima il corpo non avrebbe vita, così si mi ritirassi dalle cose create tutte resterebbero senza vita, sicché in tutte le cose create Io visito l’uomo, lo tocco e gli do la vita:  Sto nascosto nel fuoco, e lo visito col calore; se Io non ci fossi, il fuoco non avrebbe calore, sarebbe fuoco dipinto e senza vita, e mentre Io visito l’uomo nel fuoco, lui non mi riconosce né mi dà un saluto.  Sto nell’acqua e lo visito col dissetarlo, se Io non ci fossi, l’acqua non disseterebbe, sarebbe acqua morta; e mentre Io lo visito, lui mi passa avanti senza farmi un inchino.  Sto nascosto nel cibo e visito l’uomo col dargli la sostanza, la forza, il gusto; se Io non ci fossi, l’uomo prendendo il cibo resterebbe digiuno, eppure, ingrato, mentre si ciba di Me mi volta le spalle.  Sto nascosto nel sole e lo visito con la mia luce, quasi ad ogni istante, ma ingrato mi ricambia con continue offese.  In tutte le cose lo visito:  nell’aria che respira, nel fiore che olezza, nel venticello che rinfresca, nel tuono che colpisce, in tutto; le mie visite sono innumerevoli, vedi quanto lo amo?  E tu stando nella mia volontà, sei insieme con Me a visitare l’uomo e a dargli la vita, perciò non ti spaventare se qualche volta concorri alla giustizia”.

 

+  +  +  + 

 

14-29

Maggio 15, 1922

 

Lamenti, timori di Luisa.  Gesù la fa vedere quanto la ama.

 

(1) Continuando il mio solito stato, mi sentivo tutta oppressa per la privazione del mio dolce Gesù.  Ora, mentre pregavo mi sono sentita una persona dietro le mie spalle, ed io non sapendo che fosse Gesù ho avuto un tremito di paura, e Lui ha steso il suo braccio, e prendendomi la mano in mano mi ha detto:

(2) “Luisa, non temere, sono Io”.

(3) Ed io, oppressa come stavo e stanca dall’aspettarlo ho detto:  “Si vede oh!  Gesù, che non mi vuoi più bene come prima, mi hai tolto tutto, anche il patire; mi eri rimasto Tu solo e spesso spesso ti involi, e non so come fare, né dove trovarti; ah!  è proprio vero, non mi vuoi più bene”.  E Gesù prendendo un’aspetto dignitoso, da far temere, ha soggiunto:

(4) “Tu mi offendi col dirmi che non ti voglio più bene come prima, badaci bene, che il solo sospetto che non t’amassi è per Me il più grande affronto.  Come, non ti amo!  Come, non ti amo!  Sicché tieni per un nonnulla tutte le grazie che ti sto facendo?”

(5) Io sono restata confusa e tremavo davvero nel vedere l’aspetto severo di Gesù, e nel fondo del mio cuore imploravo perdono, pietà, e Lui, mitigandosi:

(6) “Promettimi di non dirmelo più, e per farti vedere che ti amo, voglio farti patire facendoti parte delle mie pene”.

(7) Onde dopo aver un poco sofferto, ha ripetuto:

(8) “Ora voglio farti vedere come ti amo”.

(9) Onde faceva vedere il suo cuore aperto, e da dentro uscivano mari immensi di potenza, di sapienza, di bontà, d’amore, di bellezza, di santità; ed in ogni centro di questi mari stava scritto:  “Luisa, figlia della mia immensità, figlia della mia potenza, figlia della mia sapienza, figlia della mia bontà, figlia del mio amore, figlia della mia bellezza, figlia della mia santità”.  Io, quanto più vedevo tanto più restavo confusa, e Gesù:

(10) “Hai visto quanto ti amo?  E come non solo nel mio cuore, ma in tutti i miei attributi porto scritto il tuo nome, e questo tuo nome scritto in Me fa aprire sempre nuove correnti di grazia, di luce, d’amore, eccetera, verso di te; eppure dici che non ti amo, come puoi sospettarlo?”

(11) Lo sa solo Gesù come sono rimasta schiacciata, pensando che avevo offeso il mio Gesù, e poi alla sua presenza.  Oh!  Dio, che pena, quanto è brutta la colpa!

 

+  +  +  + 

 

14-30

Maggio 19, 1922

 

Il Divino Volere nel Cielo è felicitante, ma nella terra è operante,

e moltiplica la sua Vita, suoi beni, nell’atto della creatura.

 

(1) Continuando il mio solito stato, il mio sempre amabile Gesù si faceva vedere da dentro il mio interno, al quale aprendosi come una porticina, poggiava le sue braccia e sporgeva la sua testa fuori per vedere che cosa facevano le altre creature.  Io guardavo insieme con Gesù, ma chi può dire i mali che si vedevano, le offese che si facevano, ed i castighi che pioveranno?  Era raccapricciante vista sì dolorosa; come pure vedevo il nostro povero paese colpito dal flagello divino.  Ora io, vedendo che Gesù guardava con una tenerezza d’amore e di dolore, mentre giorni prima mi era riuscito impossibile di farlo guardare e di rivolgerlo di faccia verso le creature, gli ho detto:

(2) “Amor mio e vita mia, vedi quanto soffrono i tuoi e miei cari fratelli, non volete usare pietà?  Quanto volentieri soffrirei tutto per far che loro fossero risparmiati.  Vedi, questo è un dovere che m’impone lo stato di vittima, la tua imitazione; non soffristi tutto per noi?  E come vuoi che non soffra per risparmiare loro, e che imiti Te, mentre Tu tanto soffristi?” E Gesù spezzando il mio dire mi ha detto:

(3) “Ah!  figlia mia, è giunto a tanto l’uomo che non posso guardarlo se non con orrore, e se lo guardo è solo da dentro te, perché trovando in te tutte le tenerezze della mia Umanità, le mie preghiere, sento un trasporto di guardarlo con compassione, e per amor tuo risparmierò le loro vite.  L’uomo ha bisogno di purghe forti, altrimenti non si ricrede, e perciò travolgerò tutto per rinnovare tutto, farò cose impreviste, castighi nuovi, di cui l’uomo non potrà trovare la cagione, e questo per confonderlo, ma tu non temere, per amor tuo risparmierò qualche cosa.  Sento in te come sentivo nella mia Umanità la corrente delle comunicazioni con tutte le creature, e perciò mi è duro non darti e non contentarti in nulla”.

(4) Onde più tardi mi sono trovata fuori di me stessa, ad un punto altissimo ed ho trovato la mia Mamma Celeste, un nostro Arcivescovo defunto, i miei genitori ed il mio dolce Gesù in braccio al Vescovo, il quale, non appena vistami, me l’ha dato in braccio dicendomi:  “Prendilo figlia mia e godilo”.  E Gesù faceva festa nelle mie braccia, ed ha detto:

(5) “Figlia carissima del mio Volere, voglio rinnovare il connubio del gran dono di farti vivere nel mio Volere, e perciò ho voluto presenti come rappresentanti:  La mia cara Mamma, il Vescovo che prese parte alla tua direzione stando in terra, ed i tuoi genitori, affinché tu resti maggiormente confermata nella mia Volontà e riceva tutta la corrente ed i beni che la mia Volontà contiene, ed essi siano i primi a ricevere la gloria dell’operato del vivere nel mio Volere.  Tu non sei altro che un atomo nel mio Volere, ma in quest’atomo Io ci metto tutto il peso della mia Volontà, affinché come ti muovi, il mare immenso del mio Volere riceva il suo moto, le acque s’increspino, e come agitate esalino la loro freschezza, i loro profumi, e straripino a bene del Cielo e della terra.  L’atomo è piccolo, leggerissimo, e non è capace di agitare tutto il mare immenso della mia Volontà, ma messovi dentro tutto il peso di Essa, sarà capace di tutto, e mi darai campo a dare da Me altri atti divini, sarai come la pietruccia gettata nella fonte, che come cade, le acque s’increspano, si agitano, e mandano fuori la loro freschezza ed il loro profumo; ma la pietruccia non contiene il peso della mia Volontà e perciò non può far straripare la fonte, ma il tuo atomo col peso del mio Volere, non solo può travolgere il mio mare, ma allagare Cielo e terra.

(6) Come dentro d’un fiato berrai tutta la mia Volontà con tutti i beni che Essa contiene, e dentro d’un altro fiato la emetterai fuori, e mentre ciò farai, tante volte moltiplicherai la mia Vita, i miei beni; quante volte la bevi e quante volte la emetti.  E se nel Cielo i beati godono di tutta la beatitudine che contiene il mio Volere, vivono in Esso come nel proprio centro, ma non lo moltiplicano, essendo fissati in loro i loro meriti.  Tu sei più felice di loro, potendo moltiplicare la mia Vita, il mio Volere, i miei beni; in loro il mio Volere è felicitante, in te è operante e chiedo i tuoi atti per moltiplicarmi.  Quando tu operi sto con ansia a guardare se operi nel mio Volere per ricevere il contento di vedermi moltiplicato nel tuo atto, quanto dovresti stare attenta, e nulla farti sfuggire”.

 

+  +  +  + 

 

14-31

Maggio 27, 1922

 

L’atto preventivo e l’atto attuale.

 

(1) Stavo pensando tra me:  “Se è così grande un atto fatto nel suo Volere, quanti, ahimè!  non ne faccio sfuggire?” Ed il mio dolce Gesù muovendosi nel mio interno mi ha detto:

(2) “Figlia mia, c’è l’atto preventivo e l’atto attuale.  Il preventivo è quello quando l’anima, dal primo sorgere del giorno, fissa la sua volontà nella mia, e si decide e si conferma di voler vivere ed operare solo nel mio Volere, previene tutti i suoi atti e li fa scorrere tutti nel mio Volere.  Con la volontà preventiva il mio Sole sorge, la mia Vita resta duplicata in tutti i tuoi atti come dentro d’un solo atto, e questo supplisce all’atto attuale.  Ma però, l’atto preventivo può essere ombrato, oscurato dai modi umani, dalla volontà propria, dalla stima, dalla trascuratezza ed altro, che sono come nubi innanzi al sole, che rendono meno vivida la sua luce sulla faccia della terra.  Invece l’atto attuale non è soggetto a nubi, ma ha virtù di diradare le nubi se ci sono, e fa sorgere tant’altri soli in cui resta duplicata la mia Vita, con tale vivezza di luce e calore, da formare altrettanti nuovi soli, l’uno più bello dell’altro.  Però tutti e due sono necessari, il preventivo dà la mano, dispone e forma il piano all’attuale; l’attuale conserva ed allarga il piano del preventivo”.

 

+  +  +  + 

 

14-32

Giugno 1, 1922

 

Che cosa è la verità.

 

(1) Trovandomi nel solito mio stato, stavo seguendo le ore della passione del mio dolce Gesù, specie quando fu presentato a Pilato, il quale gli domandò qual’era il suo regno, ed il mio sempre amabile Gesù mi ha detto:

(2) “Figlia mia, fu la prima volta nella mia Vita terrena che ebbi che ci fare con un preside gentile, il quale mi domandò qual’era il mio regno, ed Io gli risposi che il mio regno non è di questo mondo; se di questo mondo fosse, migliaia di legioni di angeli mi difenderebbero.  Ma con ciò aprivo ai gentili il mio regno e comunicavo loro le mie celesti dottrine, tanto che Pilato mi domandò:  “Come, Re sei Tu?” Ed Io subito gli risposi:  “Re Io sono, e sono venuto nel mondo ad insegnare la verità”.  Con ciò, Io volevo farmi via nella mente di lui per farmi conoscere, tanto che come colpito mi domandò:  “Che cosa è la verità?” Ma non aspettò la mia risposta, non ebbi il bene di farmi capire, gli avrei detto:  “La verità sono Io, tutto in Me è verità:  Verità è la mia pazienza in mezzo a tanti insulti; verità è il mio sguardo dolce fra tante derisioni, calunnie, disprezzi; verità sono i miei modi affabili, attraenti, in mezzo a tanti nemici, che mentre loro mi odiano Io li amo, e mentre vogliono darmi la morte Io voglio abbracciarli e dar loro la vita; verità sono le mie parole dignitose e piene di sapienza celeste; tutto in Me è verità.  La verità è più che sole maestoso, che per quanto si voglia calpestare, sorge più bello, più luminoso, da far vergogna agli stessi nemici e di atterrarli innanzi ai suoi stessi piedi.  Pilato mi domandò con sincerità d’animo, ed Io fui pronto a rispondergli, invece Erode mi domandò con malignità e per curiosarmi, ed Io non risposi, sicché a chi vuole sapere le cose sante con sincerità, Io mi rivelo più di quello che si vuole; invece, a chi vuol saperle con malignità e per curiosarle, Io mi nascondo, e mentre loro si vogliono far beffe di Me, Io confondo loro e me ne faccio beffe di loro.  Ma siccome la mia persona portava con sé la verità, sicché anche innanzi ad Erode fece il suo ufficio, il mio silenzio alle domande tempestose di Erode, il mio sguardo modesto, l’aria tutta piena di dolcezza, di dignità, di nobiltà della mia stessa persona, erano tutte verità, e verità operanti”.

 

+  +  +  + 

 

14-33

Giugno 6, 1922

 

Vivendo nella Divina Volontà, la croce e la

santità si fanno simile a quelle di Gesù.

 

(1) Stavo pensando tra me:  “Come mai il mio buon Gesù ha cambiato con me, prima tutto si dilettava nel farmi patire, tutto era partecipazione di chiodi e croce; adesso tutto è svanito, non più si diletta nel farmi patire, e se qualche volta soffro mi guarda con una indifferenza, non mostra più quel gusto d’una volta”.  Ora, mentre ciò pensavo, il mio dolce Gesù muovendosi nel mio interno, sospirando mi ha detto:

(2) “Figlia mia, quando ci sono i gusti maggiori, i gusti minori perdono il loro diletto, la loro attrattiva, e perciò si guardano con indifferenza.  La croce lega la grazia, ma chi l’alimenta, chi la fa crescere a debita statura?  La mia Volontà.  E’ lei sola che completa tutto e fa compiere i miei più alti disegni nell’anima, e se non fosse per la mia Volontà, la stessa croce, per quanto potere e grandezza contiene, può far rimanere le anime a mezza strada.  Oh!  quanti soffrono, e siccome manca l’alimento continuo della mia Volontà, non giungono alla meta, al disfacimento del volere umano, ed il Voler Divino non può dare l’ultimo colpo, l’ultima pennellata della Santità Divina.  Vedi, tu dici che sono svaniti chiodi e croce, falso figlia mia, falso, prima la tua croce era piccola, incompleta, ora la mia Volontà elevandoti nella mia Volontà, la tua croce si fa grande, ed ogni atto che fai nel mio Volere è un chiodo che riceve il tuo volere, e vivendo nella mia Volontà, la tua si stende tanto da diffonderti in ogni creatura, e mi dà per ciascuna quella vita che ho dato loro per ridarmi l’onore, la gloria, lo scopo perché l’ho creato.  Vedi, la tua croce si stende non solo per te, ma per ciascuna creatura, sicché dovunque vedo la tua croce; prima la vedevo solo in te, ora la veggo dappertutto.  Quel fonderti nella mia Volontà, senza nessuno interesse personale, ma solo per darmi quello che tutti dovrebbero darmi, e per dare a tutti tutto il bene che il mio Volere contiene, è solo della Vita Divina, non umana; sicché solo la mia Volontà è quella che forma questa santità divina nell’anima.  Onde le tue croci primiere erano santità umana, e l’umano per quanto santo, non sa fare cose grandi, ma piccole, molto meno elevare l’anima alla santità e alla fusione dell’operato del suo Creatore, resta sempre nella restrizione di creatura, ma la mia Volontà abbattendo tutte le barriere umane, la getta nell’immensità divina, e tutto si fa immenso in lei:  Croce, chiodi, santità, amore, riparazione, tutto; la mia mira in te non era la santità umana, sebbene era necessario che prima facessi le cose piccole in te, e perciò tanto mi dilettavo.

(3) Ora, avendoti fatto passare oltre e dovendoti far vivere nel mio Volere, vedendo la tua piccolezza, il tuo atomo abbracciare l’immensità per darmi per tutti e per ciascuno amore e gloria per ridarmi tutti i diritti di tutta la Creazione, questo mi diletta tanto, che tutte le altre cose non mi danno più gusto.  Onde la tua croce, i tuoi chiodi, sarà la mia Volontà che tenendo crocifissa la tua completerà in te la vera crocifissione, non ad intervallo, ma perpetua, tutta simile alla mia, che fui concepito crocifisso e morii crocifisso, alimentata la mia croce della sola Volontà eterna, e perciò per tutti e per ciascuno Io fui crocifisso.  La mia croce suggellò tutti col suo emblema”.

 

+  +  +  +

 

14-34

Giugno 9, 1922

 

Gesù vuole riposarsi nell’anima.

 

(1) Trovandomi nel solito mio stato, il mio sempre amabile Gesù veniva spesso spesso, ed ora poggiava la sua testa sulla mia e diceva:

(2) “Figlia mia, ho bisogno di riposo; l’intelligenza increata vuol riposarsi nell’intelligenza creata, ma per trovare il vero riposo dovrei trovare nella tua tutta la gloria, il contento che tutte le altre intelligenze dovrebbero darmi, perciò la mia Volontà vuole allargare la tua capacità per poter trovare questo riposo.  No, non sono contento se la mia Volontà non mette in te tutto quello che gli altri mi dovrebbero”.

(3) Onde pareva che alitava la mia intelligenza, ed essa restava incatenata come da tanti fili di luce, per quante menti create uscivano dalle mani del nostro Creatore, ed ogni filo di luce diceva:  “Gloria, riconoscenza, onore, eccetera, al mio Dio tre volte Santo”.  E Gesù diceva:

(4) “Ah!  sì, ora posso riposarmi, trovo il ricambio dell’intelligenza della Creazione, la mente creata si confonde con la mente increata”.

(5) Onde dopo ha poggiato la sua testa sul mio cuore, e pareva che non trovava completo riposo, onde ha messo la sua bocca sul mio cuore e lo fiatava; ad ogni fiato il mio cuore si allargava, e poi ha soggiunto:

(6) “Figlia, sono risoluto a riposarmi, perciò voglio tanto fiatare il tuo cuore, per mettervi tutto l’amore che tutto il resto della Creazione dovrebbe darmi; il mio riposo non può essere perfetto se non trovo il ricambio dell’amore che è uscito da Me, perciò voglio trovare in questo cuore l’amore che tutti dovrebbero darmi, il mio Volere farà questo prodigio in te, ed il tuo cuore avrà una nota per tutti, che mi dice amore”.

(7) Onde dopo ha messo di nuovo la sua testa sul mio cuore e si riposava, come era bello vedere riposare Gesù!  Onde scompariva e ritornava, ed ora voleva riposarsi sulle mani, ora sulla spalla; pareva che voleva vedere se tutta la mia persona si prestava a farlo riposare.

(8) Onde dopo mi ha detto:  “Diletta mia, quanto amore sento verso di te, tutto l’amore che dovrei dar agli altri e che loro rifiutano, lo accentro in te.  Sento in te l’eco della mia parola creatrice:  “Facciamo l’uomo a nostra immagine e somiglianza”, e ne veggo il compimento.  Ah!  solo il nostro Volere farà ritornare l’uomo alla sua prima origine, il nostro Volere getterà tutte le impressioni divine nel volere umano, e travolgendo un volere nell’altro, lo porterà sulle sue ali nelle braccia del suo Creatore, non brutto come l’ha fatto la colpa, ma puro e bello e simile al suo Creatore, perciò voglio che tu riceva tutte le impressioni della mia Volontà nella tua, affinché Cielo e terra non possano discernere che la sola Volontà Divina agente in te, cui loro si sentiranno come travolti, e tutti riceveranno il bene dell’operato divino nella creatura, perciò prestati in tutto e siimi fedele”.

(9) Dopo di ciò è ritornato di nuovo, ma tutto afflitto e mi ha detto:

(10) “Io ne sono dolente quando pensano di Me che sono severo e che faccio più uso della giustizia che della misericordia; stanno con Me come se ad ogni cosa dovessi colpirli, oh!  quanto mi sento disonorato da questi tali, perché questo li porta a stare con Me a debita distanza, e chi sta distante non può ricevere tutta la fusione del mio amore; e mentre sono loro che non mi amano, pensano di Me che sono severo e quasi un Essere che faccio paura, mentre solo col dare uno sguardo alla mia vita, possono solo rilevare che solo un atto di giustizia Io feci, quale fu che per difendere la casa del Padre mio, presi le funi e menai a destra ed a sinistra per cacciare i profanatori, che poi tutto il resto fu tutta misericordia:  Misericordia il mio concepimento, la mia nascita, le mie parole, le mie opere, i miei passi, il mio sangue sparso, le mie pene, tutto era in Me amore misericordioso.  Eppure si teme di Me, mentre dovrebbero temere più di loro che di Me”.

 

+  +  +  + 

 

14-35

Giugno 11, 1922

 

La vita naturale simboleggia la spirituale.

 

(1) Stavo pensando tra me:  “Come sarà che anche la vita spirituale subisce tanti cambiamenti, mentre si è convinto che questa dev’essere la mia via, quando meno si pensa si è sbalzato altrove, portando chi sa quanti strascichi dolorosi che fanno sanguinare il cuore, si può dire che per i tanti cambiamenti che si subiscono è un continuato martirio”.  Onde il mio dolce Gesù muovendosi nel mio interno mi ha detto:

(2) “Figlia mia, certo che la vita spirituale dev’essere un continuo martirio, perché dev’essere simile al primo ed al più grande dei martiri, quale Io fui, e se non fosse, non si può dare vero nome di vita spirituale, ma larva ed ombra di essa.  Poi, è necessario che subisca vari cambiamenti, e questo è per farla giungere a debita statura ed a renderla nobile, bella e perfetta.  Se la stessa natura umana, meno importante, subisce chi sa quanti cambiamenti per farla giungere a debita statura, molto più la spirituale, che è più importante e superiore alla vita naturale, anzi essa simboleggia la spirituale.  Osserva un po’, quanti cambiamenti subisce la vita naturale?  Essa è concepita dentro del seno materno, e vi sta per ben nove mesi, per ben formare il corpicino, e quando è formato è costretto ad uscire, e se volesse continuare a stare ne morrebbe, perché mancando lo spazio per crescere si soffocherebbe, compromettendo la sua vita e quella della mamma.  Ora, se questo concepimento si formasse fuori di un seno materno, chi dovrebbe prestare il sangue, il calore per formare il corpicino?  E poi, essendo le membra tenerissime, l’aria stessa l’ucciderebbe, ma quanta cautela non ci vuole per il piccolo neonato?  Il caldo, il freddo, le stesse strettezze del seno materno gli possono essere micidiali, ecco perciò fasce, culla, latte; se si volesse dare altro cibo, il piccino non sa l’uso di masticare, sicché si metterebbe a pericolo la sua vita, ma poi giunge anche il tempo che si rende abile a prendere il cibo, a togliersi le fasce, e s’impara a dare qualche passo.  Vedi, non siamo altro che all’infanzia e già ha subito tre cambiamenti; or, che si direbbe se questo piccino vedendosi messo a terra per fargli dare il passo, temendo d’essere sbalzato dalle braccia della mamma, strepita, piange e non ne vuol saperne?  Si rimpiangerebbe, perché in braccio alla mamma mai si farebbe uomo, senza moto non si renderebbe né forte né sviluppato.

(3) Ora veniamo alla vera vita spirituale.  Essa si concepisce nel mio seno; il mio sangue, il mio amore, il mio alito la formano; poi l’alimento al mio petto; la fascio con le mie grazie; onde passo a farla camminare con le mie verità, ma con ciò, non è mio disegno di formare una bimba da giuoco, ma di formare una copia tutta simile a Me, ed ecco perciò sottentrano i cambiamenti, non è altro che per farla giungere ad età matura e darle tutti quei privilegi e prerogative che contiene la vera vita spirituale, altrimenti rimarrà come bambina in fasce, che invece di formare il mio onore e la mia gloria, formerebbe il mio dolore e disonore, e quante ce ne sono che rimangono solo neonate o al più fasciate, e pochissime sono quelle che lavorano insieme con Me, per farne una copia di Me”.

 

+  +  +  + 

 

14-36

Giugno 15, 1922

 

Il palpito divino è la celletta dell’anima che vive nel

Voler Divino, ed Esso armonizza tutto nella creatura.

 

(1) Continuando il mio solito stato, stavo pensando al Santo Voler di Dio, e mentre mi fondevo in Esso, il mio sempre amabile Gesù mi ha detto:

(2) “Figlia mia, fu il punto centrale della mia Vita la mia Volontà eterna, dal primo atto del mio concepimento fino all’ultimo anelito; mi precedette, mi accompagnò facendosi vita dello stesso atto, e mi susseguiva, chiudendo il mio atto nell’ambito eterno del mio Volere, da cui non trovavo la uscita; e siccome la mia Volontà eterna era immensa, non c’era punto in cui non circuiva, né generazione in cui Essa non doveva dominare, sicché era per Lei come connaturale formare i miei atti, moltiplicarli per tutti come se fosse per uno solo.  Un soggetto può dare ciò che tiene; per quanta potenza contiene non può dare di più di ciò che esso possiede.  Ora, la mia Volontà possedeva l’immensità, il potere della moltiplicazione degli atti per quanti ne voleva, l’eternità in cui travolgeva tutte le cose presenti a tutti, come al principio di tutte le cose come fino alla fine.  Ecco perciò fino dal mio primo concepire, la potenza del mio Volere formava tanti concepimenti per quante creature uscivano alla esistenza; le mie parole, i pensieri, le opere, i passi, li moltiplicava, li estendeva dal primo fino all’ultimo degli uomini.  La potenza del Volere eterno, il mio sangue, le mie pene, li convertiva in mari immensi di cui tutti potevano avvalersi, se non fosse per il prodigio del Voler Supremo, la mia stessa Redenzione sarebbe stata individuale, circoscritta, e per qualche generazione.

(3) Ora, la mia Volontà non è cambiata, quel che era è e sarà, molto più che essendo venuto Io sulla terra, venni a rannodare la Volontà Divina all’umana; chi non sfugge da questo nodo e si dà in balìa di Essa, facendosi precedere, accompagnare e susseguire, racchiudendo il suo atto dentro del mio Volere, ciò che successe di Me succede dell’anima.  Vedi, come tu fondevi i tuoi pensieri, le tue parole, le tue opere, le tue riparazioni, il tuo piccolo amore nel mio Volere, li estendevo, li moltiplicavo e si facevano antidoto di ciascun pensiero, di ciascun parola, di ciascuna opera, riparazione d’ogni offesa, amore per ogni amore che mi si deve, e se ciò non succedesse è per difetto della volontà umana, che non gettandosi del tutto in preda della Volontà Divina, non prende tutto, e né si può dare a tutti, quindi sente le sensazioni dell’umano che la infelicitano, la circoscrivono, la impoveriscono e la rendono parziale.  Ecco perciò tutto il mio interesse che il tuo volere faccia vita nel mio, e che capisca bene che significa vivere in Esso, quanto a creatura è possibile, perché se ciò farai avrai ottenuto tutto e mi darai tutto”.

(4) Detto ciò è scomparso.  Ma dopo è ritornato di nuovo e si faceva vedere tutto piagato, ma quelle piaghe formavano tante cellette in cui Gesù chiamava le anime per chiuderle in esse e metterle al sicuro, onde io gli ho detto:  “Amor mio, e la mia celletta dove?  Affinché chiudendomi non esca più”.

(5) E Gesù:  “Figlia mia, per te non ci sono cellette nel mio corpo, perché chi vive nel mio Volere non può vivere in un mio appartamento, ma devi vivere nel palpito del mio cuore.  Il palpito è il centro e la vita del corpo umano, se cessa il palpito cessa la vita, il palpito mantiene la circolazione del sangue, il calore, la respirazione, quindi la forza, l’attività delle membra; se il palpito non è regolare, tutte le attitudini umane sono in disordine, anche la stessa intelligenza perde la vivacità, l’ingegno, la pienezza della luce intellettiva, perché nel creare l’uomo ci misi nel cuore un suono speciale, a cui legai l’armonia eterna, in modo che se il palpito è sano, tutto è armonia nella creatura.  Ora, la mia Volontà è come il palpito nella creatura, se Essa palpita armonizza la santità, armonizzano le virtù, armonizza tra il Cielo e la terra; la sua armonia si estende fino con la Trinità Sacrosanta, ecco perciò per te c’è il mio palpito che si offre come celletta per chiuderti dentro, e palpitando d’un solo palpito armonizzi tra il Cielo e la terra, circoli nel passato, nel presente e nel futuro, in tutto ti trovi tu circolante in Me ed Io in te”.

 

+  +  +  + 

 

14-37

Giugno 19, 1922

 

Ogni qual volta l’anima opera nel Divino Volere, dà il campo

a Gesù di mettere fuori nuove beatitudini e nuovi contenti.

 

(1) Continuando il mio solito, mi sentivo inabissata nel Volere Supremo del mio dolce Gesù, mi pareva che ogni mio piccolo atto fatto nel Divino Volere faceva uscire nuovi contenti da dentro la Maestà Divina, ed il mio amabile Gesù mi ha detto:

(2) “Figlia mia, Io posseggo tali contenti, felicità e beatitudini, che potrei dare ad ogni istante sempre nuove gioie e beatitudini, sicché ogni qual volta l’anima opera nel mio Volere, mi dà il campo a mettere fuori nuove beatitudini e nuovi contenti che Io posseggo, e siccome il mio Volere è immenso e invade tutti e tutto, così come escono scorrono sull’anima che sta operando nel mio Volere, come causa primaria che le mie beatitudini vengono messe fuori, e poi circolano in tutti, e in cielo e in terra.  Onde, quante volte operi nel mio Volere, tante beatitudini e gioie di più mi fai mettere fuori, ed Io sento il contento di far parte delle gioie che posseggo.  La mia Volontà vuol mettere fuori ciò che possiede, ma va trovando chi ne dia l’occasione, chi è disposto a riceverne, chi prepara un posticino nell’anima sua dove poter mettere questi miei nuovi contenti.  Ora, l’anima col voler fare la mia Volontà, apre le porte del mio Volere, e svuotandosi del suo volere mi prepara un posticino dove mettere i miei beni, ed entrando nella mia Volontà ad operare, mi dà l’occasione d’uscire da Me nuove beatitudini, perciò con ansia aspetto che l’anima venga ad operare nel mio Volere eterno, per sprigionare da Me una nuova gioia e farmi conoscere che sono quel Dio che non esaurisco mai, e che sempre tengo da dare a chi fa la mia Volontà”.

 

+  +  +  + 

 

14-38

Giugno 23, 1922

 

Come le verità sono più che sole.

 

(1) Stavo pensando tra me:  “Gesù dice tante cose del suo Santissimo Volere, ma pare che non viene capito, ed anche dagli stessi confessori; sembrano dubbiosi, ed innanzi ad una luce sì immensa non restano né illuminati, né presi ad amare un sì amabile Volere”.  Ora, mentre ciò pensavo, il mio sempre amabile Gesù, gettandomi un braccio al collo mi ha detto:

(2) “Figlia mia, non ti meravigliare di ciò, chi non è vuoto del tutto del suo volere, non può avere una certa conoscenza del mio, perché il volere umano forma la nuvola tra il mio ed loro, ed impedisce la conoscenza del valore ed effetti che il mio contiene; ma ad onta di ciò non possono dire che non è luce.  Vedi, anche nelle cose che si veggono quaggiù non sono comprese dall’uomo; chi mai può dire come feci nel creare il sole, quanta luce e calore contiene, eppure lo veggono, godono dei suoi effetti, tutto il giorno è con loro, il suo calore e luce lo seguono ovunque; e con tutto ciò né sanno, né possono dire la sua altezza, la luce ed il calore che possiede, e se qualcuno volesse innalzarsi per saper ciò, la luce lo eclisserebbe, il calore lo brucerebbe, sicché l’uomo è costretto a tenere gli occhi bassi e godersi la luce senza poterlo investigare, e contentarsi di dire, è sole.  Onde, se ciò succede al sole che si vede e che Io creai per il bene naturale dell’uomo, molto più le verità che contengono, oh!  quanta più luce e calore dello stesso sole, specie poi le verità che si riferiscono alla mia Volontà, ché contengono effetti, beni e valore eterno; chi mai può misurarne tutto il contenuto che Essa contiene?  Sarebbe volersi eclissare, sarebbe meglio abbassare la fronte e godersi la luce che porta la mia verità, amarla e far sua quella piccola luce che comprende l’intelligenza umana, e non fare che, perché non comprendono tutta la pienezza della luce, metterla da parte come cosa che non l’appartiene, sicché, il sole non compreso si gode della sua luce per quanto più si può, si serve di essa per operare, per camminare, per guardare, ed oh!  come si sospira il giorno perché la luce li faccia compagnia e viva con loro.  Le mie verità, poi, che sono più che luce, che fanno spuntare il sole del giorno nelle menti umane, non sono curate, né amate, né sospirate, e si tengono come un nonnulla, qual dolore!  Io però, quando veggo che loro mettono da parte le mie verità, Io metto da parte loro, e faccio fare il corso alle mie verità con le anime che le amano e le sospirano, e si servono della luce di esse per modellare la loro vita e farne una sol cosa.  Credi tu che ti abbia detto tutto delle verità, degli effetti e valore che la mia verità contiene?  Oh!  quant’altri soli debbo far sorgere, né ti meravigliare se non comprendi tutto, contentati di vivere della sua luce, e ciò mi basta”.

 

+  +  +  +  

 

14-39

Giugno 26, 1922

 

L’isolamento e la solitudine di Gesù in mezzo alla creatura.

 

(1) Continuando il mio solito stato, il mio sempre amabile Gesù è venuto, e siccome da qualche giorno io mi trovavo tutta attratta, tanto che mi sentivo impotente al moto, mi ha detto prendendosi le mie mani nelle sue:

(2) “Figlia mia, lascia che ti sciolga Io”.

(3) E mettendosi a me vicino, ha messo le mie braccia sopra le sue spalle dicendomi:

(4) “Adesso sei sciolta, stringimi a te, che sono venuto per farti compagnia e ricevere in ricambio la tua.  Vedi, Io sono il Dio isolato dalle creature, vivo in mezzo a loro, sono vita di ciascun atto loro, e mi tengono come se non esistessi con loro.  Oh!  come rimpiango la mia solitudine, mi è toccata la stessa sorte del sole, che mentre lui vive con la sua luce e calore in mezzo a tutti, non c’è fecondità che da lui non venga, col suo calore purifica la terra da tante sozzure e i suoi beni sono incalcolabili che con magnanimità fa scendere su tutti, ma lui nell’alto vive sempre solo, e l’uomo ingrato non gli volge mai un grazie, un attestato di riconoscenza.  Tale sono Io, solo!  sempre solo, mentre stando in mezzo a loro sono luce di ciascun pensiero, suono d’ogni parola, moto d’ogni opera, passo d’ogni piede, palpito d’ogni cuore, e l’uomo ingrato mi lascia solo, non mi dice un grazie, un ti amo.  Resto isolato nell’intelligenza, perché la luce che le do, se ne servono per loro e forse per offendermi; nelle parole, perché il suono che formano molte volte serve per bestemmiarmi; resto isolato nelle opere, che se ne servono per uccidermi; nei passi, nel cuore, intenti solo a disobbedirmi ed amare ciò che a Me non appartiene.  Oh!  come mi pesa questa solitudine!  ma il mio amore, la mia magnanimità è tanto grande, che più che sole vi continuo il mio corso, e nel mio corso vo’ investigando se qualcuno vuol tenermi compagnia in tanta solitudine, e trovandolo, vi formo la mia compagnia perenne e l’abbondo di tutte le mie grazie.  Ecco perciò sono venuto da te, ero stanco di tanta solitudine, non mi lasciare mai solo figlia mia”.

 

+  +  +  + 

 

14-40

Luglio 6, 1922

 

Benedizione di Gesù alla sua Mamma.  Chi vive nella Divina

Volontà è depositrice della Vita Sacramentale di Gesù.

 

(1) Stavo pensando ed accompagnando Gesù nell’ora della Passione quando si portò alla Divina Mamma per chiederle la santa benedizione, ed il mio dolcissimo Gesù nel mio interno mi ha detto:

(2) “Figlia mia, prima della mia Passione volli benedire la mia Mamma ed essere da Lei benedetto, ma non fu alla sola Mamma che benedissi, ma a tutte le creature, non solo animate ma anche inanimate; vidi le creature deboli, coperte di piaghe, povere, il mio cuore ebbe un palpito di dolore e di tenera compassione e dissi:  “Povera umanità, come sei decaduta, voglio benedirti, affinché risorga dal tuo decadimento, la mia benedizione imprima in te il triplice suggello della potenza, della sapienza e dell’amore delle Tre Divine Persone, e ti restituisca la forza, ti sani e ti arricchisca, e per circondarti di difesa benedico tutte le cose da Me create, affinché tu le riceva tutte benedette da Me:  Ti benedico la luce, l’aria, l’acqua, il fuoco, il cibo, affinché resti come inabissata e coperta con le mie benedizioni, e siccome tu non la meritavi, perciò volli benedire la mia Mamma, servendomi di Lei come canale per far pervenire a te le mie benedizioni.  E come mi ricambiò la Mamma mia con le sue benedizioni, così voglio che le creature mi ricambino con le loro benedizioni; ma ahimè!  invece di ricambio di benedizioni, mi ricambiano con offese e maledizioni, perciò, figlia, entra nel mio Volere e portandoti sulle ali di tutte le cose create suggella tutte con le benedizioni che tutti mi dovrebbero, e porta al mio dolente e tenero cuore le benedizioni di tutti”.

(3) Onde dopo aver fatto ciò, come per compensarmi mi ha detto:

(4) “Figlia diletta mia, ti benedico in modo speciale, ti benedico il cuore, la mente, il moto, la parola, il respiro, tutta e tutto ti benedico”.

(5) Onde, dopo ciò ho seguito le altre ore della passione, e mentre seguivo la cena eucaristica, il mio dolce Gesù si è mosso nel mio interno, e con la punta del suo dito ha bussato forte nel mio interno, tanto che lo ho sentito con le mie orecchie, e ho detto tra me:  “Che vorrà Gesù che bussa?” E Lui, chiamandomi mi ha detto:

(6) “Non bastava bussarti per sentirmi, ma anche chiamarti per essere ascoltato.  Senti figlia mia, mentre istituivo la cena eucaristica chiamai tutti intorno a Me, guardai tutte le generazioni, dal primo all’ultimo uomo, per dare a tutti la mia Vita Sacramentale, e non una volta, ma tante volte per quante volte ha bisogno del cibo corporale.  Io volevo costituirmi come cibo dell’anima, ma mi trovai molto male vedendo che questa mia Vita Sacramentale restava circondata da disprezzi, da noncuranza ed anche da morte spietata.  Mi sentii male, provai tutte le strette della morte della mia Sacramentale Vita sì straziante e ripetuta; guardai meglio, feci uso della potenza del mio Volere e chiamai intorno a Me le anime che sarebbero vissute nel mio Volere.  Oh!  come mi sentivo felice, mi sentivo circondato da queste anime, cui la potenza della mia Volontà le teneva come inabissate, e che come centro della loro vita era il mio Volere; vidi in loro la mia immensità e mi trovai ben difeso da tutti, ed a loro affidai la mia Vita Sacramentale.  La depositai in loro affinché non solo ne avessero cura, ma mi ricambiassero per ogni ostia consacrata con una vita loro.  E questo succede connaturale, perché la mia Vita Sacramentale è animata dalla mia Volontà eterna; la vita di queste anime, come centro di vita è il mio Volere, sicché quando si forma la mia Vita Sacramentale, il mio Volere agente in Me agisce in loro ed Io sento la loro vita nella mia Vita Sacramentale, si moltiplicano con Me in ciascuna ostia, ed Io sento darmi vita per vita.  Oh!  come esultai nel vedere te per prima, che in modo speciale ti chiamai a formare vita nel mio Volere!  Feci il mio primo deposito di tutte le mie Vite Sacramentali, ti affidai alla mia potenza ed alla mia immensità del Volere Supremo, affinché ti rendessero capace di ricevere questo deposito, e fin d’allora tu eri a Me presente, e ti costituii depositrice della mia Vita Sacramentale, ed in te a tutte le altre che avrebbero vissuto nel mio Volere.  Ti diedi il primato su tutto, e con ragione, perché il mio Volere non è sottoposto a nessuno, e fin sugli apostoli, sui sacerdoti, perché se loro mi consacrano ma non restano vita insieme con Me, anzi mi lasciano solo, obliato, non curandosi di Me; invece queste sarebbero state vita nella mia stessa Vita, inseparabili da Me, perciò ti amo tanto, è il mio stesso Volere che amo in te”.

 

+  +  +  + 

 

14-41

Luglio 10, 1922

 

Il vivere nel Divino Volere è ripetere la Vita reale

di Gesù non solo nell’anima, ma anche nel corpo.

 

(1) Continuando il mio solito stato, il mio sempre amabile Gesù me lo sentivo nel mio interno, ma tanto reale che ora mi sentivo che mi stringeva forte il cuore da farmi soffrire, ora stringeva le sue braccia al mio collo da soffocarmi, ora si sedeva sul mio cuore, prendendo un’aria imperante e di comandare, ed io mio sentivo come annientare e risorgere a novella vita sotto il suo comando, ma chi può dire ciò che Lui faceva nel mio interno ed io vi sentivo?  Credo che sia meglio passarlo in silenzio.  Onde mentre mi sentivo la sua reale presenza nel mio interno mi diceva:

(2) “Figlia mia, elevati, elevati più, ma tanto da giungere nel seno della Divinità, fra le Divine Persone sarà la tua vita.  Vedi, per farti giungere a questo ho formato la mia Vita in te, ho racchiuso il mio Volere eterno dove ciò che tu fai, e vi scorre in modo meraviglioso e sorprendente, ed il mio Volere è agente in te in continuo atto immediato.  Ora, dopo aver formato la mia Vita in te, col mio Volere agente in te nei tuoi atti, il tuo volere è restato inzuppato, trasfuso, in modo che il mio Volere tiene una vita sulla terra.  Ora è necessario che ti elevi e porti con te la mia Vita, il mio Volere, affinché il mio Volere della terra e quello del Cielo si fondano insieme e tu faccia vita per qualche tempo nel seno della Divinità, dove il tuo volere sarà agente nel mio, per poterlo allargare quanto a creatura può essere capace, onde dopo scenderai di nuovo sulla terra portando la potenza, i prodigi del mio Volere, per cui le creature ne saranno scosse, apriranno gli occhi, e molti conosceranno che significa vivere nel mio Volere, vivere a somiglianza del loro Creatore.  Ciò sarà il principio che il mio Regno venga sulla terra e che il mio Volere abbia l’ultimo compimento.

(3) Credi che sia cosa da nulla il vivere nel mio Volere?  Non c’è cosa che l’uguagli, né santità che lo pareggi; è la Vita reale, non fantastica come qualcuno può immaginare, e questa mia Vita è non solo nell’anima ma anche nel corpo, ma sai tu come viene formata questa mia Vita?  Il mio Volere eterno è quello dell’anima, e il mio palpito, palpitando nel cuore, forma il mio concepimento; il suo amore, le sue pene, e tutti i suoi atti fatti nel mio Volere formano la mia Umanità, e mi fanno tanto crescere che non posso tenermi nascosto, né lei può fare a meno di sentirmi; e non mi senti tu, vivo nel tuo interno?  Perciò ti ho detto che la santità del vivere nel mio Volere non c’è chi la pareggia, tutte le altre santità saranno le piccole luci, ed essa sarà il gran sole trasfuso nel suo Creatore”.

(4) Ora per ubbidire, e con gran ripugnanza, dico come sento il mio Gesù nel mio interno:  Lo sento al posto del mio cuore, quasi in modo visibile, ora sento che prega e molte volte lo sento con le orecchie del corpo, ed io prego insieme; ora che soffre, e mi fa sentire il suo respiro interrotto, affannoso, e lo sento nel mio respiro, tanto che sono costretta ad affannare insieme, e siccome con Lui sono contenute tutte le creature, sento il suo respiro che come vita si diffonde in tutti i moti e respiri umani, ed io mi diffondo insieme con Lui.  Ora lo sento gemere, agonizzare; ora lo sento muovere le braccia e le stende nelle mie; ora, che dorme, restando nel mio interno profondo silenzio; ma chi può dire tutto?  Può dirlo solo Gesù ciò che opera in me, che io non ho parole sufficienti per manifestarlo.  L’ho fatto solo per ubbidire, con sommo strazio dell’anima mia e per timore che il mio Gesù potesse dispiacersi, perché Lui mi tollera fino a tanto che l’ubbidienza non mi comanda, ma se l’ubbidienza comanda, mi resta il solo Fiat, altrimenti mi annienterebbe.  Spero che sia tutto a gloria sua ed a mia confusione.

 

+  +  +  + 

 

14-42

Luglio 14, 1922

 

Come Iddio è portato a generare esseri simili a Sé.  Luisa,

generatrice del Regno della Divina Volontà negli altri.

 

(1) Trovandomi nel solito mio stato, il mio dolce Gesù mi ha trasportato fuori di me stessa, fin nel seno dell’Eterno; ma mentre nuotavo in quel seno, senza saper dire ciò che provavo e comprendevo, perché mi mancano i vocaboli per esprimermi, il mio sempre amabile Gesù mi ha detto:

(2) “Figlia diletta della nostra Volontà, ti ho portato nel seno della nostra Divinità affinché il tuo volere si stenda maggiormente nel nostro e prenda parte al nostro modo di agire.  La nostra Divinità è portata naturalmente alla generazione, non fa altro che generare continuamente, e tutte le cose da Noi create portano con sé la virtù di generare:  Il sole genera la luce in ogni occhio umano, in ogni opera e passo, pare che si moltiplica per ciascun’uomo, per ciascuna pianta e per ciascun punto della terra, se non avesse la virtù, il connesso col suo Creatore generatore, mai il sole potrebbe dare luce a tutti ed essere per ciascuno a sua disposizione; il fiore genera l’altro fiore tutto simile a lui; il seme genera l’altro seme; l’uomo genera l’altro uomo; sicché tutte le cose portano con sé la virtù del loro Creatore di generare, sicché siamo portati tanto naturalmente a generare ed a riprodurre da Noi esseri simili a Noi, perciò ti ho chiamato nel nostro seno, affinché vivendo con Noi, il tuo volere, diffondendosi nel nostro si allarghi, generi insieme con Noi santità, luce, amore, e moltiplicandosi insieme con Noi in tutti, generi negli altri ciò che ha ricevuto da Noi.  E’ l’unica nostra Volontà che ci resta a riguardo della Creazione:  Che la nostra Volontà agisca nella creatura come agisce in Noi; il nostro amore vuol sprigionare dal nostro seno la nostra Volontà per deporla nella creatura, ma va cercando chi ne è disposta, chi la conosca ed apprezzi, e genera in lei ciò che genera in Noi, ecco perciò tante grazie, tante manifestazioni sulla mia Volontà, è la santità del mio Volere che lo esige, che prima d’essere deposta nell’anima sia conosciuta, amata e riverita, e che possa svolgere in essa tutta la sua virtù e potenza, e sia corteggiata dalle nostre stesse grazie.  Sicché tutto ciò che faccio a te, non è altro che corredare ed ornare la dimora alla mia Volontà, perciò sii attenta, qui nel nostro seno imparerai meglio i nostri modi e riceverai tutte le prerogative che convenne ai disegni che abbiamo formato su di te”.

 

+  +  +  + 

 

14-43

Luglio 16, 1922

 

Per regnare, la Santità del vivere nel

Divino Volere dev’essere conosciuta.

 

(1) Avendomi detto il confessore di dover fare copiare dai miei scritti sulle diverse virtù di cui il benedetto Gesù mi ha fatto scrivere, sentivo in me una pena, un martirio nel fare uscire fuori ciò che Gesù mi aveva detto; onde, nel venire il benedetto Gesù gli ho detto:  “Amor mio, solo per me questi martiri, che io stessa debba essere strumento di mettere fuori ciò che Tu mi hai manifestato, molto più che dovendo mettere fuori ciò che mi hai detto, sono costretta in certe cose a mettere fuori anche me stessa.  Mio Gesù, che martirio, eppure, sebbene con sommo strazio dell’anima mia sono costretta ad ubbidire.  Dammi la forza, aiutami; solo per me questo, hai detto tante cose agli altri, le hai fatto tante grazie, e nessuno ha saputo nulla, e se pure dopo la loro morte si è conosciuta qualche cosa, il resto è restato tutto sepolto con loro; solo a me toccava questo martirio”.  E Gesù tutto bontà mi ha detto:

(2) “Figlia mia, coraggio, non ti abbattere troppo; Io sarò con te anche in questo.  Innanzi al mio Volere il tuo deve scomparire, e poi, è la santità del mio Volere che vuol essere conosciuta; eccone la causa.  La santità del vivere nel mio Volere non tiene via, né porte, né chiavi, né stanze, invade tutto, è come l’aria che si respira, che tutti debbono e possono respirarla; solo che lo vogliano e che mettano da banda il voler umano, il Voler Divino si farà respirare dall’anima e le darà la vita, gli effetti, il valore della Vita del mio Volere, e se non viene conosciuto come potranno amare e volere un vivere sì santo, ch’è la gloria più grande che può darmi la creatura?  La santità delle altre virtù è bastantemente conosciuta in tutta la Chiesa, e chi vuole può copiarla, ecco perciò non mi sono dato premura di moltiplicare la stessa conoscenza; ma la santità del vivere nel mio Volere, gli effetti, il valore che contiene, l’ultima pennellata che darà la mia mano creatrice alla creatura per renderla simile a Me, non è conosciuta ancora, ecco perciò tutta la mia premura che si metta fuori ciò che ti ho detto; e se ciò tu non facessi, verresti come a restringere il mio Volere, ad imprigionare in Me le fiamme che mi divorano, ed a farmi ritardare la completa gloria che mi deve la Creazione.  Solo voglio che le cose escano fuori ordinate, perché una parola che manchi, un nesso ed un connesso, un periodo spezzato, invece di gettare luce mi getteranno tenebre, ed invece di farmi dare gloria e amore, le creature resteranno indifferenti, perciò sii attenta, ciò che ho detto Io voglio che esca intero”.

(3) Ed io:  “Ma per mettere tutta intera la parte tua sono costretta a mettere parte della mia”.

(4) E Gesù:  “E con ciò che vuoi dire?  Se la via l’abbiamo fatta uniti, vuoi che esca solo in campo?  E poi, chi debbo additare e mettere come esempio da imitare, se colei che ho ammaestrato e tiene la pratica del modo come vivere nel mio Volere non vuol essere conosciuta?  Figlia mia, questo è assurdo”.

(5) “Ah!  Gesù, in che labirinto mi getti, mi sento morire.  Spero che il tuo Fiat mi darà la forza”.

(6) “Perciò togli il tuo volere, ed il mio Fiat farà tutto”.

 

+  +  +  + 

 

14-44

Luglio 20, 1922

 

Il vivere nel Divino Volere innesta nell’anima tutto ciò che la

Divina Volontà fece e le fece soffrire alla Umanità di Gesù.

 

(1) Trovandomi nel solito mio stato, il mio sempre amabile Gesù è venuto e mi ha inabissato tanto nel suo Volere, che anche a volerne uscire mi riusciva impossibile; succedeva a me come ad una persona cui volontariamente si ha fatto sbalzare dal suo piccolo luogo in un luogo interminabile, la quale, vedendo la lunghezza della via, di cui non ne conosce neppure i confini, depone il pensiero di rintracciare il suo piccolo luogo, ma però felice della sua sorte.  Onde, mentre nuotavo nel mare immenso del Voler Divino, il mio dolce Gesù mi ha detto:

(2) “Figlia carissima del mio Volere, voglio far di te una ripetitrice della mia Vita; il vivere nel mio Volere deve innestare nell’anima tutto ciò che la mia Volontà fece e mi fece soffrire nella mia Umanità, non tollera nessuna dissomiglianza.  Vedi, la mia Volontà eterna impose alla mia Umanità che accettasse tante morti per quante creature dovevano aver vita alla luce del giorno, e la mia Umanità accettò con amore queste morti, tanto che il Volere eterno fece tanti segni nella mia Umanità, per quante morti dovevo subire.  Ora vorresti tu che Io segnassi la tua con tanti segni per quanti ne fu segnata la mia, affinché quante morti subii Io subisca tu?”

(3) Io ho detto il Fiat, e Gesù con una maestria e velocità insieme, ha segnato la mia con tanti segni di morte per quante ne teneva Lui, dicendomi:

(4) “Sii attenta e forte nel soffrire queste morti, molto più che da questi morti uscirà la vita a tant’altre creature”.

(5) Ora, mentre ciò diceva, con le sue stesse mani creatrici mi toccava, e come mi toccava creava il dolore da farmi sentire pene mortali, mi strappava il cuore, lo feriva in mille modi, ora con frecce di fuoco, ed ora con frecce di gelo da farmi intirizzire, ora me lo stringeva forte, da restare immobile; ma chi può dire tutto?  Lo può dire Lui solo ciò che fa.  Ond’io mi sentivo schiacciata, annientata e quasi temevo che non avesse la forza, e Lui volendosi come riposare delle pene che mi aveva dato, ha ripreso a dire:

(6) “Di che temi?  Forse che il mio Volere non tenga forza sufficiente per sostenerti nelle pene che voglio darti?  Oppure che potessi uscire dai confini del mio Volere?  Questo non sarà mai, non vedi quanti mari immensi ha disteso il mio Volere intorno a te, in modo che tu stessa non trovi la via come uscirne?  Tutte le verità, gli effetti, i valori, le conoscenze che ti ho manifestato, sono stati tanti mari di cui sei restata circondata, ed altri mari continuerò a distendere.  Coraggio figlia mia, tutto ciò è necessario alla santità del vivere nel mio Volere, generare somiglianza tra Me e l’anima.  Ciò feci con la mia Mamma, non tollerai neppure una piccola pena, né nessun atto o bene che feci, che Lei non prendesse parte, una era la Volontà che ci animava, e quindi, quando Io subivo le morti, le pene, operavo, Lei moriva, penava, operava insieme con Me, nella sua anima mi doveva essere copia fedele, in modo che specchiandomi in Lei dovevo trovare un altro Me stesso.  Ora, ciò che feci con la mia Mamma lo voglio fare con te, dopo Lei metto te, voglio che sia adombrata la Santissima Trinità sulla terra:  Io, la mia Mamma e tu.  E questo è necessario, che per mezzo d’una creatura il mio Volere abbia vita operante sulla terra, e come può avere questa vita operante se non do ciò che il mio Volere contiene, e ciò che fece subire alla mia Umanità?  Il mio Volere ebbe vera vita operante in Me e nella mia inseparabile Mamma; ora voglio che l’abbia in te, una creatura mi è assolutamente necessaria, così il mio Volere ha stabilito, le altre saranno condizionate”.

(7) Ond’io mi sentivo tutta confusa, comprendevo ciò che Gesù diceva, e più mi sentivo annientare, disfare il mio povero essere; mi sentivo tanto indegna che pensavo tra me:  “Che sbaglio che fa Gesù, ci sono tant’anime buone cui poteva eleggere”.  Ma mentre ciò pensavo in me, Lui ha soggiunto:

(8) “Povera figlia, la tua piccolezza vicina a Me si sperde, ma così ho deciso, dalla razza umana dovevo prenderla; se non prendevo te, prendevo un’altra creatura, ma perché tu sei più piccola ti ho cresciuto sulle mie ginocchia, ti ho nutrito al mio seno, come una piccola bambina, sicché sento in te la mia stessa Vita e perciò ho fissato su di te i miei sguardi, ti ho mirato e rimirato, e compiacendomi ho chiamato il Padre e lo Spirito Santo a rimirarti, e d’unanime consenso ti abbiamo eletto, perciò non ti resta altro che essermi fedele, ed abbracciare con amore la vita, le pene, gli effetti, e tutto ciò che vuole il nostro Volere”.

 

+  +  +  + 

 

14-45

Luglio 24, 1922

 

Vincoli tra Gesù e tutte le anime.  Corrispondenza alla Grazia.

 

(1) Continuando il mio solito stato, il mio sempre amabile Gesù è venuto con una maestà ed amore incantevole e mi ha fatto vedere tutte le generazioni, dal primo all’ultimo uomo, ciascuno dei quali era vincolato ed annodato insieme col mio dolce Gesù, ed era tanto l’annodamento, che pareva che si moltiplicava per ciascuna creatura, in modo che ognuno lo aveva tutto solo per sé, e che Gesù dava quella sua Vita a subire qualunque pena e morte che ognuno doveva soffrire, per poter dire al Padre Celeste:  “Padre mio, in ogni creatura avrai altrettanti Me stesso, che ti daranno per ciascuno ciò che ognuno ti deve”.  Mentre ciò vedevo, il mio dolce Gesù mi ha detto:

(2) “Figlia mia, vuoi anche tu accettare il vincolo di ciascun essere, affinché tra Me e te non ci sia nessuna dissomiglianza?”

(3) Io non so come sentivo come se il peso di tutti poggiasse sulle mie spalle, vedevo la mia indegnità e debolezza, e vi sentivo tale ripugnanza da sentirmi venire meno, tanto che il benedetto Gesù avendo di me compassione mi ha preso fra le sue braccia e mi ha stretto al suo cuore, facendomi mettere la bocca alla ferita che lo trafiggeva dicendomi:

(4) “Bevi figlia mia il sangue che sgorga da questa ferita per ricevere la forza che ti manca, coraggio, non temere, sarò Io con te, divideremo insieme tutto il peso, il lavoro, le pene e le morti, perciò ti dico sii attenta e fedele, ché la mia grazia vuole corrispondenza, altrimenti ci vuole niente a discendere.  Che ci vuole ad aprire ed a chiudere gli occhi?  Ci vuol niente, eppure il gran bene che porta il tenerli aperti, ed il gran male di tenerli chiusi.  Col tenerli aperti gli occhi si riempiono di luce, di sole, con questa luce la mano può operare, il piede camminare sicuro e senza inciampo, distingue gli oggetti, se siano buoni o cattivi, riordina le cose, legge, scrive; ora che ci vuole per perdere tutto questo bene?  Chiudere gli occhi:  la mano non può operare, il piede non può camminare e se cammina è soggetto ad inciampare, non distingue più gli oggetti, si riduce all’inabilità.  Tale è la corrispondenza, non altro che aprire gli occhi dell’anima, e come li apre si fa luce nella mente, la mia immagine riflette in tutto ciò che va facendo, copiandomi fedelmente, in modo che non fa altro che ricevere continua luce da Me, da convertire tutto il suo essere in luce.  Invece l’incorrispondenza getta l’anima nelle tenebre e la rende inoperosa”.

 

+  +  +  + 

 

14-46

Luglio 28, 1922

 

Somiglianza dell’anima con Gesù, non solo nelle

morti di dolori, ma anche in quelle d’amore.

 

(1) Mi sentivo tutta immersa nel suo Santissimo Volere, ed il mio dolce Gesù, nel venire mi ha detto:

(2) “Figlia mia, immedesima la tua intelligenza con la mia, affinché circoli in tutte le intelligenze delle creature, e riceva il vincolo di ciascun pensiero di esse, per sostituirli con tant’altri pensieri fatti nel mio Volere, ed Io riceva la gloria come se tutti i pensieri fossero fatti nel modo divino.  Allarga il tuo volere nel mio, nessuna cosa deve sfuggire che non resti presa nella rete della tua e mia Volontà, il mio Volere in Me ed il mio Volere in te, devono confondersi insieme e tenere gli stessi confini interminabili, ma ho bisogno che il tuo volere si presti a distendersi nel mio e non gli sfugga nessuna cosa da Me creata, affinché in tutte le cose senta l’eco della Volontà Divina nella volontà umana, affinché vi generi la mia somiglianza.  Vedi figlia mia, Io subii doppie morti per ciascuna creatura, una d’amore e l’altra di pena, perché nel crearla la creai un complesso tutto d’amore, per cui non doveva uscire da essa altro che amore, tanto che il mio ed il suo dovevano stare in continue correnti, ma l’uomo non solo non mi amò, ma ingrato mi offese, ed Io dovevo rifare il mio Divino Padre di questa mancanza d’amore, e dovetti accettare una morte d’amore per ciascuno, ed un’altra di dolore per le offese”.

(3) Ma mentre ciò diceva, vedevo il mio dolce Gesù tutto una fiamma, che lo consumava e gli dava morte per ciascuno, anzi vedevo che ogni pensiero, parola, moto, opera, passo, ecc., erano tante fiamme che consumavano Gesù e lo vivificavano.

(4) Onde Gesù ha soggiunto:  “Non vorresti tu la mia somiglianza?  Non vorresti tu accettare le morti d’amore come accettasti le morti di dolore?”

(5) Ed io:  “Ah!  mio Gesù, io non so che mi sia successo; sento ancora gran ripugnanza per aver accettato quelle di dolore, come potrei accettare quelle d’amore che mi sembrano più dure?  Io tremo al solo pensarlo, la mia povera natura si annienta di più, si disfà.  Aiutami, dammi la forza, ché mi sento che non posso tirare più avanti”.

(6) E Gesù, tutto bontà e deciso ha soggiunto:  “Povera figlia mia, coraggio, non temere né volerti turbare per la ripugnanza che senti; anzi, per rassicurarti ti dico che anche questa è una mia somiglianza.  Devi sapere che anche la mia Umanità, per quanto santa, desiderosa al sommo di patire, sentiva questa ripugnanza, ma non era la mia, erano tutte le ripugnanze delle creature che sentivano nel fare il bene, nell’accettare le pene che meritavano, e dovevo subire queste pene che mi torturavano non poco, per dare a loro l’inclinazione al bene e renderle più dolci le pene, tanto che nell’orto gridai al Padre:  “Se è possibile passi da Me questo calice”.  Credi tu che fui Io?  Ah no!  t’inganni, Io amavo il patire fino alla follia, amavo la morte per dar vita ai miei figli; era il grido di tutta quanta l’umana famiglia, che echeggiava nella mia Umanità, ed Io, gridando insieme con loro per dar loro forza, ripetete per ben tre volte:  “Se è possibile passi da Me questo calice”.  Io parlavo a nome di tutti, come se fossero cosa mia, ma mi sentivo schiacciare; sicché la ripugnanza che senti non è tua, è l’eco della mia; se fosse tua mi sarei ritirato, perciò, figlia mia, volendo generare da Me un’altra mia immagine, voglio che accetti, ed Io stesso voglio segnare nella tua volontà allargata e consumata nella mia, queste mie morti d’amore”.

(7) E mentre ciò diceva, con la sua santa mano mi segnava, ed è scomparso.  Sia tutto a gloria di Dio.

 

+  +  +  + 

 

14-47

Luglio 30, 1922

 

Luisa sente ripugnanza nel mettere fuori gli scritti.  Lamenti di Gesù.

 

(1) Facendo copiare, secondo l’ubbidienza del confessore, dai miei scritti ciò che Gesù mi aveva detto sulle virtù, io volevo farlo copiare senza dire che me l’aveva detto Gesù, e Lui nel venire, dispiacendosi mi ha detto:

(2) “Figlia mia, perché vuoi occultarmi?  Sono Io forse uno disonorato che non vuoi far nome di Me?  Quando si dice un bene, un detto, un’opera, una verità di una persona disonorata, non si vuol dire chi sia per non far perdere la stima, la gloria, il prestigio e l’effetto che ci sta in quel bene, in quel detto, ecc., perché se si dice chi è, non sarà apprezzato e perderà tutto il bello, sapendo che la fonte da dove viene non merita nessuno apprezzamento, invece, se è persona per bene ed onorata, prima si fa nome della persona per far risaltare ed apprezzare maggiormente quello che ha detto o fatto, e poi si dice ciò che ha fatto o detto.  Sicché Io non merito che il mio nome vada avanti ai miei detti?  Ahi!  come mi tratti male!  non l’aspettavo questa pena da te, eppure sono stato così largo con te, ti ho manifestato di Me tante cose, ti ho fatto conoscere tante cose e le più intime di Me, che non ho fatto cogli altri.  Avresti dovuto essere più larga nel farmi conoscere, invece la più stretta.  Gli altri, quel poco che ho detto avrebbero voluto mettere le trombe per farmi conoscere ed amare, invece tu vuoi occultarmi, questo non mi piace affatto”.

(3) Ed io, quasi confusa ed umiliata al sommo gli ho detto:

(4) “Mio Gesù, perdonami, Tu hai ragione, è la grande ripugnanza che sento, quel dover mettere la mia volontà nel modo come devo uscire mi tortura.  Tu abbi pietà di me, dammi più forza e grazia ed allarga di più il mio cuore, affinché mai più possa darti questa pena”.

(5) E Gesù:  “Ti benedico, affinché il tuo cuore riceva più grazia, e sia più largo a farmi conoscere ed amare”.

 

+  +  +  + 

 

14-48

Agosto 2, 1922

 

Somiglianza nella pena più grande di Gesù:

l’allontanamento della Divinità nelle pene.

 

(1) Trovandomi nel solito mio stato, mi vedevo tutta confusa e come separata dal mio dolce Gesù, tanto che nel venire gli ho detto:  “Amor mio, come le cose sono cambiate per me, prima mi sentivo tanto immedesimata con Te che non avvertivo nessuna divisione tra me e Te, e nelle stesse pene che soffrivo Tu eri con me.  Ora tutto al contrario, se soffro mi sento divisa da Te, e se ti veggo innanzi a me o dentro di me, è nell’aspetto di un giudice che mi condanna alla pena, alla morte, e non più prendi parte alle pene che Tu stesso mi dai, eppure mi dici:  elevati sempre più; invece io discendo”.  E Gesù spezzando il mio dire mi ha detto:

(2) “Figlia mia, quanto t’inganni, questo ne avviene perché tu hai accettato, ed Io ho segnato le morti e le pene che Io subii per ciascuna creatura.  Anche la mia Umanità si trovava in queste dolorose condizioni, Essa era inseparabile della mia Divinità, eppure, essendo la mia Divinità intangibile nelle pene, né capace di poter soffrire ombra di pene, la mia Umanità si trovava sola nel patire, e la mia Divinità era solo spettatrice delle pene e morti che Io subivo, anzi mi era giudice inesorabile, che voleva il fio d’ogni pena di ciascuna creatura.  Oh!  come la mia Umanità tremava, restava schiacciata innanzi a quella luce e Maestà Suprema nel vedermi coperto delle colpe di tutti, e delle pene e morti che ciascuno meritava!  fu la pena più grande della mia Vita, che mentre ero una sol cosa con la Divinità ed inseparabile, nelle pene rimanevo solo e come appartato.  Onde, se ti ho chiamato alla mia somiglianza, che maraviglia che mentre mi senti in te mi vedi spettatore delle tue pene che Io stesso t’infliggo e ti senti come separata da Me?  Eppure la tua pena non è altro che l’ombra della mia, e come la mia Umanità non restò mai separata dalla Divinità, così t’assicuro che mai tu resti separata da Me, sono gli effetti che provi, ma allora più che mai formo una sola cosa con te, perciò coraggio, fedeltà e non temere”.

 

+  +  +  + 

 

14-49

Agosto 6, 1922

 

La Volontà di Dio è equilibrio e ordine.

 

(1) Mi sentivo tutta immersa nel Santo Voler di Dio, ed il mio dolce Gesù nel venire mi ha detto:

(2) “Figlia mia, tutte le cose sono per Me d’un eguale peso, tanto mi pesa il Cielo quanto la terra.  La mia Volontà contiene perfetto equilibrio; l’equilibrio porta l’ordine, il regime, l’utile, l’armonia, tutte le cose armonizzano insieme come se fossero una sol cosa.  L’ordine porta l’uguaglianza, l’uguaglianza porta la somiglianza, ecco per ciò tanta armonia, ordine e somiglianza nelle Tre Divine Persone; e tutte le cose create sono in perfetta armonia, l’una è il sostegno, la forza e la vita dell’altra, se una sol cosa creata disarmonizzasse, tutte le altre rotolerebbero ed andrebbero a sfascio.  Solo l’uomo si discostò da Noi, dall’equilibrio della nostra Volontà, oh!  come rotolò l’uomo, e dal più alto posto cadde nel più profondo dell’abisso!  e con tutta la mia Redenzione, non tutta l’umana famiglia è ritornata al suo stato primiero, ciò significa che la cosa più grave è che si sottrasse dall’equilibrio della nostra Volontà, significa gettarsi nello scompiglio, nel disordine, nel pelago di tutti i mali.  Ora figlia mia, perciò ho chiamato te in modo speciale in questo equilibrio del mio Volere, affinché vivendo tu in Esso, venga ad equilibrare tutto l’operato della sconvolta umanità.  Vivendo nel mio Volere equilibrerai te stessa, starai nell’ordine ed in perfetta armonia tra Noi e tutte le cose da Noi create, sicché armonizzando tutto, sentiremo in te che scorrendo nell’ambito della nostra Volontà ci darai l’ordine, l’armonia di tutte le intelligenze, delle parole, opere e passi di tutti; costituiremo i tuoi atti nel nostro Volere come reggitori di tutti gli altri, e ci rifaremo dello scompiglio della sventurata umanità.  Ogni tuo atto sarà il suggello dell’ordine che Noi riceveremo a nome di tutti gli altri, molto hai da fare nel nostro Volere, sarai come Regina che ci porterai tutte le conquiste, tutte le armonie; il nostro Volere ti somministrerà tutto ciò che è necessario per poterci supplire per tutti e riempire il vuoto dell’equilibrio della volontà umana, che tanto danno ha ricevuto col sottrarsi dall’equilibrio della nostra Volontà”.

 

+  +  +  + 

 

14-50

Agosto 12, 1922

 

Valore ed effetti del sacrificio.

 

(1) Mi sentivo oppressa ed in pena, che solo il mio dolce Gesù può saperle, Lui scrutina ogni fibra del mio povero cuore e ne vede tutta l’intensità del mio strazio, ed avendo compassione di me, venendo, mi ha sostenuto fra le sue braccia dicendomi:

(2) “Figlia mia, coraggio, ci sono Io per te, di che temi?  Forse ti ho mai mancato?  E se tu a qualunque costo non ti senti di scostarti menomamente dal mio Volere, molto meno Io mi sento di non essere con te, e vita d’ogni tuo atto e pena.  Or, tu devi sapere che la mia Volontà è oro purissimo, e per fare che il filo della tua volontà umana potesse diventare oro purissimo, in modo che intrecciandosi il filo della tua volontà con la mia non si discerna qual sia la tua e quale la mia, è solo il sacrificio, le pene, che consumando il filo della tua volontà umana sostituisce il filo d’oro divino, ché immedesimandosi col mio ne forma uno solo, ed intrecciando tutta la gran ruota dell’eternità si estende ovunque e si trova dappertutto.  Ma se il mio Volere è oro e il tuo è ferro, rimarrai dietro, ed il mio non scenderà ad intrecciarsi col tuo.  Se tu prendi due oggetti d’oro, ad onta che ciascuno abbia la sua forma diversa, liquefacendoli ne potrai formare uno solo, senza poter più discernere qual era l’oro dell’uno e quale quello dell’altro; ma se un oggetto è d’oro e l’altro è di ferro, l’uno non aderirà all’altro e non si potrà formare un solo oggetto d’oro.  Sicché è solo il sacrificio che cambia la natura alla volontà umana.

(3) Il sacrificio è fuoco ardente e liquefa e consuma, il sacrificio è sacro ed ha virtù di consacrare la Volontà Divina nell’umana, il sacrificio è grazia e v’imprime col suo abile pennello la forma ed i lineamenti divini, ecco perciò l’aumento delle tue pene, sono le ultime pennellate che ci vogliono per dare l’ultima estensione ed intreccio del tuo volere col mio”.

(4) Ed io:  “Ah!  mio Gesù, tutte le mie pene, per quanto dolorose, che pare che mi annientano non mi opprimono, e se a Te piace me le moltiplichi pure; ma Tu sai qual è la pena che mi strazia, di quella sola imploro compassione da Te, che mi pare che non posso tirare più avanti.  Deh!  per pietà, aiutami e liberami se a Te piace”.

(5) E Gesù:  “Figlia mia, anche in questa pena sarò con te, sarò tuo aiuto, ti darò la mia forza per sostenerla; potrei contentarti, ma non è decoroso che lo facessi.  Ad un’opera così alta, ad una missione così sublime ed unica, di chiamarti a far vita nel mio Volere, mi suonerebbe male se non la facessi passare per mezzo dell’organo della mia Chiesa.  Del resto, con la mia Volontà e con l’intervento dell’ubbidienza d’un mio ministro ti mettesti in questo stato, se questo non si sente di continuare può darti l’ubbidienza, affinché tu facendolo per obbedire, tra Me e te restiamo in pieno accordo, perché se lo facessi sola, di tua volontà, non solo non resteremmo d’accordo, ma resteresti sfregiata, però devono sapere che il mondo si trova presentemente sopra d’un rogo, se non vogliono che alzando più le sue fiamme incenerisca tutto, facciano quello che voglio”.

(6) Io sono rimasta atterrita e più afflitta di prima, ma pronta a fare la sua Santissima Volontà, non la mia.

 

+  +  +  + 

 

14-51

Agosto 15, 1922

 

Gli atti di Gesù e quelli della Santissima

Vergine nella Divina Volontà.

 

(1) Trovandomi nel solito mio stato, stavo abbandonandomi nelle braccia della Santissima Volontà di Dio, ed il mio dolce Gesù mi ha detto:

(2) “Figlia mia, nel mio Volere non solo troverai tutti gli atti che fece la mia Umanità, in cui intrecciavo tutte le creature insieme, ma troverai tutto ciò che fece la mia cara Mamma, che intrecciandosi insieme con Me formavano uno solo.  Non appena fui concepito nel suo seno, Lei incominciò l’intreccio coi miei atti, e siccome la mia Umanità non aveva altra Vita, altro cibo, altro scopo che la sola Volontà del Padre mio, che scorrendo in tutto mi faceva atto d’ogni creatura, per ridare al Padre i diritti di Creatore da parte delle creature, e per darmi come Vita a tutte le creature, onde, come incominciò il suo intreccio con Me, così anche Lei ridava a nome di tutti, i dritti di Creatore, e si ridava a tutte le creature; sicché tutte le creature ricevevano come Vita, insieme ai miei, gli della mia Mamma.

(3) Ora in Cielo abbraccia tutta la gloria di ciascuna, da parte di ciascuna creatura il mio Volere le dà tale gloria, che non c’è gloria che Essa non contiene, né gloria che da Lei non scenda.  E siccome intrecciò con Me le sue opere, il suo amore, le sue pene, ecc., ora in Cielo è circonfusa di tal gloria per quanti intrecci fece nella mia Volontà, ecco perciò supera tutto, abbraccia tutto e fluisce a tutto.  Ecco che significa vivere nel mio Volere.  Non mai la mia diletta Mamma poteva ricevere tanta gloria, se tutti i suoi atti non fossero corsi nel mio Volere, cui la costituiscono Regina e corona di tutti.

(4) Ora voglio te nel mio Volere, affinché l’intreccio non sia in due, ma in tre; la mia Volontà vuole allargarsi, affinché trovi in una creatura tutte le creature insieme.  Ma vedi il gran bene che ti verrà, quanta gloria mi darai, e quanto bene farai a tutti”.

 

+  +  +  + 

 

14-52

Agosto 19, 1922

 

Le pene che la Divinità infliggeva nell’interno di Gesù.  Le pene

della Passione furono ombre e similitudine delle pene interne.

 

(1) Trovandomi nel solito mio stato, il dolce Gesù mi faceva subire parte delle sue pene e delle sue morti che soffrì per ciascuna creatura.  Dalle mie piccole pene comprendevo quanto atroci e mortali erano state le pene di Gesù, onde mi ha detto:

(2) “Figlia mia, le mie pene sono incomprensibili all’umana natura, e le stesse pene della mia Passione furono ombre o similitudine delle mie pene interne.  Le mie pene interne mi erano inflitte da un Dio onnipotente, cui nessuna fibra poteva scansarne il colpo; quelle della mia Passione mi erano inflitte dagli uomini, cui non avendo né l’onnipotenza né l’onniveggenza, non potevano fare ciò che essi stessi volevano, né penetrarvi in tutte le mie singole fibre.  Le mie pene interne erano incarnate, e la mia stessa Umanità era tramutata in chiodi, in spine, in flagelli, in piaghe, in martirio, così crudeli che mi davano morti continue, queste erano inseparabili da Me, formavano la mia stessa Vita; invece quelle della mia Passione erano estranei a Me, erano spine e chiodi che si potevano conficcare, e volendo si potevano anche togliere, ed il solo pensiero che una pena si può togliere è un sollievo; ma le mie pene interne, che erano formate della stessa carne, non c’era nessuna speranza che mi si potessero togliere, né scemare l’acutezza d’una spina, il trafiggermi dei chiodi.  Le mie pene interne furono tali e tante, che le pene della mia Passione le potrei chiamare sollievi e baci che davano alle mie pene interne, che unendosi insieme davano l’ultimo attestato del mio grande ed eccessivo amore per salvare le anime.  Le mie pene esterne erano voci che chiamavano tutti ad entrare nel pelago delle mie pene interne, per farli comprendere quanto mi costava la loro salvezza.  E poi, dalle tue stesse pene interne comunicate da Me, puoi comprendere in qualche modo l’intensità continua delle mie.  Perciò, fatti coraggio, è l’amore che a ciò mi spinge”.

 

+  +  +  + 

 

14-53

Agosto 23, 1922

 

Nell’anima che vive nella Divina Volontà si forma la

sorgente di tutti i dolori, ed anche quella di tutte le gioie.

 

(1) Mi sentivo oppressa e sofferente, ed il mio interno come se estese in continuo atto di subire nuove distruzioni ed annientamento del mio povero essere.  Onde pregavo Gesù che mi desse la forza, e Gesù nel venire mi ha preso nelle sue braccia per infondermi nuova vita, ma questa nuova vita per darmi occasione di subire una nuova morte, per poi infondermi un’altra nuova vita.  Onde mi ha detto:

(2) “Figlia mia, la mia Volontà abbraccia tutto, stringe in sé tutte le pene, tutti i martiri, tutti i dolori che ci sono nel giro di tutti i secoli, ecco perciò la mia Umanità abbracciò tutto, ciascuna pena, ciascun martirio di creatura, perché la mia Vita non fu altro che la Vita della Volontà Divina, e questo era conveniente per compire l’opera della Redenzione, non solo, ma per potermi costituire Re, aiuto e forza di tutti i martiri, dolori e pene.  Se non tenessi in Me la fonte di tutti i martiri, dolori e pene, come potevo chiamarmi Re di tutti e possedere in Me la fonte di tutti gli aiuti, sostegni, forza e grazia che ci vuole ad ogni pena di creatura?  E’ necessario tenere per dare, ecco perciò ti ho detto tante volte che la missione di chiamare un’anima a vivere nel mio Volere è la più grande, la più alta e sublime, non c’è altra che la possa uguagliare.  L’immensità del mio Volere le farà arrivare tutti i martiri, pene e dolori, la mia stessa Volontà le darà la forza divina a sostenerle, e formerà in lei fonte di martiri e dolori, ed il mio stesso Volere la costituirà regina di tutti i martiri, dolori e pene.  Vedi che significa vivere nel mio Volere?  Soffrire non un sol martirio, ma tutti i martiri; non una pena e dolore, ma tutte le pene e tutti i dolori.  Ecco perciò la necessità che la mia Volontà le sia Vita, altrimenti chi le darebbe la forza in tanto soffrire?  E se ciò non fosse, come si potrebbe dire che l’anima che vive nel mio Volere è la forza del martire?  Se non tenesse in lei la sostanza di quella pena, come poteva essere forza ad un altro?  Allora sarebbe un modo di dire, una cosa fantastica, non una realtà.

(3) Veggo che ti spaventi nel sentir ciò, no, non temere, tanti martiri, dolori e pene, saranno contraccambiati con innumerevoli gioie, contenti e grazie, cui il mio stesso Volere ne formerà fonte inesauribile.  E’ giusto, se nell’anima che vive nel mio Volere formerà la fonte dei dolori per aiuto di tutta l’umana famiglia, è ancor giusto che formi la fonte delle gioie e delle grazie; con questa differenza, che quella dei dolori avrà un termine, perché le cose di quaggiù, per quanto grandi, sono sempre determinate; invece la fonte delle gioie, sono di lassù, sono divine, quindi senza termine, perciò coraggio nel far la via nella mia Volontà”.

 

+  +  +  + 

 

14-54

Agosto 26, 1922

 

Le verità, per quanto più si pensano, si leggono,

eccetera, spandono più il loro profumo.

 

(1) Stavo rivedendo nei miei scritti, secondo l’ubbidienza, ciò che dovevo segnare per farle copiare, e pensavo tra me:  “A che pro tanti sacrifici, qual bene ne verrà?” E mentre ciò pensavo e facevo, il benedetto Gesù mi ha preso la mano fra le sue, e stringendola forte mi ha detto:

(2) “Figlia mia, come il fiore toccato spande con più intensità il suo profumo, tanto che se non è toccato sembra che non contiene tanto profumo, e l’aria non resta imbalsamata da quel odore, così le mie verità, quanto più si pensano, si leggono, si scrivono, se ne parla, si diffondono, tanto più profumo spandono, in modo da profumare tutto e di giungere fin nel Cielo, ed Io sento il profumo delle mie verità e mi sento di manifestare altre verità, vedendo che le verità manifestate spandono la luce ed il profumo che contengono.  Invece, non toccate le mie verità, il profumo e la luce restano come compressi e non si spandono, ed il bene e l’utile che contengono le mie verità resta senza effetto, ed Io mi sento defraudato nello scopo perché ho manifestato le mie verità, sicché, se non ci fosse altro che farmi sentire il profumo delle mie parole per rendermi contento, dovresti essere felice di farne il sacrificio.

 

+  +  +  + 

 

14-55

Agosto 29, 1922

 

L’anima nella Divina Volontà riceve

tutti i beni del operato di Gesù.

 

(1) Continuando il mio solito stato, stavo pensando al tanto che il mio dolce Gesù ha fatto e patito per salvare le anime, e Lui nel venire mi ha detto:

(2) “Figlia mia, tutto ciò che fece la mia Umanità, preghiere, parole, opere, passi e pene, sta in atto di darsi all’uomo; ma chi prende?  Chi riceve l’innesto del mio operato?  Chi si avvicina a Me ed unendosi con Me prega, riceve l’innesto della mia preghiera ed i beni che essa contiene; chi parla, insegna, unito con Me, riceve l’innesto ed i frutti delle mie parole; e così chi opera, chi soffre unito con Me, riceve l’innesto ed i beni che ci sono nelle mie pene ed opere, altrimenti tutti i beni che acquistai per la creatura restano sospesi, e non restando innestata con Me, non fruisce dei beni che la mia Umanità con tanto amore vuol dare; se non c’è l’unione, i beni dell’uno restano come morti per l’altro.  Immaginati una ruota, il centro della ruota è la mia Umanità; i raggi, tutto ciò che fece e soffrì; la circonferenza dove restano fermati i raggi, è tutta l’umana famiglia che gira intorno alla ruota.  Ora, se questa circonferenza, questo secondo giro di ruota non si avvicina per ricevere la fermata dei raggi, i raggi restano sospesi e non possono comunicare i beni che il centro della ruota contiene.  Oh!  quanto ne soffro nel vedere i tanti miei beni sospesi, che l’umana ingratitudine non solo non riceve, ma disprezza e calpesta, perciò con tanta ansia vado in cerca delle anime che vogliono vivere nel mio Volere, per poter fermare in loro i raggi della mia ruota, e la mia Volontà le darà grazia da poter formare la circonferenza del secondo giro della ruota, e riceveranno tutti i beni che gli altri mi respingono e disprezzano”.

 

+  +  +  + 

 

14-56

Settembre 1, 1922

 

L’amore respinto si converte in fuoco di castigo.

 

(1) Trovandomi nel solito, il mio sempre amabile Gesù si faceva vedere tutto affannato ed oppresso, ma quello che l’opprimeva di più erano le fiamme del suo amore, che mentre uscivano da Lui per sprigionarsi, erano costrette dall’ingratitudine umana ad imprigionarsi di nuovo.  Oh!  come il suo cuore santissimo ne restava soffocato dalle sue stesse fiamme, e chiedeva refrigerio.  Onde mi ha detto:

(2) “Figlia mia, sollevami, che non ne posso più; le mie fiamme mi divorano, lasciami allargare il tuo cuore per potervi mettere il mio amore respinto ed il dolore del mio stesso amore, ahi!  le pene del mio amore superano tutte le mie pene insieme”.

(3) Ora, mentre ciò diceva, metteva la sua bocca al posto del mio cuore e lo alitava forte, in modo che mi sentivo gonfiare, poi me lo toccava con le sue mani, come se lo volesse allargare e ritornava ad alitarlo; io mi sentivo come se volessi crepare, ma non dandomi retta ritornava ad alitarlo.  Dopo che lo ha alitato ben bene, con le sue mani lo ha chiuso, come se mettesse un suggello, in modo che non c’era speranza che potessi ricevere sollievo, dicendomi:

(4) “Figlia del cuor mio, ho voluto chiudere col mio suggello il mio amore ed il mio dolore che ho messo in te, per farti sentire quanto è terribile la pena dell’amore contenuto, dell’amore respinto.  Figlia mia, pazienza, tu soffrirai molto, è la pena più dura; ma è il tuo Gesù, la tua vita, che vuole questo sollievo da te”.

(5) Lo sa solo Gesù quello che sentivo e soffrivo, perciò credo che sia meglio farne a meno di dirlo sulla carta.  Onde avendo passato una giornata da sentirmi continuamente morire, alla notte, ritornando il mio dolce Gesù, voleva ritornare a più gonfiarmi la parte del cuore, ed io gli dicevo:  “Gesù, non ne posso più; non posso contenere quello che tengo, e vuoi aggiungere altro?” E Lui prendendomi fra le sue braccia per darmi la forza, mi ha detto:

(6) “Figlia mia, coraggio, lasciami fare, è necessario, altrimenti non ti darei tanta pena, i mali sono giunti a tanto, che c’è tutta la necessità che tu soffra al vivo le mie pene, come se di nuovo stessi vivente sulla terra.  La terra sta per sprigionare fiamme per castigare le creature; il mio amore che corre verso di loro per coprirle di grazie, respinto si cambia in fuoco per colpirle, sicché l’umanità si trova in mezzo a due fuochi:  fuoco dal Cielo e fuoco dalla terra.  Sono tanti i mali, che questi fuochi stanno per unirsi, e le pene che ti faccio soffrire scorrono in mezzo a questi due fuochi ed impediscono che si uniscano insieme; se ciò non facessi, per la povera umanità è tutto finito.  Perciò lasciami fare, Io darò la forza e sarò con te”.

(7) Ora, mentre ciò diceva, ritornava ad alitarmi, ed io, come se non ne potessi più, lo pregavo che mi toccasse con le sue mani per sostenermi e darmi la forza, e Gesù mi ha toccato, sì, prendendomi il cuore fra le mani e stringendolo tanto forte che lo sa Lui solo quello che mi ha fatto sentire.  Ma non contento di ciò mi ha stretto forte la gola con le sue mani, che mi sentivo spezzare le ossa, i nervi della gola, da sentirmi soffocare.  Onde dopo che mi ha lasciato in quella posizione per qualche tempo, tutto tenerezza mi ha detto:

(8) “Coraggio, in questo stato si trova la presente generazione, e di tutte le classi, sono tali e tante le passioni che la dominano, che sono affogate dalle stesse passioni e dai vizi più brutti, il marciume, il fango è tanto che sta per sommergerle; ecco perciò ho voluto farti soffrire la pena di soffocarti la gola, questa è pena degli eccessi estremi, ed Io non potendo sostenere più nel vedere l’umanità soffocata dai suoi stessi mali, ne ho voluto da te una riparazione.  Ma sappi però che questa pena la soffrii anche Io quando mi crocifissero, mi stirarono tanto sulla croce, che tutti i nervi me li stirarono tanto, che me li sentivo spezzare, attorcigliare, e quelli della mia gola ne portarono una pena e stiratura maggiore, da sentirmi soffocato.  Era il grido dell’umanità sommersa dalle passioni, che stringendomi la gola, mi affogava di pene.  Fu tremenda ed orribile questa mia pena, come mi sentivo stirare i nervi, le ossa della gola, da sentirmeli spezzare tutti i nervi della testa, della bocca, fin degli occhi; fu tale la tensione che ogni piccolo moto mi faceva sentire pene mortali.  Ora mi rendevo immobile, ed ora mi contorcevo tanto, che sbattevo in modo orribile sulla croce, che gli stessi nemici ne restavano terrorizzati.  Perciò ripeto, coraggio, la mia Volontà ti darà forza a tutto”.

 

+  +  +  + 

 

14-57

Settembre 5, 1922

 

Chi vive nella Volontà di Dio, deve

racchiudere in sé tutta la Creazione.

 

(1) Il mio sempre adorabile Gesù continua a farsi vedere col suo cuore trafitto ed esacerbato al sommo, pareva che tutte le pene delle creature erano inflitte in quel cuore, giacché non solo i peccati feriscono quel cuore, ma ancora le sofferenze che si cagiona la stessa creatura non corrispondendo alla grazia, quindi pareva che siccome feriscono un cuore che ama, ferendo quel cuore amoroso, era tanto l’amore, che cercava di trasmutare le stesse offese in grazie e benedizioni.  Oh!  bontà di Gesù, che può darsi il solo vanto che ama davvero ed all’incredibile le creature.  Onde, anche le pene di ciascuna lo trafiggevano, ma erano tante le offese che cambiavano in fulmini le stesse grazie che partivano da quel cuore santissimo, perciò mi ha detto:

(2) “Figlia mia, come se è reso insopportabile l’uomo, le mie grazie se le cambiano in fulmini, e si spinge ad una generale rivoluzione, sicché lui stesso macchina la sua distruzione; ha giunto a tanto che merita che lo colpisca”.

(3) E mentre ciò diceva, faceva vedere guai da per tutto, città atterrate e mali di nuovo genero.  Onde dopo è ritornato di nuovo, stanco, chiedendomi aiuto nelle sue pene, ed alitandomi di nuovo la parte del cuore, mi partecipava, potrei dire, le ombre delle sue pene, eppure ad onta che erano ombre, se non mi stesse vicino per darmi aiuto non avrei potuto resistere, che sarà delle pene di quel cuore santissimo?  Onde, calmandosi mi ha detto:

(4) “Figlia primogenita della mia Volontà, siccome la mia Volontà racchiude tutto, dandoti per vita il mio Volere, voglio racchiudere anche tutto in te.  Ricordati che mesi addietro fissai in te una rotella di sole, e con un diametro ti misurai tutto, ed un’altra rotella ne scese dal Cielo, che fissandola in te rimaneva tanti fili di luce, e quelli erano fissati nella Santissima Trinità, e rimanendo tutto aperto tra te e Noi, ti lasciai per allora senza darti spiegazioni del mio operato.  Ora, dopo aver lavorato tanto in te tutto questo tempo trascorso, e dovendo compiere il mio lavoro, voglio darti spiegazioni, affinché il suggello del mio e del tuo Volere, formando uno solo dia compimento alla missione a cui ti ho chiamato.  Onde, la rotella di luce che prima fissai in te era la Creazione tutta, uscita dalla Divinità tutt’amore, luce e bellezza; il diametro con cui ti misurai era per vedere le tue disposizioni e quelle che ti mancavano, onde poterle mettere per poter fissare bene questa rotella e metterla al sicuro.  La seconda rotella era la Divinità che scendeva in te, stabiliva ciò che aveva creato nell’Empireo, lo fissava in te per mettersi in giusti rapporti che la Creazione l’era dovuto.  Or sappi che la Creazione l’ho racchiuso e fermata in te; ciò che fu fatto in Cielo voglio che abbia vita in terra, ma nella stessa nostra Volontà, che risalendo a Noi ce la porti tutt’amore, piena di luce e bella come l’uscimmo, ecco perciò ho segnato in te tutte le morti, le pene di ciascuna e tutte le creature insieme, per poter trovare in te tutta la Creazione, e rimanendo il Cielo aperto tra te e Noi, ce la condurrai nel nostro grembo, come partorita da te, cioè, come parto che la nostra Volontà ha fatto in te, e tu ce la riconduci ai nostri piedi, partorendole nel nostro grembo.  Sono i nostri diritti che richiediamo, non vogliamo altro, che entri in Noi ciò che da Noi è uscito.  E’ vero che la sola nostra Volontà agente con la sua potenza in un’anima, come agi nel vuoto quando uscimmo la Creazione, ci potrà ridare i nostri diritti e farci sorridere ai nostri piedi, come in trionfo, tutta la Creazione, ma vogliamo usare questa potenza per fare che non restiamo delusi nell’opera della Creazione, ed il nostro amore trionfa maggiormente prendendo da una ciò che tutti ci dovrebbero dare.  Or fissiamo tutto in te, poi usciranno gli altri piccole parti, che amando di vivere in questo modo nel nostro Volere, ci porteranno nel nostro grembo:  chi dieci, chi venti, chi cento della Creazione; sarà di te come un’albero che avendo gettato profonde radice nella nostra Volontà, queste radice faranno germogliare altri arboscelli, che formando corona all’albero produrranno i loro frutti.  Il vero bene non resta mai isolato, ed essendo la mia Volontà il bene più grande, la sua fecondità sarà immensa, perciò coraggio, sii attenta a tutto, è vero che il nostro Volere farà tutto, ma il filo del tuo deve correre insieme ed estendersi in Cielo, in terra, ed a tutto, per farci compire ciò che vogliamo operare in te”.

 

+  +  +  + 

 

14-58

Settembre 9, 1922

 

 Dio nel creare l’uomo formava un regno per Sé.  Il content di

Gesù quando vegga in una creatura non solo l’immagine della

sua Umanità, ma tutto ciò che operò la sua Divinità in Essa.

 

(1) Il mio sempre dolce Gesù continua a parlare del suo Santissimo Volere, e facendo vedere il suo cuore aperto, da cui uscivano tanti rivoli di luce che ferivano tutte le creature, la quale formando una rete di luce travolgeva tutto, e prendendo il suo dire mi ha detto.

(2) “Figlia mia, nel creare il primo uomo dava il principio alla Creazione del genere umano, e dopo che formai il corpo, col mio alito onnipotente gli infusi l’anima, e con un’altro mio alito, potrei dire, infusi Me stesso nel fondo dell’uomo per reggerlo, dominarlo e custodirlo, sicché quell’uomo formava un regno per Me, cui Io come Re dovevo stendere i miei confini.  La mia gioia fu al sommo nel vedere in questo uomo la generazione di tant’altri esseri, quasi interminabile, che mi doveva fornire di tant’altri regni per quante creature dovevano uscire alla luce, in cui Io dovevo regnare e allargare in loro i miei confini divini, e tutto il bene degli altri regni doveva ridondare a gloria e onore del primo regno, cui ne doveva essere il capo e come atto primo della Creazione, ma col sottrarsi dal mio Volere, il mio ed il suo regno fini, non solo, ma mi calpestò e al posto mio mise sé stesso a regnare, idolatrandosi e formando il regno dei vizii, delle miserie, delle sciagure, la mia gioia mori sul nascere e si cambiò in dolore; vedi, non fu altro tutto il male che il sottrarsi dalla mia Volontà.  Il nostro Amore non si arrestò, non volli essere il Dio isolato, no, e per ciò volli scendere dal Cielo prendendo una Umanità simile al primo uomo, racchiusi in Essa la Creazione tutta, riannodai la volontà umana di questa Umanità alla Volontà Divina, affinché questa volontà umana abbracciando la Creazione tutta e tutti gli atti loro, in questa Volontà Divina me la portasse al mio trono come trionfatora di tutti gli atti umani cambiati da lei in atti di Volontà Divina, con ciò la volontà umana prendeva possesso della Volontà Divina, e la Divina dell’umana, l’una padroneggiava sull’altra, perché quando un’essere forma una sol cosa con l’altro essere, se è padrone l’uno diventa come connaturale padrone l’altro.  Era stata questa la sola mia ragione per cui aveva comandato all’uomo di astenersi del frutto da Me proibito, volevo un atto di sacrificio della sua volontà nella mia, affinché questo sacrificio, riannodando la sua volontà nella mia, potesse prendere possesso della mia Volontà ed Io della sua e ambedue regnare con la stessa potenza, sapienza e bontà, non lo volevo in nulla dissimile da Me, era mio parto, era mio figlio, e che padre non ama che suo figlio sia ricco e felice come lui?  Molto più Io, Padre Celeste, e che nulla perdevo col rendere questo mio figlio ricco, felice e regnante al par di Me.  Onde avendo rotto l’uomo la sua volontà con la mia, il mio Amore non restò quieto, alzò più in alto le sue fiamme, a qualunque costo volle produrre un’altro Me, e vi scelsi la mia Umanità, la quale, sacrificandosi in tutto alla mia Volontà prendeva possesso del mio Volere, facendomi compiere in Lei lo scopo della Creazione dell’uomo, perché Io ho solito di compiere le mie più grandi imprese con un solo e poi le diffondo; non fu un solo uomo che rovino tutti i miei disegni?  E la sola mia Umanità doveva rifarmi di questa rovina, e la potenza del mio Volere, racchiudendo in Essa la Creazione tutta, doveva farmi restituire gli amori, i baci, le carezze che il primo uomo così bruttamente aveva respinto; il mio amore deponendo le vesti, potrei dire di dolore e di lutto, si rivestì a festa e come trionfatore si diede nei più grandi eccessi e follie d’amore.  Sicché quando voglio far un’opera con la creatura, incomincio sempre a tu per tu, come se nessun’altro ci fosse, e poi l’allargo tanto da riempire Cielo e terra.

(3) Ora figlia mia, il mio Amore vuol produrre di nuovo, mentre dà in eccessi, esce fuori facendo sosta, vuol dare nuovi parti e ciò che fece nella mia Umanità, racchiudendo la Creazione tutta per fare che tutto potesse dare al Padre ciò che da essa voleva, e tutto far scendere a pro di tutte le creature.  Ora, riannodando la tua volontà con la mia, voglio racchiudere in te la Creazione tutta, e facendoti prendere possesso del mio Volere, voglio sentire ripetere in te i miei atti, il mio Amore, le mie Pene, voglio il mio riflettore in terra, che guardandolo vegga la Creazione che creai nel Cielo e che racchiuse la mia Umanità, dentro di te come dentro d’uno specchio, ed Io rimirandomi la riconosco in te.  Tra te e Me staremmo in continui riflessi, Io la farò riflettere in te e tu in Me, Io dal Cielo e tu dalla terra.  Allora il mio Amore sarà contento quando vedrò in una creatura non solo l’immagine della mia Umanità, ma tutto ciò che operò la mia Divinità in Essa, perciò sii attenta e segui il mio Volere”.

 

+  +  +  + 

 

14-59

Settembre 11, 1922

 

Lo scopo primiero di tutto quello che Dio ha fatto nella

Creazione e Redenzione, è che la creatura viva nel

Divino Volere.  Solo nel Divino Volere c’è vero riposo.

 

(1) Continuando il mio solito stato, mi abbandonavo tutta nel Santo Volere del mio dolce Gesù, e sentendo bisogno di riposarmi dicevo tra me:  “Anche il mio sonno nella tua Volontà, non altro voglio che prendere il vero riposo nelle braccia del tuo Volere”.

(2) E Gesù:  “Figlia, stendi su tutte le creature il tuo riposo come manto da coprirle tutte, perché solo nel mio Volere c’è vero riposo, e siccome avvolge tutto, riposando nella mia Volontà ti stenderai su tutti, per impetrare a tutti il vero riposo.  Quanto è bello vedere una nostra creatura riposare nelle braccia della nostra Volontà, ma per trovare vero riposo è necessario che metta in via tutti i suoi atti, le sue parole, il suo amore, i suoi desideri, eccetera, nel nostro Volere, affinché come prendano posto in Esso, così ricevano il riposo, ed Io mi riposo in loro.  Tutte le opere, allora danno riposo quando si compiscono, ma se non sono compiute danno sempre un pensiero, un da fare che rende inquieto il vero riposo.  Ora, il compimento dell’opera della Creazione era che l’uomo compisse in tutto la nostra Volontà, Essa doveva essere la vita, il cibo, la corona della creatura, e siccome questo non c’è ancora, l’opera della Creazione non è compiuta ancora, e né Io posso riposare in essa, né lei in Me; mi dà sempre da fare, ed Io anelo questo compimento e riposo, perciò amo e voglio tanto che si conosca il modo di vivere nel mio Volere; né mai potrò dire che l’opera della Creazione e Redenzione è compiuta se non ho tutti gli atti della creatura, che come letto si stendono nel mio Volere per darmi riposo.  Ed Io, qual bel riposo non darò a lei, nel vederla ritornare sulle ali della nostra Volontà, col suggello del compimento della Creazione?  Il mio seno sarà il suo letto, perciò non c’è cosa che ho fatto che non avessi per primo scopo, che l’uomo prendesse possesso del mio Volere ed Io del suo.  Nella Creazione fu questo il mio primo scopo, nella Redenzione lo stesso.  I sacramenti istituiti, le tante grazie fatte ai miei santi, sono stati semi, mezzi per far giungere a questo possesso del mio Volere, perciò non trasgredire nulla di ciò che voglio sulla mia Volontà, sia con lo scrivere, sia con la parola, sia con le opere.  Da questo solo puoi conoscere che è la cosa più grande, la più importante, la più che m’interessa, il vivere nel mio Volere, dai tanti preparativi che l’hanno preceduta.  E vuoi sapere tu dove fu gettato questo seme del mio Volere?  Nella mia Umanità, in Essa germogliò, nacque e crebbe; sicché nelle mie piaghe, nel mio sangue, si vede questo seme che vuol trapiantarsi nella creatura, affinché lei prenda possesso della mia Volontà ed Io della sua, affinché l’opera della Creazione ritorni al principio, come uscì, non solo per mezzo della mia Umanità, ma anche della stessa creatura.  Saranno poche, fosse anche una sola; e non fu uno solo che sottraendosi dal mio Volere sfregiò, ruppe i miei piani, distrusse lo scopo della Creazione?  Così una sola può fregiarla e realizzarla nel suo scopo, ma le opere mie non restano mai isolate, sicché avrò l’esercito delle anime che vivranno nel mio Volere, ed in loro avrò la Creazione reintegrata, tutta bella e speciosa come uscì dalle mie mani, altrimenti non avrei tanto interesse di farla conoscere”.

 

+  +  +  + 

 

14-60

Settembre 15, 1922

 

Desiderio di Gesù che si conosca il

Divino Volere operante nella creatura.

 

(1) Continuando a far copiare dai miei scritti ciò che Gesù mi aveva detto sulle virtù, vi sentivo tale ripugnanza da sentirmi morire e dicevo tra me:  “Agli altri si fa l’inventario delle cose dopo la loro morte; a me sola mi tocca la dura sorte di farlo io stessa mentre sono viva.  Ah!  Signore, dammi la forza per farne il sacrificio”.  Poi si è giunto che il confessore mi ha fatto sentire il modo come deve tenersi quando li faranno uscire fuori.  Oh!  Dio, che pena!  mi sentivo amareggiata fin nelle midolla delle ossa; onde il benedetto Gesù nel venire, vedendomi così amareggiata mi ha detto:

(2) “Figlia mia, che hai?  Perché tanto ti affliggi?  E’ la mia gloria, il mio onore che lo richiede, e tu dovresti esserne contenta.  Credi che sono le creature che ciò vogliono, che fanno e che ti comandano?  No, no, sono Io che travolgo tutto, che li spingo, che li illumino, e molte volte non sono ascoltato, altrimenti si darebbero più premura ed avrebbero più interesse, ed Io sono costretto a spingerli più forte per fare che il mio Volere si compia.  Tu vorresti aspettare dopo la tua morte, ed il mio Volere non vuole aspettare, e poi, è vero che tu ne hai il connesso, l’innesto con la mia Volontà, ma qui si tratta non di te, ma di Me; si tratta di far conoscere gli effetti, i pregi, il valore che contiene il mio Volere operante nella creatura quando essa vive in Esso.  E poi, se non vuoi interessarti tu, che conosci quanto mi sta a cuore e come ardentemente anelo che gli effetti del mio Volere siano conosciuti, e da cui mi verrà la completa gloria della Creazione ed il compimento della stessa Redenzione; oh!  quanti effetti sono ancora sospesi, tanto della Creazione come della Redenzione perché il mio Volere non è conosciuto, e non tiene il suo vero regno nella creatura, e non regnando, la volontà umana resta sempre schiava di sé stessa, onde credi tu che s’interesseranno gli altri dopo la tua morte?  Oh!  quante cose sepolte vi sono che ho manifestato alle anime, per mancanza di chi s’interessi delle opere mie!  Ma se ho tollerato le altre, questa della mia Volontà non la tollero, darò tanta grazia a chi si metterà all’opera, da non potermi resistere, ma la parte più interessante ed essenziale la voglio da te”.

 

+  +  +  + 

 

14-61

Settembre 20, 1922

 

L’anima che vive nella Divina Volontà dev’essere un

complesso di tutti i beni, e deve far uscire da sé:

Amore, santità, gloria per Dio.  Il doppio ufficio.

 

(1) Stavo dicendo al mio sempre amabile Gesù:  “Deh!  fa amor mio che da tutto l’essere mio non esca che amore, lode, riparazione, benedizione verso di Te”.  Ora, mentre ciò dicevo, il benedetto Gesù è venuto, ed io mi vedevo tutt’occhi, non c’era particella di me in cui non si vedeva un occhio, da ciascuno dei quali usciva un raggio di luce che feriva la persona di Nostro Signore, e mi ha detto:

(2) “Figlia mia, è decoroso per Me e per te, che da te non esca altro che amore, santità, gloria, tutto per Me, altrimenti degraderei la mia Volontà col far vivere in Essa un’anima che non fosse un complesso insieme di tutti i beni, dei quali sovrabbonda la mia Volontà, e l’anima se non tenesse i germi di tutti i beni, non potrebbe ricevere i beni che la mia Volontà contiene, e se, mai sia, tenesse qualche germe non buono, sarebbe una intrusa, senza nobiltà e decoro, quindi lei stessa vergognandosi se ne uscirebbe fuori, né prenderebbe gusto e contento tenendo in sé cose estranee al mio Volere, perciò ti ho segnato anche le gocce del tuo sangue, le tue ossa, i tuoi palpiti; sono questi occhi di luce per fare che nulla, nulla esca da te che non sia santo e che non sia diretto a Me”.

(3) Onde dopo mi ha trasportato fuori di me stessa, facendomi vedere tutto sconvolto, e come stanno macchinando altre guerre e rivoluzioni, e Gesù faceva tanto per distoglierli, ma vedendo la loro ostinatezza si ritirava da loro.  Mio Dio, che tristi tempi!  io credo che mai l’uomo è giunto a questo eccesso di perfidia, di volere la distruzione del proprio essere.  Onde stavo con timore che il mio dolce Gesù non ci venisse, molto più che mi sentivo che le mie sofferenze erano scemate e come addormentate, perciò dicevo tra me:  “Se è vero ciò che ho visto, a seconda delle altre volte, per dar corso alla giustizia forse non ci verrà e non mi farà parte delle sue pene”.  E Gesù, ritornando, vedendomi molto oppressa mi ha detto:

(4) “Figlia mia, non temere, non ti ricordi che occupi doppio uffici, uno di vittima, e l’altro ufficio più grande di vivere nel mio Volere per ridarmi la gloria completa di tutta la Creazione?  Sicché se non starai in un ufficio insieme con Me, ti terrò nell’altro ufficio; al più ci potrà essere una sosta di pene per riguardo dell’ufficio di vittima, perciò non temere e quietati”.

 

+  +  +  + 

 

14-62

Settembre 24, 1922

 

Tutto il male nell’uomo è che ha sperduto il germe della

Divina Volontà.  La Divina Volontà:  Veste dell’anima.

 

(1) Trovandomi nel solito mio stato, il mio dolce Gesù si faceva vedere spogliato, che tremava di freddo, e dicendomi:

(2) “Figlia mia, coprimi e riscaldami che ho freddo; vedi, la creatura col peccato si era spogliata di tutti i beni, ed Io volli formarle una veste più bella, tessendola con le mie opere, imperlandola col mio sangue, e fregiandola con le mie piaghe, ma quale non è il mio dolore nel vedermi respinta questa veste sì bella, contentandosi di rimanere nuda?  Ed Io mi sento denudato in loro, e sento il loro freddo, perciò vestimi, che ne ho bisogno”.

(3) Ed io:  “Come potrò vestirvi?  Io non ho nulla”.

(4) E Lui:  “Sì che potrai vestirmi, hai tutta la mia Volontà in tuo potere, assorbila in te e poi mettila fuori, e mi farai la più bella veste, una veste di Cielo e divina, oh!  come resterò riscaldato, ed Io vestirò te con la veste della mia Volontà, affinché possiamo restare vestiti d’una sola divisa, perciò la voglio da te, per poterla dare a te con giustizia; se tu vesti Me è giusto che Io vesta te, per darti il ricambio di ciò che hai fatto per Me.  Tutto il male nell’uomo è che ha sperduto il germe della mia Volontà, perciò non fa altro che coprirsi dei più grandi delitti che lo degradano e lo fanno agire da pazzo.  Oh!  quante pazzie stanno per commettere!  Giusta pena, perché vogliono tenere per Dio il proprio io”.

 

+  +  +  + 

 

14-63

Settembre 27, 1922

 

Lamenti, Amore di Gesù.

 

(1) Mi sentivo amareggiata al sommo per la privazione del mio dolce Gesù, ed era tanta la pena che giungevo a dire degli spropositi, fino a dirgli che non mi amava, non mi voleva più bene, e che io l’amavo di più; è vero che il mio amore è piccolo, appena un’ombra, una gocciolina, un piccolo centesimo, ma è perché l’essere mio è così fatto, stretto, piccolo, ma per quanto piccolo tutto è per amarlo; ma chi può dire tutti gli spropositi che dicevo?  Era il delirio della febbre che produceva la sua privazione che mi faceva dire delle sciocchezze.  Onde dopo aver molto stentato, il mio dolce Gesù è venuto e mi ha detto:

(2) “Figlia mia, voglio vedere se tu mi ami di più”.

(3) E mentre ciò diceva, la persona di Gesù si moltiplicava, sicché vedevo Gesù a destra, Gesù a sinistra, Gesù nel cuore, non c’era parte di me o luogo in cui non vedevo Gesù, e tutti insieme dicevano ti amo, ti amo, ma questo era nulla, contenendo Gesù la potenza creatrice, tutto il creato ripeteva insieme ti amo.  Cielo e terra, viatori e comprensori, tutti insieme in coro, come se fosse un eco solo, ripetevano ti amo con quell’amore che ti ama Gesù.  Io sono rimasta confusa di fronte a tanto amore.

(4) E Gesù ha soggiunto:  “Dì, ripeti che mi ami di più, moltiplicati tu per darmi tanto amore per quanto te ne do”.

(5) Ed io:  “Mio Gesù, perdonami, io non so moltiplicarmi, non posseggo la potenza creatrice, quindi non ho nulla in mio potere; come posso darvi tanto amore quanto me ne dai Tu?  Lo so anch’io che il mio amore è un’ombra a confronto del tuo, ma il dolore della tua privazione mi dà il delirio e mi fa dire delle sciocchezze, perciò non lasciarmi più sola senza di Te se non vuoi che dica spropositi”.  E Gesù, spezzando il mio dire ha soggiunto:

(6) “Ah!  figlia mia, tu non sai in qual contrasto mi trovo, il mio amore mi spinge fino a farmi violenza per farmi venire; la mia giustizia quasi me lo vieta, perché l’uomo sta per giungere agli eccessi del male, e non merita quella misericordia che su di loro scorre quando vengo e ti partecipo le mie pene che loro stessi m’infliggono.  Devi sapere che i capi delle nazioni stanno combinando insieme come distruggere i popoli, e macchinare guai per la mia Chiesa, e per aver l’intento vogliono servirsi dell’aiuto di potenze straniere.  Il punto è terribile in cui il mondo si trova, perciò prega ed abbi pazienza”.

 

+  +  +  + 

 

14-64

Ottobre 3, 1922

 

Necessità che la Vergine fosse a giorno delle pene interne di Gesù.

 

(1) Continuando il mio solito stato, mi sentivo oppressa perché il benedetto Gesù spesso permette di farmi soffrire mentre sta presente il confessore, e mi lamentavo con Lui dicendogli:  “Amor mio, vi prego, vi supplico, non permettete più che soffra alla presenza di nessuno, fa che tutto passi tra me e Te, e che Tu solo sia a giorno delle mie pene.  Deh!  contentami, dammi la parola che non lo farai più, anzi, fatemi soffrire il doppio, sono contenta purché tutto sia nascosto e tra me e Te”.  E Gesù spezzando il mio dire mi ha detto:

(2) “Figlia mia, non ti abbattere, quando la mia Volontà lo vuole, anche tu devi cedere, e poi, non è altro che un passo della mia Vita, e la mia stessa Vita nascosta, le mie pene interne e tutto ciò che feci, ebbero sempre almeno uno, due spettatori, e questo con ragione, per necessità e per ottenere lo scopo delle stesse mie pene.  Quindi il primo spettatore fu il mio Celeste Padre, cui nulla poteva sfuggirgli, essendo Lui stesso colui che m’infliggeva le pene era attore e spettatore.  Se mio Padre non vedeva e non sapeva nulla, come potevo soddisfarlo, dargli la gloria, piegarlo alla vista delle mie pene a misericordia per il genere umano?  Ecco lo scopo andava fallito.  In secondo, di tutte le mie pene della mia Vita nascosta fu spettatrice la mia Mamma, ed era necessario, se Io ero venuto dal Cielo in terra per patire, non per Me, ma per il bene altrui, dovevo avere almeno una creatura in cui dovevo poggiare quel bene che contenevano le mie pene, e quindi muovere la mia cara Mamma a ringraziarmi, a lodarmi, ad amarmi, a benedirmi e farla ammirare l’eccesso della mia bontà; tanto che Lei, presa, rapita, commossa alla vista delle mie pene, mi pregava che in vista del gran bene che le portavano le mie pene, non la facessi esente d’immedesimarla con le mie stesse pene per soffrirle, per darmi il ricambio ed essere mia perfetta imitatrice.  Se la mia Mamma nulla vedesse, non avrei avuto la mia prima imitatrice, nessun grazie, nessuna lode; le mie pene, il bene che contenevano restavano senza effetto, perché non conoscendole nessuno, non potevo fare il primo poggio, sicché lo scopo del gran bene che doveva ricevere la creatura andava sperduto, vedi quanto era necessario che almeno una sola fosse a giorno delle mie pene.  Se ciò fu per Me, voglio che sia anche di te, anzi ti dico che voglio il confessore agente insieme con Me, spettatore e depositario delle pene che ti faccio soffrire, affinché anche lui partecipi al bene, ed avendolo insieme possa eccitarlo di più nella fede ed infondergli luce ed amore, per fargli comprendere le verità che ti vado manifestando”.

(3) Io sono restata più che mai oppressa nel sentire ciò, e mentre speravo misericordia ho trovato giustizia ed irremovibilità da parte di Gesù.  Oh!  Dio, che pena, e vedendomi più afflitta ha soggiunto:

(4) “Figlia mia, questo è il bene che mi vuoi?  I tempi sono tanto tristi, e i guai che verranno sono troppo raccapriccianti, e quando non potrai da sola impedire tutto il corso alla mia giustizia, lo potrai in due, e dovresti dire tu stessa che ti facessi soffrire.  Perciò rassegnati anche in questo, ed abbi pazienza, lo vuole il tuo Gesù, e basta”.

 

+  +  +  + 

 

14-65

Ottobre 6, 1922

 

Il primo piano degli atti umani cambiati in divini

nel Divino Volere fu fatto da Gesù.  Luisa, la

prima a vivere nella Divina Volontà.

 

(1) Stavo pregando, ed il mio sempre amabile Gesù è venuto, e gettandomi le braccia al collo mi ha detto:

(2) “Figlia mia, preghiamo insieme, entriamo nel mare immenso della mia Volontà per fare che nulla esca da te che non sia tuffato in Essa, il pensiero, la parola, il palpito, l’opera, il passo, tutto deve prendere il posto nella mia Volontà; ogni cosa che farai in Essa prenderai un possesso di più ed acquisterai un diritto maggiore.  Tutti gli atti umani, secondo lo scopo della Creazione, dovevano aver vita nel mio Volere e formarvi il loro piano di tutti gli atti umani cambiati in atti divini, con l’impronta della nobiltà, santità e sapienza suprema.  Non era nostra Volontà che l’uomo uscisse da Noi, ma che vivesse con Noi crescendo a somiglianza nostra ed operando coi nostri stessi modi, perciò volevo che tutti i suoi atti fossero fatti nel mio Volere, per dargli il posto per poter formare il suo fiumicello nel mare immenso del Mio.  Io facevo come un Padre che possedendo grandi terreni dice al figlio:  “Ti do in possesso il centro dei miei possedimenti, affinché non esca dai miei confini e cresca nelle mie ricchezze, con la mia stessa nobiltà e con la grandezza delle mie opere, affinché tutti ti riconoscano che sei mio figlio”.  Che si direbbe di costui se non accettasse il gran dono del padre e andasse in terra straniera a vivere di miserie, snobilitandosi sotto la schiavitù di crudeli nemici?  Tale fu l’uomo.  Ora, questo piano, questo fiumicello nel mio Volere lo voglio da te; scorra ogni tuo pensiero in Esso, affinché ai riflessi della nostra intelligenza, che è pensiero di ciascuno, si elevi su ciascuna intelligenza, ci dia l’omaggio di ciascun pensiero in modo divino; le tue parole ed opere scorrano pure, affinché al riflesso della nostra parola Fiat, che fece tutte le cose ed è parola di ciascuno, e ai riflessi della santità delle nostre opere, che è vita e moto di tutto, ci dia elevandosi e sorvolando su tutto, la gloria d’ogni parola e di ogni opera, con la nostra stessa parola Fiat e con la stessa santità delle nostre opere.  Figlia mia, se tutto ciò che è umano, fosse anche un pensiero, non viene fatto nel mio Volere, il piano umano non prende possesso, ed il fiumicello non viene formato ed il mio Volere non può scendere sulla terra per farsi conoscere e regnare”.

(3) Ond’io, nel sentir ciò ho detto:  “Amor mio, Gesù, possibile che dopo tanti secoli di vita della Chiesa, che ha messo fuori tanti santi, e molti di questi hanno fatto stupire Cielo e terra delle loro virtù e meraviglie che hanno operato, non dovevano questi operare tutto nel Divino Volere, in modo da formare questo piano che Tu dici?  Stavi aspettando proprio me, la più inabile, la più cattivella ed ignorante per far ciò?  Pare proprio incredibile”.

(4) E Gesù:  “Senti figlia mia, la mia sapienza tiene mezzi e vie, di cui l’uomo ignora, e che è obbligato a piegare la fronte ed adorarla in muto silenzio, e non sta a lui dettarmi leggi, chi debbo scegliere, ed il tempo opportuno che la mia bontà dispone, e poi dovevo prima formare i santi che dovevano rassomigliarmi e copiare in modo più perfetto, per quanto a loro è possibile, la mia Umanità, e questo l’ho già fatto.  Ora, la mia bontà vuole passare oltre, e vuol dare in eccessi più grandi d’amore, e perciò voglio che entrino nell’Umanità e copino ciò che faceva l’anima della mia Umanità nella Divina Volontà.  Se i primi hanno cooperato alla mia redenzione di salvare le anime, d’insegnare la legge, di sbandire la colpa, limitandosi nei secoli in cui sono vissuti; i secondi passeranno oltre, copiando ciò che faceva l’anima della mia Umanità nella Divina Volontà abbracceranno tutti i secoli, tutte le creature, ed elevandosi su tutti metteranno in vigore i diritti della Creazione che spettano a Me, e che riguardano le creature, portando tutte le cose alla prima origine della Creazione, e lo scopo per cui la Creazione uscì.  Tutto è ordinato in Me, se la Creazione la misi fuori, deve ritornarmi ordinata, come uscì dalle mie mani; già il primo piano degli atti umani cambiati in divini nel mio Volere fu fatto da Me, e lo lasciai come sospeso, e la creatura nulla seppe, meno che la mia cara ed indivisibile Mamma, ed era necessario, se l’uomo non sapeva la via, la porta, le stanze della mia Umanità, come poteva entrarmi dentro e copiare ciò che Io facevo?  Ora il tempo è giunto, che la creatura entri in questo piano e vi faccia anche del suo nel mio; che maraviglia che ho chiamato te per prima?  E poi, è tanto vero che ho chiamato te per prima, che a nessun’altra anima, per quanto a Me cara ho manifestato il modo di vivere nel mio Volere, gli effetti di Esso, le meraviglie, i beni che riceve la creatura operante nel Voler Supremo, riscontra quante vite di santi vuoi, o libri di dottrine, in nessuno troverai i prodigi del mio Volere operante nella creatura, e la creatura operante nel mio, al più troverai la rassegnazione, l’unione dei voleri, ma il Voler Divino operante in essa ed essa nel mio, in nessuno lo troverai, ciò significa che non era giunto il tempo che la mia bontà doveva chiamare la creatura a vivere in questo stato sublime.  Anche lo stesso modo come ti faccio pregare non si riscontra in nessun altro.  Perciò sii attenta, la mia giustizia lo vuole esigere, il mio amore delira, perciò la mia sapienza dispone tutto per ottenere l’intento, sono i diritti, la gloria della Creazione che vogliamo da te”.

 

+  +  +  + 

 

14-66

Ottobre 9, 1922

 

La volontà umana operante nella Divina.

 

(1) Continuando il mio solito stato, il mio sempre amabile Gesù viene tutto tenerezza, mi stringe fra le sue braccia, mi bacia e mi dice chi sa quante volte:

(2) “La figlia mia, la figlia della mia Volontà, come mi sei cara.  Senti, come il tuo volere entra in Me, si svuota di te ed il mio entra agente in te, e come agisce il mio, il tuo riceve la forza della potenza creatrice e resta agente in Me, e siccome Io sono un punto solo, che contengo tutto, abbraccio tutto, fo tutto, veggo il tuo volere agente in Me con la mia potenza creatrice che vuol darmi tutto, ricambiarmi per tutti, e con sommo mio contento lo veggo innanzi a Me, fin nel primo istante che uscii la Creazione tutta, e lasciando dietro tutti, si fa avanti a tutti come se fossi la prima da Me creata, in cui nessuna rottura di volontà esiste tra Me e te, quale avrei voluto il primo uomo, e mi dà l’onore, la gloria, l’amore, come se la Creazione non fosse uscita dalla mia Volontà.  Che gusto, che contento sento!  tu non puoi capirlo, l’ordine della Creazione mi viene ridonato, le armonie, le gioie, si avvicendano insieme.  Veggo questa volontà umana agente in Me nella luce del sole, sulle onde del mare, nel tremolio delle stelle, su tutto, e mi dà la gloria di tutti i beni che queste cose create danno all’uomo.  Che felicità!  mi somiglia in tutto, con questa differenza, che Io sono un punto solo, e tu a grado a grado, come operi, pensi, parli, ami nel mio Volere, così prendi più posto e vi formi dei parti divini”.

 

+  +  +  + 

 

14-67

Ottobre 19, 1922

 

Per quanti effetti e valori si conoscono, tanto più si

riceve del Voler Divino.  Aspettazione di Gesù per

tanti secoli per far conoscere il suo Volere.

 

(1) Continuando a starmi tutta abbandonata nelle braccia del mio dolce Gesù, mi sentivo tutta immersa nel suo Santissimo Volere, in cui mi trovavo come nel centro.  Onde nel venire mi ha detto:

(2) “Figlia mia, la mia Umanità viveva come nel centro del Sole Eterno della mia Volontà Divina, e siccome da questo centro partivano raggi che portando con loro la mia immensità coinvolgevano tutto e tutti, ed il mio operato, partendo da questo centro si trovava come in atto per ogni atto di creatura, ogni parola come in atto per ciascuna parola, ogni pensiero come in atto per ciascun pensiero, e così di tutto il resto, e come scendeva, come un atto solo risaliva di nuovo nel suo centro, portando con sé tutti gli atti umani per rifarli, per riordinarli a seconda che voleva mio Padre, sicché solo perché la mia Umanità viveva nel centro del Volere Eterno potetti abbracciare tutti come un atto solo, per compiere con decoro e degna di Me l’opera della Redenzione, altrimenti sarebbe stata un’opera incompleta e non degna di Me.  E siccome la rottura della volontà umana con la Divina fu tutto il male dell’uomo, così l’unione stabile della volontà della mia Umanità con la Divina, doveva formare tutto il suo bene; e questo succedeva in Me come connaturale.  Guarda il sole, che cosa è?  E’ una palla di luce, e questa luce la spande ugualmente a destra, a sinistra, davanti, di dietro, di sopra, di sotto, dovunque, la luce di tanti secoli addietro è quella di oggi, niente ha cambiato, né luce, né calore, e quella di oggi sarà quella della fine dei secoli; se avesse ragione potrebbe dire tutti gli atti umani, anzi li terrebbe in sé come proprietà sua, essendo stato lui, vita, effetto e causa di ciascun atto, e questo come cosa connaturale per lui.  Ora, tutto questo succede per l’anima che vive nel centro del mio Volere, lei abbraccia tutti e nessuno sfugge, fa per tutti e niente omette, insieme con Me non farà altro che spandersi a destra ed a sinistra, davanti e di dietro, ma in modo semplice e connaturale, e come opera nel mio Volere fa il giro di tutti i secoli, ed a tutti gli atti umani eleva il suo atto in modo divino per virtù della mia Volontà.

(3) Senti figlia mia, rigenerata nel mio Supremo Volere, quello che voglio fare di te ed in te, quello che faceva la mia Umanità nella Divina Volontà voglio ripeterlo, ma voglio il tuo volere unito insieme, affinché ripeta insieme con Me ciò che facevo e faccio ancora.  Nel mio Volere ci sono tutti gli atti che fece la mia Umanità, sia esterno che interno; degli atti esterni più o meno si sa ciò che Io feci, e la creatura, volendo si può unire insieme con Me e prendere parte a quel bene che feci, ed Io sento il contento perché vedo il mio bene in mezzo alle creature come moltiplicato in virtù dell’unione che fanno con Me; i miei atti sono messi come al banco, e ne riscuoto gli interessi.  Invece, degli atti interni che fece la mia Umanità nella Divina Volontà per amor di tutti, poco o nulla se ne sa, e la creatura non conoscendo né la potenza di questo Volere, né come la mia anima operava in Esso, né ciò che feci, come potrà unirsi con Me per prendere parte di quel bene?  La conoscenza porta con sé il valore, gli effetti, la vita di quel bene.  Un oggetto tanto utile porta per quanto si conosce, e molte volte succede che due oggetti che contengono lo stesso valore, uno che conosce il valore di più, vendendolo acquista di più; un altro che non ha quella conoscenza lo dà per meno; quante cose fa la conoscenza, molti si fanno ricchi perché hanno cura di conoscere le cose; altri si trovano nelle stesse materie, ma perché non conoscono bene le cose sono poveri.  Ora, volendoti insieme con Me, anche nei miei atti interni che faceva la mia Umanità in questo Volere Supremo, è giusto che ne facessi conoscere i pregi, il valore, gli effetti, la potenza, il modo che tiene questo mio Volere; ed a seconda che ti vado manifestando, apro tra te e Me la partecipazione di quello che ti faccio conoscere; altrimenti, a che pro dirtelo?  Forse per darti una semplice notizia?  No, no, quando Io faccio conoscere è perché voglio dare, sicché quanti valori ed effetti conosci, tanto ti ho dato.  Perciò vedi il gran bene che voglio fare, non solo a te, ma anche agli altri, perché come si farà via questa conoscenza del vivere nel mio Volere, sarà amato di più, e l’amore assorbirà in loro tutto il bene che la conoscenza come madre feconda li ha partorito.  Io non sono il Dio isolato, no, voglio la creatura insieme con Me, l’eco mio deve risuonare nel suo, ed il suo nel mio e farne uno solo; e se ho aspettato tanti secoli per far conoscere il mio Volere operante nella creatura, ed il suo operante nel mio, quasi elevandolo al mio stesso livello, era perché dovevo preparare, disporre le creature a passare dalle conoscenze minori alle maggiori; dovevo fare come un maestro che doveva insegnare le vocali, le consonanti, poi passa ai componimenti.  Finora non si sapeva altro della mia Volontà che le vocali e le consonanti, era necessario che passassi ai componimenti, e questo mi svolgerà la Vita della mia Volontà.  Il primo componimento lo voglio da te, se sarai attenta lo svolgerai bene, in modo da darmi l’onore di un tema che ti ha dato il tuo Gesù, il tema più nobile, il tema del Volere Eterno, che mi porterà la gloria più grande, che formando il connesso con le creature farà conoscere nuovi orizzonti, nuovi cieli e nuovi eccessi del mio amore.

(4) Vedi, nel mio Volere Supremo stanno tutti i miei atti interni che fece la mia Umanità, come in aspettativa per uscire come messaggeri per mettersi in via.  Questi atti sono stati fatti per le creature, e vogliono darsi e farsi conoscere, e non dandosi si sentono come imprigionati, e pregano, supplicano, che il mio Volere li metta a conoscenza per poter dare il bene che essi contengono.  Mi trovo nelle condizioni d’una povera madre che per lungo tempo tiene il suo parto nel suo seno, e che essendo giunto il tempo di metterlo fuori, se non lo mette spasima, s’addolora, e non curando la propria vita, a qualunque costo vuole mettere fuori il suo portato; le ore, i giorni di ritardo le sembrano anni e secoli, tutto ha fatto e disposto, non resta altro che metterlo fuori.  Tale sono Io, più che madre per tanti secoli ho contenuto in Me, più che parto, tutti i miei atti umani fatti nella santità del Volere Eterno, per darli alla creatura, e come si daranno innalzeranno gli atti umani della creatura in atti divini, e la fregieranno con le più belle bellezze, facendola vivere con la Vita della mia Volontà, dandole il valore, gli effetti, i beni che il mio Volere possiede.  Perciò, più che madre spasimo, mi addoloro, brucio, ché voglio uscire questo parto della mia Volontà; il tempo è giunto, non resta altro che trovare chi deve ricevere il primo parto, per continuare gli altri parti nelle altre creature.  Perciò ti dico, sii attenta, allarga il tuo cuore per poter ricevere tutto il valore, gli effetti, la conoscenza che il mio Volere contiene, per poter mettere in te il primo parto.  Quanta gioia mi darai, sarai il principio della mia felicità sulla terra; il volere umano, potrei dire, mi ha reso infelice in mezzo alle creature, e la mia Volontà operante nella creatura mi restituirà la mia felicità.

 

+  +  +  + 

 

14-68

Ottobre 24, 1922

 

Il Divino Volere apre le correnti tra il Cielo e la terra,

e fa nell’anima il deposito dei beni celesti.

 

(1) Il mio sempre amabile Gesù continua a parlarmi del suo Santissimo Volere, mi sembra un vero maestro, che mentre pare che non ha più nulla da insegnare al suo discepolo, invece non è altro che riposo che prende per poter uscire di nuovo in campo per dare lezioni più sublimi, da rapire l’attenzione del ragazzo e riscuotere amore e venerazione.  Onde nel venire mi ha detto:

(2) “Figlia mia, quanti prodigi contiene il mio Volere Supremo operante nella creatura, come l’anima fa entrare in lei questo Santo Volere e lei in Esso, e lo fa operare in tutto, anche nelle più piccole cose, già si mette in corrente tra il Volere operante tra le Divine Persone ed il loro stesso Volere operante nella creatura; sicché se amano o vogliono dare amore, trovano dove deporre questo amore, perché ad un punto della terra c’è il loro Volere operante nella creatura, che può ricevere questo amore, e che risalendo fin nel seno della Divinità, il loro Volere come diviso in due, nella creatura e nella Divinità, mentre è sempre uno, le porterà il ricambio del loro amore in modo divino da parte della creatura; ed ecco che l’amore eterno si mette in corrente tra il Cielo e la terra, scende e sale senza alcun intoppo:  c’è chi ne può ricevere il deposito, il loro stesso Volere operante nella creatura sarà geloso di tenerne custodia.  Così se la mia Divinità vuole uscire da sé la sua bellezza, le sue verità, la sua potenza, le sue grazie infinite, tiene dove farne il deposito, nel suo stesso Volere operante nella creatura.  La corrente è aperta, il mio Volere manterrà la battuta di custodire gelosamente la mia bellezza, le mie verità, la mia potenza, e di rendermi i ringraziamenti alle mie grazie infinite.  Onde non resterò più defraudato in nulla, sarò in perfetta armonia tra il mio Volere operante nella creatura e quello del Cielo.  Quante cose mie farò conoscere di più!  Il mio amore soffocato resterà libero quando avrò formato il mio deposito, e le correnti tra il Cielo e la terra saranno sempre aperte”.

 

+  +  +  + 

 

14-69

Ottobre 27, 1922

 

La Divina Volontà:  Eredità di Gesù

alle creature.  Le due generazioni.

 

(1) Stavo pensando tra me a tutto ciò che sta scritto in questi giorni passati, e dicevo tra me:  “Come è possibile che il mio dolce Gesù abbia aspettato tanto tempo per far conoscere tutto ciò che operava la sua Umanità nella Divina Volontà per amore delle creature?” Ma mentre ciò pensavo, il mio sempre amabile Gesù, facendosi vedere col suo cuore aperto mi ha detto:

(2) “Figlia del mio Volere, perché impensierirti?  Ciò successe anche nella Creazione, quanto tempo non la tenni nel mio seno realmente formata?  E quando a Me piacque la misi fuori, e la stessa Redenzione, quanto altro non la tenni in Me?  Potrei dire “ab eterno”, eppure aspettai tanto tempo per scendere dal Cielo e darne il compimento.  E’ il mio solito:  prima le fecondo, le formo in Me, ed a tempo propizio le metto fuori, anzi tu devi sapere che la mia Umanità conteneva in sé due generazioni, i figli delle tenebre ed i figli della luce.  I primi venivo a riscattarli, e quindi sborsai il mio sangue per metterli in salvo.  La mia Umanità era santa, e nulla ereditò delle miserie del primo uomo, e sebbene era simile nelle fattezze naturali, ma ero intangibile da ogni minimo neo che potesse adombrare la mia santità; la mia eredità fu la sola Volontà del Padre mio, in cui dovevo svolgere tutti i miei atti umani per formare in Me la generazione dei figli della luce.  Vedi, questa generazione mi venne dato di formarla proprio nel grembo della Volontà del mio Celeste Padre, ed Io non risparmiai né fatiche, né atti, né pene, né preghiere, anzi erano in cima a tutte le cose che facevo e pativo, in modo che la concepii in Me, la fecondai e la formai, erano proprio loro, che il Divino Padre con tanto amore mi aveva affidato, era la mia eredità prediletta, che mi venne consegnata nella Santissima Volontà Suprema.  Ora, dopo aver conosciuto i beni della Redenzione, come voglio tutti salvi, dandoli tutti i mezzi che ci vogliono, passo a far conoscere che in Me c’è un’altra generazione che debbo uscire, i miei figli che devono vivere nel Divino Volere, e che proprio nel mio cuore tengo preparate tutte le grazie, tutti i miei atti interni fatti nell’ambito della Volontà Eterna per loro, e questi aspettano il bacio dei loro atti, la loro unione, per darli l’eredità della Volontà Suprema, e come la ricevetti Io, voglio darla a loro per far uscire da Me la seconda generazione dei figli della luce.  Se la mia Umanità non desse questa eredità che possedeva, cioè la Divina Volontà, la sola ed unica cosa che Io amavo e che tutto il bene mi dava, sarebbe stata incompleta la mia discesa sulla terra, né potrei dire che ho dato tutto, anzi avrei riservato per Me la cosa più grande, la parte più nobile e divina.  Vedi ora quanto è necessario che il mio Volere sia conosciuto su tutti i rapporti, nei prodigi, negli effetti, nel valore, ciò che feci Io in questo Volere per le creature, ciò che devono far loro; e questo sarà una calamita potente per attirare le creature a fargli ricevere l’eredità del mio Volere, e fare uscire in campo la generazione dei figli della luce.  Sii attenta figlia mia, tu sarai il portavoce, la tromba per chiamarli e riunire questa generazione tanto a Me prediletta e sospirata”.

(3) Onde avendosi ritirato, è ritornato di nuovo tutto afflitto, che muoveva a pietà, e gettandosi nelle mie braccia come per trovare riposo, ed io nel vederlo gli ho detto:  “Che hai Gesù, così afflitto?”

(4) E Gesù:  “Ah!  figlia mia, tu non sai nulla di quello che vogliono fare, vogliono giocarsi Roma, se la vogliono giocare gli stranieri, gli stessi italiani, sono tali e tante le nefandezze che faranno, che sarebbe minor male se la terra sboccasse fuoco per incenerirla, che ciò che faranno.  Vedi, da tutte le parti sbucano gente per affluire insieme e darne l’assalto, e quel che è più, sotto vesti di agnelli, mentre sono lupi rapaci che vogliono divorare la preda, che unioni diaboliche, si stringono insieme per aver più forza e darne l’assalto.  Prega, prega, è l’ultimo precipizio di questi tempi in cui la creatura vuole precipitarsi”.

 

+  +  +  + 

 

14-70

Ottobre 30, 1922

 

I prodigi della creatura operante nel Voler Divino.

 

(1) Continuando il mio solito stato, il mio sempre adorabile Gesù è venuto, ed immergendomi nella luce immensa della sua Santissima Volontà mi ha detto:

(2) “Figlia mia, guarda i prodigi della creatura operante nella mia Volontà, come entra nel mio Volere e pensa, prega, opera, così si eleva con Me, e siccome Io sono voce senza parola, e perciò la mia voce si forma e giunge a ciascun cuore secondo i propri bisogni, ed in tante diverse lingue e modi che ci sono nelle creature, in modo che tutti mi possono comprendere; sono opera senza mani, e perciò sono opera di ciascuno; sono passo senza piedi, in modo che dovunque giungo e mi trovo in atto, così l’anima operando nel mio Volere, diventa voce senza parola, opera senza mani, passo senza piedi, ed Io me la sento scorrere nella mia voce, nelle mie opere e nei miei passi, dovunque me la sento, ed Io, sentendola sempre insieme con Me, non mi sento più solo, e siccome amo tanto la compagnia della creatura, preso d’amore verso di lei, la divinizzo, l’arricchisco e le do tali grazie da far meravigliare Cielo e terra”.

 

+  +  +  + 

 

14-71

Novembre 6, 1922

 

La Volontà di Dio cristallizza l’anima.  La

conoscenza del Palazzo della Divina Volontà.

 

(1) Trovandomi nel solito mio stato, il mio sempre amabile Gesù si è fatto vedere che teneva fra le sue braccia tanti piccoli agnellini, chi poggiato sul petto, chi alle spalle, chi stretto al collo, chi a destra e chi a sinistra delle sue braccia, chi usciva la testolina da dentro il cuore, ma però i piedi di tutti questi agnellini stavano tutti nel cuore di Nostro Signore, ed il nutrimento che li dava era il suo alito; stavano tutti rivolti con la bocca verso la bocca del mio dolce Gesù, per ricevere il suo alito per nutrirsi.  Era proprio bello a vedersi come Gesù prendeva sommo diletto, tutto intento a nutrirli ed a felicitarsi insieme; parevano proprio tanti parti usciti dal suo cuore santissimo.  Onde rivolto a me mi ha detto:

(2) “Figlia mia, questi agnellini che tu vedi nelle mie braccia sono i figli della mia Volontà, parto legittimo del mio Voler Supremo; usciranno da dentro il mio cuore, ma vi resteranno i loro piedi nel centro del mio cuore per far che nulla prendano dalla terra, di nulla si curino che di Me solo.  Guardali come sono belli, come crescono nitidi, nutriti, alimentati dal solo mio alito; saranno la gloria, la corona della mia Creazione”.

(3) Onde dopo ha soggiunto:  “La mia Volontà cristallizza l’anima, e siccome ad un cristallo qualunque oggetto si avvicina vi si forma dentro un altro oggetto tutto simile a quello che si mette di fronte, così la mia Volontà, tutto ciò che fa riflette in queste anime cristallizzate dalla mia potenza, e ripetono e fanno ciò che fa il mio Voler Supremo; e siccome la mia Volontà si trova dappertutto, ed in Cielo, in terra ed ovunque, così queste anime contenendo il mio Volere in loro come propria vita, dovunque il mio Volere agisce, come cristallo lo assorbono in loro e ripetono il mio atto; sicché come agisco, prendo sommo diletto di mettermi di fronte a loro per veder ripetere in loro la mia stessa azione, onde sono i miei specchi, ed il mio Volere li moltiplica ad ogni atto che fa e dappertutto, perciò non c’è cosa creata dove essi non si trovino:  nelle creature, nel mare, nel sole, nelle stelle, e fin nell’empireo, ed il mio Volere riceve il contraccambio del mio atto in modo divino dalla creatura.  Ecco anche la causa ché amo tanto che il vivere nel mio Volere sia conosciuto, per più moltiplicare questi specchi resi cristalli dal mio Volere, per far ripetere in loro le opere mie ed allora non sarò più solo, ma avrò la creatura in mia compagnia, l’avrò con Me, intimamente con Me, nel fondo del mio Volere, quasi inseparabile da Me, come se allora allora fosse uscita dal mio seno quando la creai, senza aver fatto altre vie contrarie alla mia Volontà.  Quanto sarò contento!”

(4) Onde io nel sentir ciò gli ho detto:  “Amor mio e vita mia, io non so persuadermi ancora, com’è possibile che nessun santo non abbia fatto sempre la tua Santissima Volontà, e che non abbia vissuto nel modo come ora dici nel tuo Volere?”

(5) E Gesù:  “Ah!  figlia mia, non vuoi persuaderti ancora che tanto si prende di luce, di grazia, di varietà, di valore, per quanto si conosce?  Certo che ci sono stati dei santi che hanno fatto sempre il mio Volere, ma hanno preso della mia Volontà per quanto ne conoscevano.  Essi conoscevano che il fare la mia Volontà era l’atto più grande, il più che mi onorava e che portava la santificazione, e con questa intenzione la facevano e questo prendevano, perché non c’è santità senza la mia Volontà, e non può uscire nessun bene, né santità piccola né grande senza di Essa.  Tu devi sapere che la mia Volontà, quel che era, è e sarà, non ha cambiato in nulla, ma a secondo che si manifesta, così fa conoscere la varietà dei suoi colori, degli effetti e valori che contiene, e non solo si fa conoscere, ma dà all’anima la varietà dei suoi colori, effetti e valori, altrimenti a che pro farli conoscere?  La mia Volontà ha fatto come un gran signore, il quale ha fatto vedere un suo palazzo estesissimo e sontuoso; ai primi ha additato la via per andare al suo palazzo, ai secondi la porta, ai terzi la scala, ai quarti le prime stanze, ed agli ultimi ha aperto tutte le stanze facendoli padroni e dando loro tutti i beni che ci sono in esso.  Ora, i primi hanno preso i beni che ci sono nella via; i secondi, i beni che ci sono alla porta, superiori a quelli che ci sono nella via; i terzi, quelli della scala; i quarti, quelli delle prime stanze, dove ci sono più beni e stanno più al sicuro; gli ultimi i beni di tutto il palazzo intero.  Così ha fatto la mia Volontà, doveva far conoscere la via, la porta, la scala, le prime stanze per poter passare in tutta l’immensità del mio Volere, e fargli vedere i grandi beni che ci sono, e come la creatura operante in questi beni che il mio Volere contiene, fa acquisto della varietà dei suoi colori, della sua immensità, santità e potenza, e di tutto il mio operato; Io, nel far conoscere, do ed imprimo nell’anima quella qualità divina che faccio conoscere.  Se tu sapessi sotto a quali onde impetuose di grazie ti trovi quando passo a farti conoscere altri effetti del mio Volere, e come perito pittore dipingo nell’anima tua coi più vivi colori, gli effetti, i valori diversi che ti faccio conoscere, tu resteresti schiacciata sotto le mie onde, ma Io, compassionando la tua debolezza ti sostengo, e mentre ti sostengo imprimo più in te ciò che ti dico, perché se Io parlo agisco.  Perciò sii attenta e fedele”.

 

+  +  +  + 

 

14-72

Novembre 8, 1922

 

La pace senza Dio è impossibile.  Minacce di guerre.

 

(1) Vi passo giorni amari per le privazioni del mio dolce Gesù, e se si fa vedere è tanto afflitto e taciturno, che per quanto ne possa dire non mi riesce di consolarlo, e ne resto più amareggiata di prima.  Onde questa mattina nel venire mi ha detto:

(2) “Figlia mia, le pene, le offese che mi fanno le creature sono tante, che non ne posso più; le nazioni si legano insieme per uscire in campo in nuove guerre, non te lo dicevo che le guerre non sono finite e che la pace era pace falsa ed apparente, perché la pace senza Dio è impossibile, era pace che non usciva dalla giustizia, perciò non poteva durare.  Ahi!  i capi di questi tempi sono veri diavoli incarnati, che si legano insieme per fare il male e gettare nei popoli lo scompiglio, le stragi, le guerre”.

(3) E mentre ciò diceva, si sentiva il pianto delle madri, il rimbombo del cannone, gli allarmi in tutti i paesi; ma spero che Gesù voglia placarsi, e così resteranno tutti in pace.

 

+  +  +  + 

 

14-73

Novembre 11, 1922

 

Gesù diede vita nella Divina Volontà agli atti di tutte

le creature, in quest’opera associò la sua Madre

Santissima, e adesso chiama l’anima per ripeterlo.

 

(1) Il mio sempre amabile Gesù nel venire mi ha tirato tanto a Sé, dentro d’una luce immensa e mi ha detto:

(2) “Piccola figlia del mio Volere, questa luce immensa che tu vedi è la mia Suprema Volontà, da cui niente sfugge.  Tu devi sapere che come creai il cielo, il sole, le stelle, ecc., a tutti fissai i limiti, il posto, il numero, né possono crescere né decrescere, tutte le cose le ho come in pugno.  Così nel creare l’uomo, nel medesimo tempo creai tutte le intelligenze e ciascun pensiero, tutte le parole, le opere, i passi, e tutto il resto dell’uomo, dal primo fino all’ultimo che dovrà esistere, e questo era come connaturale in Me, molto più che Io stesso dovevo essere attore e spettatore anche d’un pensiero, se non lo poteva fare senza di Me, come non dovevo saperlo e conoscerne anche il numero?  Sicché nella mia Volontà nuota tutto l’operato delle creature, come i pesci nuotano dentro d’un vasto mare.  Ma avendo creato l’uomo non schiavo ma libero, perché non era decoroso per Me, né opera degna uscita dalle mie mani se facessi uscire quest’uomo inceppato, senza libertà, né potrei dire facciamolo a nostra immagine e somiglianza se non lo facevo libero, volevo dotarlo con la libertà; Io ero libero, libero anche lui; e poi non c’è cosa che più torturi una persona che dare un amore forzato, e getta diffidenze, sospetti, timori, e quasi schivo in chi lo riceve.  Vedi dove hanno origine ciascun atto di creatura, anche un pensiero, nella santità della mia Volontà, con questa differenza, che se l’uomo vuole, quello stesso pensiero, parola, ecc., può farlo bene o male, santo o cattivo.  Or, la mia Volontà ebbe un dolore nel vedere in tanti cambiati i loro atti, di cui era attrice, in micidiali per Me e per loro, perciò volevo che la mia Volontà, facendosi doppiamente attrice di ciascun atto, stendesse su tutti un altro atto divino, che doveva ricambiarmi secondo la santità della mia Volontà, in altri tanti atti divini, ma ci voleva uno per far ciò, ed ecco la mia Umanità santa, libera anch’Essa, che non volendo altra vita che la sola Volontà Divina, nuotando in questo mare immenso andava raddoppiando ciascun pensiero, parola ed opera di creatura, e stendeva su tutto un atto di Volontà Divina, e questo soddisfaceva e glorificava il Divino Padre, in modo che potette guardare l’uomo ed aprirgli le porte del Cielo, e riannodavo con più forza la volontà umana, lasciandola sempre libera a non scostarsi dalla Volontà del suo Creatore, per cui si aveva precipitato in tante sciagure.  Né fui contento di ciò, volli la mia Mamma, anche santa, che mi seguisse nel mare immenso del Voler Supremo, ed insieme con Me duplicasse tutti gli atti umani, mettendovi il duplice suggello, dopo il mio, degli atti fatti nella mia Volontà su tutti gli atti delle creature.  Come mi era dolce la compagnia della mia inseparabile Mamma nella mia Volontà; la compagnia nell’operare fa sorgere la felicità, la compiacenza, l’amore di tenerezza, la gara, l’accordo, l’eroismo; l’isolamento produce il contrario.  Onde come operava insieme con la mia cara Mamma, così sorgevano mari di felicità, di compiacenza a parte a parte, mari d’amore che facendo gara, uno si tuffava nell’altro, che produceva grande eroismo.  E non per Noi soli sorgevano questi mari, ma anche per chi ci avrebbe tenuto compagnia nella nostra Volontà; anzi, questi mari, potrei dire, si convertivano in tante voci che chiamavano l’uomo a vivere nel nostro Volere, per restituirgli la felicità, la sua natura primiera, e tutti i beni che aveva perduto col sottrarsi dalla nostra Volontà.  Ora vengo a te; dopo la mia Celeste Mamma chiamai te per fare che tutti gli atti umani abbiano il primo suggello fatto da Me, il secondo fatto dalla mia Mamma, ed il terzo da una creatura della stirpe comune, il mio eterno amore non era contento se non elevassi una della stirpe comune, cui doveva aprire le porte a chi si disponesse ad entrare in queste porte per vivere nel nostro Volere, ecco perciò le mie tante manifestazioni, i tanti valori ed effetti che ti ho fatto conoscere sulla mia Volontà, questi saranno calamite potenti per tirare te, e poi gli altri a vivere in Essa; ma per entrare nella nostra Volontà e seguire il sublime volo dei miei atti e quelli della mia indivisibile Mamma, per quanto sei della stirpe comune, non potevi entrare nel nostro Volere se non avessi almeno, o fossi trasformata nella natura che uscì dalle mie mani prima che l’uomo si sottrasse dal nostro Volere, ecco perciò le mie tante grazie per ridurre la tua natura, l’anima tua a quel primiero stato; come ti aggraziavo così ti toglievo i germi, le tendenze, le passioni della natura ribelle, lasciando sempre libera la tua volontà.  Era necessario per il mio decoro, santità e dignità, che dovendoti chiamare nel centro del mio Volere per farvi vita comune, per farti percorrere tutti gli atti fatti da Me e che dalle creature non sono conosciuti ancora, ridurre la tua natura a questo stato felice, altrimenti non avresti potuto correre con Me negli interminabili atti del mio Volere, né stare con Me con quella dimestichezza che ci vuole per operare insieme.  Le passioni, i germi delle tendenze non buone, sarebbero stati come tante sbarre di divisione tra Me e te, al più saresti stata agli ordini del mio Volere, come tant’altri miei fidi, ma fare ciò che feci Io, saresti stata molto lontana, e né tu né Io saremmo stati felici, mentre il vivere nel mio Volere è proprio questo, vivere pienamente felice in terra, per poi passare a vivere più felice nel Cielo.  Perciò ti dico, vera figlia del mio Volere, primo parto felice della mia Volontà, siimi attenta e fedele, vieni nel mio Eterno Volere, ti aspettano i miei atti che vogliono il suggello dei tuoi, ti aspettano quelli della mia Mamma, ti aspetta tutto il Cielo ché vogliono vedere tutti gli atti loro glorificati nella mia Volontà da una creatura della stirpe loro, ti aspettano le presenti e le future generazioni, per essere restituita la felicità perduta.  Ah!  no, no, non finiranno le generazioni se non mi ritorna l’uomo nel mio seno, bello, dominante, come uscì dalle mie mani creatrici, non sono contento d’averlo redento; anche a costo d’aspettare, avrò pazienza ancora, ma deve ritornare a Me come lo feci, in virtù della mia Volontà.  Col fare la sua volontà scese nell’abisso e si trasformò in brutto; col fare la mia Volontà salirà ed acquisterà la nuova trasformazione della natura da Me creata, ed allora potrò dire:  “Tutto ho compiuto, l’ordine di tutta la Creazione mi è ritornato e mi riposerò in esso”.

 

+  +  +  + 

 

14-74

Novembre 16, 1922

 

La Divina Volontà una volta opera, un’altra volta conserva

ciò che ha operato.  Adesso vuole operare di nuovo

come operò nella Creazione e nella Redenzione.

 

(1) Trovandomi nel solito mio stato, il mio sempre amabile Gesù nel venire mi ha tirato tutta nel suo Santissimo Volere, ed io come se avessi sott’occhio tutto l’operato della Creazione, e seguivo tutto ciò che aveva fatto il mio dolce Gesù per le creature.  Onde dopo che abbiamo seguito insieme mi ha detto:

(2) “Figlia mia, la mia Volontà agisce in diversi modi, una volta opera, un’altra volta conserva ciò che ha operato.  Nella Creazione operai e tutto ordinai, e dopo fatto tutto, la mia Volontà è conservatrice di tutto, d’allora in poi nulla ha fatto di nuovo nell’ordine di tutto il creato.  Onde di nuovo la mia Volontà uscì in campo nell’operare, nel scendere dal Cielo in terra per redimere l’uomo; e la mia opera non fu per poco come nella Creazione, ma durò per la lunghezza di trentatré anni, e di nuovo ritornai a conservare tutto ciò che operai nella Redenzione, sicché, come esiste un sole per virtù della mia Volontà conservatrice a bene di tutti e di ciascuno, così stanno in atto per tutti e per ciascuno i beni della Redenzione.  Ora la mia Volontà vuol ritornare all’opera, e sai che vuol fare?  Vuole operare nella creatura ciò che operò nella mia Umanità la mia Volontà, questa sarà una mia opera lunghissima, più della Redenzione, e come per operare la Redenzione mi formai una Madre in cui concepii la mia Umanità, così ora ho scelto te per operare ciò che la mia Volontà operava nella mia Umanità.  Vedi dunque figlia mia, qui si tratta di opere, ed opere del mio Voler Supremo, tu sarai come lo spazio che si offrì a farmi creare e mettere in ordine il sole, le stelle, la luna, l’aria, e tutto il bello che c’è nella volta dei cieli e tutto il bene che dal cielo discende; sarai come la mia Umanità che a nulla si oppose di ciò che il mio Volere volle operare, ed Io rinchiuderò in te ciò che fece in Me il Supremo Volere, per averne la ripetizione”.

(3) Onde dopo stavo ricevendo l’assoluzione, ed io dicevo in me:  “Mio Gesù, nel tuo Volere voglio riceverla”.  E Gesù, subito, senza darmi tempo ha soggiunto:

(4) “Ed Io nella mia Volontà ti assolvo, e mentre assolvo te, il mio Volere mette in via le parole dell’assoluzione per assolvere chi vuol essere assolto e per perdonare chi vuole il perdono.  Il mio Volere prende tutto, non prende uno solo, ma chi è disposto prende più che tutti”.

 

+  +  +  + 

 

14-75

Novembre 20, 1922

 

Correnti d’amore tra Dio e l’uomo.

 

(1) Stavo pensando come il mio dolce Gesù stando nell’orto soffrì tante pene, ma non da parte delle creature, perché Lui era solo, anzi abbandonato da tutti, ma da parte del suo Eterno Padre.  Erano correnti d’amore tra Lui ed il Celeste Padre, ed in queste correnti venivano messe tutte le creature, in cui ci stava tutto l’amore d’un Dio per ciascuna di loro, e tutto l’amore che ciascuna doveva a Dio, e mancando questo veniva a soffrire pene da superare tutte le altre pene, tanto che sudò vivo sangue.  Ed il mio dolce Gesù, stringendomi al suo cuore per essere sollevato mi ha detto:

(2) “Figlia mia, le pene dell’amore sono le più strazianti.  Vedi, in queste correnti d’amore tra Me e il Padre mio c’è tutto l’amore che mi dovevano tutte le creature, quindi c’è l’amore tradito, l’amore negato, l’amore respinto, l’amore sconosciuto, l’amore calpestato, ecc.  Oh!  come mi giunge trafiggente al mio cuore, da sentirmi morire; tu devi sapere che nel creare l’uomo fissai tante correnti d’amore tra Me e lui; non mi bastava d’averlo creato, no, dovevo mettere tante correnti d’amore tra Me e lui, che non ci doveva essere parte di esso in cui non scorressero queste correnti, sicché nell’intelligenza dell’uomo correva la corrente d’amore della mia sapienza, nell’occhio correva la corrente del amore della mia luce, nella bocca la corrente d’amore della mia parola, nelle mani la corrente d’amore della santità delle mie opere, nella volontà la corrente d’amore della mia, e così di tutto il resto.  L’uomo era stato fatto per stare in continue comunicazioni col suo Creatore, e come poteva stare in comunicazione con Me se le mie correnti non correvano nelle sue?  Col peccato spezzò tutte queste correnti e restò diviso da Me; sai tu come successe?  Guarda il sole, tutta la sua luce batte sulla superficie della terra e la investe tanto da far sentire il suo calore, tanto al vivo e reale che porta la fecondità, la vita a tutto ciò che la terra produce, sicché il sole e la terra, si può dire, stanno in comunicazione fra loro.  Oh!  come sono più strette le mie comunicazioni tra l’uomo ed Io, vero sole eterno.  Ora, se una creatura potesse aver potere di spezzare tra la terra e il sole la corrente della luce che batte sulla superficie, qual male non farebbe mai?  Il sole ritirerebbe a sé tutta la corrente della luce, la terra resterebbe all’oscuro, senza fecondità e senza vita.  Qual pena meriterebbe egli mai?  Tutto ciò fece l’uomo nella Creazione, ed Io scesi dal Cielo in terra per riunire di nuovo tutte queste correnti d’amore, ma, oh!  quanto mi costò, e l’uomo continua la sua ingratitudine e ritorna a spezzarmi le correnti da Me aggiustate!”

 

+  +  +  + 

 

14-76

Novembre 24, 1922

 

Effetti della parola e sguardo di Gesù.  Gesù la

rimprovera per voler lasciare nascoste queste verità.

 

(1) Stavo pensando al mio dolce Gesù quando fu presentato ad Erode, e dicevo tra me:  “Com’è possibile che Gesù, tanto buono, non si benignò di dirgli una parola e dargli uno sguardo?  Chi sa che quel perfido cuore, alla potenza del suo sguardo non si fosse convertito?” E Gesù facendosi vedere mi ha detto:

(2) “Figlia mia, era tanta la sua perversità ed indisposizione d’animo, che non meritò che lo guardassi e gli dicessi una parola; e se ciò facessi si sarebbe reso maggiormente colpevole, perché ogni mia parola, o sguardo, sono vincoli di più che si formano tra Me e la creatura.  Ogni parola è un’unione maggiore, una strettezza di più; e come l’anima si sente guardata, la grazia incomincia il suo lavorio.  Se lo sguardo o la parola è stato dolce, benigna, dice:  Come era bella, penetrante, soave, melodiosa, come non amarlo?  Se poi è stato uno sguardo o parola maestosa, sfolgorante di luce, dice:  Che maestà, che grandezza, che luce penetrante, come mi sento piccola, come sono misera, quante tenebre in me innanzi a quella luce sì sfolgorante.  Se ti volessi dire la potenza, la grazia, il bene che porta la mia parola o sguardo, quanti libri ti farei scrivere.  Ora, vedi dunque quanti beni ti ho fatto nel guardarti tante volte, nel tenerti con Me in familiari conversazioni, non sono state solo parole, ma discorsi completi, da ciò puoi comprendere che le unioni tra Me e te, le relazioni, i vincoli, le strettezze, sono innumerevoli.  Io ho fatto con te come un maestro, che cogli altri che vogliono qualche suo indirizzo dice qualche parola, ma coi propri discepoli volendo fare altrettanti maestri simili a lui, sta con loro tutto il giorno, parla a lungo, li sta sempre sopra ed ora porta un argomento, ed ora una similitudine per farsi più comprendere, né li lascia mai soli per timore che distraendosi, facciano andare al vento le sue fatiche, se occorre toglie le ore al suo riposo per ammaestrarli; nulla risparmia, né fatiche, né stenti, né sudori, per ottenere l’intento che i suoi discepoli diventino maestri.  Così ho fatto Io per te, nulla ho risparmiato, cogli altri ho tenuto le sole parole, con te discorsi, ammaestramenti a lungo, similitudini, di notte, di giorno, a tutte le ore; quante grazie non ti ho fatto?  Quanto amore fino a non saper stare senza di te?  E’ grande il disegno che ho fatto su di te, perciò molto ho dato; tu, poi, per tutta gratitudine vorresti tenere occultato in te ciò che ti ho detto e dato, e quindi non darmi la gloria che col manifestarlo avrei avuto.  Che diresti tu di quel discepolo che dopo che il maestro è giunto con tante fatiche a farlo maestro, vorrebbe ritenere a sé l’istruzione ricevuta, senza impartirla agli altri?  Non sarebbe ingrato e di dolore al maestro?  Che diresti del sole, che dopo che l’ho dato tanta luce e calore non vorrebbe far scendere questa luce e calore sulla terra?  Non diresti al sole:  E’ vero che fai una bella figura, ma non fai bene a tenerla a te, la terra, le piante, le generazioni aspettano la tua luce, il tuo calore, li vogliono per riceverne la vita, la fecondità; perché vuoi privarci d’un tanto bene?  Molto più che col darli a noi tu nulla perdi, anzi acquisti maggior gloria, e tutti ti benediranno.  Tale sei tu, anzi più che sole, ho messo in te tanta luce di verità sulla mia Volontà, che sarebbe bastante più che sole ad illuminare tutti, ed a far più bene che non fa lo stesso sole alla terra; ed Io e le generazioni aspettiamo che si sprigioni da te questa luce, e tu pensi come occultarla, e quasi ti affliggi se persone autorevoli vogliono occuparsi di metterla fuori.  No, no, non sta bene”.

(3) Io mi sentivo morire nell’udire il mio dolce Gesù, e molto più mi sentivo colpevole ché in questi giorni, essendosi ritirato un mio scritto senza conseguire lo scopo per cui era uscito, cioè di metterlo fuori, avevo provato una grande soddisfazione.  Oh!  come mi sentivo male nel sentirmi rimproverare così duramente, e di cuore gli chiedevo perdono.  E Gesù per quietarmi mi ha benedetto, dicendomi:

(4) “Ti perdono e ti benedico, ma sarai più attenta e non lo farai più”.

 

 

Deo Gratias.

 

 

Nihil obstat

Canonico Hanibale

M.  Di Francia

Eccl.

 

Imprimatur

Arzobispo Giuseppe M.  Leo

Octubre de 1926

 



[1] Questo libro è stato copiato direttamente dal originale manoscritto di Luisa Piccarreta

[2] Il terzo confessore, don Gennaro di Gennaro.